Onda Pride 2019: Cagliari, Pisa, Monza e Asti oggi sono rainbow

Anche oggi 4 città hanno mostrato il loro orgoglio. A Monza, in particolare, una suora ha cacciato il gruppo di fedeli che stavano pregando per riparare ai danni dei Pride.

onda pride
4 min. di lettura

Nel suo primo weekend di luglio, l’Onda Pride tocca Asti, Pisa, Monza e Cagliari. Queste ultime tre inoltre rappresenteranno anche il Toscana Pride, il Brianza Pride e il Sardegna Pride. Per Asti e Monza sarà la prima volta che la comunità LGBT+ riempirà le vie delle città, marciando lungo un percorso pianificato.

Patrocini, percorsi contestati e modificati, appelli a Questura e anche preghiere di riparazione. Come in molti altri Pride, anche questo fine settimana di luglio vedrà manifestazioni di protesta, come accaduto ieri a Monza, anche se non è stato un successo.

Le preghiere di riparazione a Monza

Membri di Forza Nuova e ultra cattolici si erano difatti dati appuntamenti davanti il monastero delle Monache Sacramentine, dove avrebbero pregato per riparare ai danni del Brianza Pride. Dopo pochi minuti, però, una suora è uscita dal monastero e ha intimato i presenti ad andarsene. La sua insistenza ha costretto i fedeli a spostarsi a bordo della piazza.

L’Onda Pride in tutta Italia: le parate di Asti e Monza

Partiamo proprio dal Brianza Pride, a Monza. La parata è iniziata alle 16, ma già dalle 15 i manifestanti avevano iniziato a radunarsi in Piazza Castello. In tutto 3,7 chilometri di musica, balli e colori., che andranno a disegnare una farfalla. 3.000 le persone presenti.

Il ritrovo è stato in Piazza Castello alle 15:00. La parata ha poi preso il via alle 16 percorrendo via Mentana fino alla rotonda di via Buonarroti, tornando poi in via Mentana seguendo però via Premuda, via Turati fino in Largo Mazzini. Si è poi arrivati in via Manzoni per raggiungere piazza Centemero e Paleari. Si entra in via Italia fino alla Rinascente, via Azzone Visconti e Porta Lodi. Con gli ultimi metri si arriva a piazza Cambiaghi. Qui è terminata la parata, proprio poco fa, attorno alle 20.

Brianza Pride 2019
IG: @milanopride
Brianza Pride 2019
IG: @i_am_made_of_memories

Anche per Asti è la prima volta. Al contrario di Monza, il Comune ha dato il suo patrocinio, ma sono in molti ad aver remato contro la riuscita della manifestazione.

La gente si è radunata attorno alle 16:00 in piazza Campo del Palio. Da qui hanno percorso Einaudi, piazza Alfieri e corso Alfieri. In piazza Roma il corteo si è fermato per Miguel, un ragazzo che si suicidò dopo essere stato violentato ai giardini Alganon. Hanno ripercorso, quindi, di nuovo corso Alfieri e concluso in piazza San Giuseppe. In pratica, la parata ha coperto l’intero centro storico di Asti, riuscendo nel suo piano di dare visibilità alla manifestazione.

Asti Pride 2019
IG: @laura_vio
Asti Pride 2019
IG: @torchioclaudia

Il Sardegna e Toscana Pride

Cagliari, con una stima di presenza che va oltre le 30.000 persone, quest’anno rappresenterà, oltre il corteo della sua città, anche il Pride della sua regione, la Sardegna. Un impegno doppio, quindi importantissimo.

Per Cagliari, il corteo è partito alle 17:00 da piazza Michelangelo. Da qui, hanno percorso via Todde, via Dante, via Paoli, via Sonnino, via XX Settembre, via Roma. Il punto di ritrovo, alla fine, è stato Largo Carlo Felice.

Sardegna Pride 2019
IG: @cgilsarda
Sardegna Pride 2019
IG: @monsieur_loi

Pisa, invece, è una protagonista importante di questo sabato 6 luglio. Qui, nel 1979, si ricorda il primo Pride italiano. Secondo le prime fonti, sono ben 10.000 persone gli accorsi all’evento.

Gli 11 carri sono partiti da via Benedetto Croce con ritrovo alle ore 16.00.  Segue poi piazza Toniolo, via Ceci, via Bovio, lungarno Galilei, Ponte di Mezzo, lungarno Pacinotti per concludersi in Piazza Carrara.

Toscana Pride 2019, Pisa
IG: @regionetoscana

Toscana Pride 2019

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24
animali-trans

16 specie di animali trans* che fanno tremare i transfobici e le loro argomentazioni

Corpi - Francesca Di Feo 15.4.24
Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: "Ti amo immensamente" - heartstopper bradley riches engagement - Gay.it

Bradley Riches di Heartstopper annuncia il fidanzamento con Scott Johnston: “Ti amo immensamente”

Culture - Redazione 11.4.24

Leggere fa bene

Sardegna Pride 2024 il 22 Giugno a Cagliari

Sardegna Pride 2024: sabato 29 giugno a Cagliari

News - Redazione 26.2.24