Oscar, due film a tinte LGBT nella short list per il miglior film straniero

Tra i nove preselezionati dall’Academy Award il dramma gay sudafricano vincitore del Lovers Film Festival e il trans Una donna fantastica.

oscar
2 min. di lettura

Sorpresa agli Oscar: tra i preselezionati per le nominations a miglior film straniero ci sono due film queer, ma non il favorito 120 battiti al minuto.

È un peccato, ma la pellicola di Robin Campillo non sarà sicuramente tra i cinque candidati all’Oscar per il miglior film straniero. Restano invece in gara il dramma sudafricano primitivista gay The Wound di John Trengove su un occulto rito tribale di circoncisione, vincitore del Lovers Film Festival di Torino, e la toccante odissea trans cilena Una donna fantastica di Sebastian Lelio con la sorprendente rivelazione Daniela Vega, transessuale anche nella vita reale.

oscar
La protagonista di Una donna fantastica, Daniela Vega.

Siamo orgogliosi e felicissimi per John Trengove che amiamo molto – ci comunica Irene Dionisio, direttrice del Lovers Film FestivalÈ un regista talentuoso e bellissimo! Abbiamo apprezzato anche il lavoro del suo compagno Marco Dutra a Locarno, Good Manners (codiretto con Juliana Rojas e vincitore del Premio Speciale della Giuria, n.d.r.). Una vera e grande felicità per questo risultato ottimo per un ragazzo così giovane, The Wound è un film bellissimo premiato dalla nostra giuria composta da Franck Finance Madureira, Vieri Razzini ed Eva Robin’s”.

oscar
Il regista vincitore del Lovers, John Tengrove.

Non ce l’ha invece fatta l’italiano A Ciambra di Jonas Carpignano sulla comunità rom di Gioia Tauro, già vincitore dell’Europa Cinemas Label all’ultimo Festival di Cannes.

Nulla cambia per l’acclamato Call Me By Your Name di Luca Guadagnino che, essendo una coproduzione internazionale, potrà correre in tutte le altre categorie tra cui le più importanti, ossia miglior film, regia e attori.

oscar
La pellicola italiana candidata, è stata esclusa.

Gli altri titoli scelti sono il tedesco In The Fade (Oltre la notte) di Fatih Akin, l’aggraziato Orso d’Oro ungherese Corpo e anima di Ildikó Enyedi, l’israeliano Foxtrot di Samuel Maoz, il libanese L’insulto di Ziad Doueiri, lo scabro dramma russo Loveless di Andrey Zviagintsevgià in pole position per l’Oscar, il senegalese Félicité di Alain Gomis e la Palma d’Oro svedese The Square di Ruben Östlund.

Le nominations agli Acadamy Awards 2018 saranno rese note il 23 gennaio 2018 mentre la cerimonia di consegna dei premi della 90esima edizione degli Oscar si terrà il 4 marzo e sarà nuovamente condotta dal comico Jimmy Kimmel.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
GLORIA! (2024)

Le ragazze ribelli di Gloria! Tutto sul primo sovversivo film di Margherita Vicario

Cinema - Redazione Milano 22.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24

Leggere fa bene

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s - Sessp 39 - Gay.it

Sono nata libera: intervista a Eva Robin’s

Culture - Federico Colombo 23.2.24