Il Partito Gay è un autogol: Spaccata la comunità LGBT, deriso persino da Adinolfi

Il rischio è quello di aver dato vita ad un partito che possa essere utile più ai nostri 'nemici' che alla stessa comunità LGBT.

partito gay
Partito Gay sarà in lista a Milano, Roma e Torino.
2 min. di lettura

Ha fatto non poco rumore l’annuncio di un ‘Partito Gay‘ (Solidale, Ambientalista e Liberale), partorito ieri da Fabrizio Marrazzo, Vittorio Tarquini e Claudia Toscano. Malumori sono piovuti dallo stesso movimento LGBT, scettico nei confronti di un’iniziativa che in tanti hanno criticato, per posizionamento politico, credibilità, senso e rappresentatività. Sin da quel nome, che dimentica un’enorme parte di comunità, a quel ‘Liberale’ che parrebbe occhieggiare ad una precisa parte politica nazionale che da sempre ci umilia, il Partito Gay ha certamente fatto clamore, grazie anche allo sbandierato e fantascientifico obiettivo del 15% nazionale, dato chiaramente ai confini della (ir)realtà.

Il rischio, enorme, è che il Partito Gay possa presto diventare il nuovo Popolo Della Famiglia, deriso dalla stessa comunità LGBT per le percetuali elettorali da prefisso telefonico, nel 2018 fermatesi allo 0.6%. Il rischio, gigantesco, è quello di tramutarsi in pericoloso boomerang, che vedrà i tanti, troppi cattoestremisti d’Italia salire felicemente sul carro del perculo, sottolineando l’inesistenza di un movimento che non vota neanche i ‘propri rappresentanti’. E qui casca l’asino, perché politicamente parlando Marrazzo, Tarquini e Toscano non rappresentano nessuno se non loro stessi, ambizioni personali e gli eventuali elettori che alle urle decideranno di dar loro fiducia.

Ma il cortocircuito politico della settimana è venuto presto a galla perché proprio Mario Adinolfi, l’uomo dello 0.6% che ad ogni elezione millanta sondaggi surreali e una fiumana di voti mai arrivati a destinazione, è stato il primo a deridere il neonato Partito Gay, via AdnKronos.

La mia profezia è che non ci sarà neanche una lista di questo paradossale partito sulle schede elettorali, in nessuna delle città in cui si andrà a votare in primavera. Non riusciranno nemmeno a raccogliere le firme“, ha provocatoriamente predetto il presidente del PDF. “Bisogna fare i conti con la realtà e la risposta politica che potrà avere tale partito è infinitesimale“, ha rilanciato Adinolfi, alla guida di un partito che è già di suo infinitesimale. Ma nessuno osi farglielo notare, perché Adinolfi ha certezze sue e soltanto sue.

Quando si fonda un partito si cerca di dare risposta a bisogni collettivi, come per esempio ho fatto io, insieme ai 300 costituenti, dando vita al Pdf. Ho immaginato di rappresentare decine e decine di milioni di italiani che vanno a comporre il popolo delle famiglie, persone regolarmente sposate con figli; 220.000 italiani mi hanno dato fiducia alle elezioni politiche del 2018. Quando si fonda un partito ci si riferisce a valori che hanno a che fare con una dimensione universale dell’essere umano, non a cosa si fa sotto le lenzuola. Trovo grottesco immaginare un soggetto politico che debba rappresentare un segmento della società che si autoghettizza segnalando la propria attività di carattere sessuale. Una scelta che dimostra – semmai ce ne fosse bisogno – che siamo in una fase di impazzimento della politica, in particolare di quella lobby Lgbt che appare davvero insaziabile, visto che negli ultimi anni ha ottenuto più di altre categorie nel nostro Paese, sia in termini di leggi ad hoc, che di tutele, che di denari indirizzati per l’appunto all’associazionismo Lgbt, di cui goduto in maniera sconsiderata.

Il rischio, a dir poco enorme e a detta di chi scrive drammaticamente evidente, è quello di aver dato vita ad un partito che possa essere “utile” più ai nostri “nemici” che alla stessa comunità, particolarmente scettica sin dalla sua fondazione e storicamente mai compatta nell’indirizzare il proprio voto, proprio perché composta da mille anime. Se così fosse, non propriamente una grande trovata politica, ma un clamoroso ed evitabile autogol.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Davide Longoni 21.11.20 - 9:03

Bacibaci , sottoscrivo il suo post

Avatar
Davide Longoni 21.11.20 - 9:01

sottoscrivo il suo post

Avatar
Franzc Dereck 20.11.20 - 15:33

L'articolo è ben chiaro nel mettere in evidenza come alcuni nostri rappresentanti cerchino seggi remunerativi strumentalizzando i nostri voti . E' servito in passato a fare le fortune politiche di personaggi che ora sono approdati in ( più o meno ) Europa. Abbiamo l'esempio di tanti Paesi civili che hanno ottenuto per noi il matrimonio paritario e gli stessi diritti delle coppie etero , senza fondare partitini ad personam .

Avatar
bacibaci 20.11.20 - 15:31

Liberale non piace? vedo che l'epidemia di statalismo in questo paese non conosce sosta. La destra italiana è una fogna, non è liberale, per quanto si ostini ad usurpare questo termine. Altrove i liberali esistono e fanno davvero i liberali ed infatti non si mischiano certamente con la destra italiana. Nel parlamento europeo c'è il gruppo dei liberali, sono fra i più europeisti e gay-friendly nel p.e. e nessuno dei partiti di destra italiani, lega, fdi e fi ne fa parte. La critica all'aggettivo liberale denota ignoranza storico-politica e pregiudizio ideologico della solita sinistra italiana, la più arretrata in occidente, la più statalista, la più arrogante, la più provinciale. Poverini quelli che hanno pensato di creare il partito gay italiano, non hanno fatto i conti con l'elettorato italiano. Mai illudersi che l'elettorato sia migliore di quello che è, da destra a sinistra, dai gay agli etero, hanno quasi tutti la malattia dello statalismo, gli italiani sono drogati di spesa pubblica, chiunque abbia vinto le elezioni in Italia ha sempre vinto promettendo un aumento della spesa pubblica, la droga più consumata dagli italiani. La sinistra gay che si indispettisce per l'uso dell'aggettivo liberale è l'ennesima conferma di quanto la sinistra italiana faccia schifo, ignorante, provinciale ed ideologizzata. Andate a scuola dai liberali dell'Europa centro-settentrionale prima di indispettirvi per l'uso dell'aggettivo liberale.

Avatar
Anonimo 20.11.20 - 10:28

Adinolfi dovrebbe solo tacere vista la sua totale irrilevanza politica, le sue parole non meritano neanche mezza riga. Tornando alla tragicomica e sciagurata idea del Partito Gay (ahahah!), continuo a pensare che se davvero si vuole contare di più nello scenario politico italiano, anziché chiudersi dentro un micropartitino ghetto che se va bene raggiungerà percentuali da prefisso telefonico, dovremmo aumentare considerevolmente la nostra presenza e partecipazione dentro i partiti del centrosinistra. La destra, per ovvie ragioni, non è neanche da prendere in considerazione.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24

Leggere fa bene

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” - VIDEO - Gabriel Attal 1 - Gay.it

Gabriel Attal: “Francesi vuol dire poter essere premier rivendicando apertamente la propria omosessualità” – VIDEO

News - Redazione 31.1.24
Jill Biden: "Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti" - Jill Biden - Gay.it

Jill Biden: “Donald Trump è pericoloso per la comunità LGBTQ+ e per gli Stati Uniti”

News - Redazione 16.4.24
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
stati-uniti-ban-terapie-affermative

Stati Uniti, continuano i ban alle terapie affermative per i minori: 100.000 lǝ adolescenti abbandonatǝ a loro stessǝ

Corpi - Francesca Di Feo 17.4.24
Europee 2024, Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano: "Figura divisiva, sarebbe un errore candidarlo" - Europee 2024 Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, Marco Tarquinio agita il Pd. Monica J. Romano: “Figura divisiva, sarebbe un errore candidarlo”

News - Federico Boni 2.4.24
Thailandia, parlamento approva quasi all'unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario - Thailandia parlamento 3 - Gay.it

Thailandia, parlamento approva quasi all’unanimità 4 progetti di legge sul matrimonio egualitario

News - Redazione 22.12.23
elly schlein partio democratico

Elly Schlein: “Meloni ha giù fallito, l’alternativa è l’eguaglianza”

News - Redazione Milano 11.11.23
Penny Wong, la ministra degli esteri d'Australia ha sposato l'amata Sophie Allouache - Penny Wong la ministra degli esteri dAustralia ha sposato lamata Sophie Allouache - Gay.it

Penny Wong, la ministra degli esteri d’Australia ha sposato l’amata Sophie Allouache

News - Redazione 18.3.24