Prete trovato in auto con uomo nudo legato si difende: ‘Stavamo solo giocando’

Il prete nega di aver fatto qualcosa di scabroso, ma intanto è partita la denuncia per atti osceni in luogo pubblico.

Arriva dalla Pennsylvania la storia più curiosa del giorno.

Secondo quanto riportato dalla CBS, il 61enne George Nelson Gregory, pastore americano, è stato accusato di oscenità in luogo pubblico. Il motivo? Il prete è stato trovato in auto con un uomo nudo e legato. Gi agenti sono stati chiamati a Beechland Street, Pittsburgh, nel pomeriggio di venerdì. Un veicolo ‘sospetto’ era parcheggiato in strada, ma quando la polizia si è avvicinata all’auto ha scoperto l’incredibile.

Sul sedile posteriore hanno trovato il prete, mentre su quello anteriore un nuovo completamente nudo legato con una corda di nylon. Quando gli agenti hanno chiesto al pastore cosa stesse succedendo, lui ha risposto con un serafico ‘stavamo solo giocando’. ‘Ci incontriamo di tanto in tanto per giocare insieme‘.

L’altro uomo ha confermato il tutto, ribadendo quanto fosse consensuale. ‘Non ho nulla da nascondere, non ho fatto niente di male‘. Peccato che il parroco contesti ora il verbale della polizia, rimarcando ancora una volta la natura ‘giocosa’ dell’atto. Essendo vestito, a suo dire dovrebbe sparire l’accusa di ‘oscenità’. Il prete si è difeso specificando che da anni starebbe aiutando l’uomo (nudo) ad uscire dal tunnel della droga.

‘Non posso negare che ad un certo punto abbia iniziato a spogliarsi, provandoci con me, ma posso giurare su una pila di bibbie, che Dio mi sia testimone, che non ho fatto niente’.

Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni