Levi Davis, il rugbista scomparso soffriva di depressione: il problema della salute mentale nello sport è una cosa seria

Da una settimana non si hanno più notizie dell’atleta, bisessuale dichiarato.

ascolta:
0:00
-
0:00
Levi Davis salute mentale Gay.it
4 min. di lettura

La star del rugby inglese Levi Davis, apparso anche in programmi tv come “X Factor: Celebrity” e “Celebs go dating”, è scomparso una settimana fa in Spagna. La madre, Julie Davis, non ha sue notizie dal 29 ottobre, quando ha postato una foto sui social da un pub a Barcellona, dove aveva fatto ritorno in barca dopo una vacanza a Ibiza. Delle telecamere di sicurezza lo vedono allontanarsi poi con un piccolo zaino nero e, da allora, Levi ha fatto perdere le sue tracce.

Levi Davis salute mentale Gay.it
Levi Davis, giocatore di rugby scomparso una settimana fa

La notizia della sua scomparsa ha riempito negli scorsi giorni i tabloid inglesi, soprattutto dopo che la polizia spagnola ha ammesso di non aver propriamente iniziato le ricerche del ragazzo, anche se non sono stati fatti commenti ufficiali per dare spiegazioni. Julie Davis ha anche lanciato un appello al figlio in diretta tv a “Good Morning Britain” e le speranze che non sia accaduto nulla di grave rimangono alte. Nei giorni successivi alla scomparsa sono emersi alcuni particolari su Levi, come il fatto che avesse recentemente aperto un account OnlyFans e avesse pubblicato la sua prima foto di nudo proprio il giorno prima della scomparsa.

Levi Davis salute mentale Gay.it
L’ultima foto di Levi Davis prima della sua scomparsa dalle telecamere di sorveglianza

Sono tutti elementi presi in considerazione anche se la madre, preoccupata per la sua situazione negli ultimi mesi, ha fatto luce sulla salute mentale del ragazzo. A soli 24 anni, Levi ha già dimostrato il suo incredibile talento, arrivando in poco tempo a giocare come ala per Worthing Raiders nella National League 2 South. Nel 2020, durante un’intervista con il Daily Mail aveva fatto coming out come bisessuale, diventando così il primo giocatore di rugby a fare coming out nel pieno della sua carriera.

Levis aveva anche dichiarato che prima di fare coming out aveva vissuto in uno stato d’ansia che tuttavia, secondo le recenti dichiarazioni della madre, non si sarebbe affievolito successivamente. Anzi, Levi sarebbe entrato in uno stato di depressione dovuto a certe pressioni nell’ambiente sportivo, soprattutto di natura discriminatoria e razziale. «Diceva che ama ancora il gioco, ma non era sicuro di avere un futuro. Sono grandi decisioni di vita, tutto era in sospeso per lui, ma penso che ne avesse abbastanza del rugby inglese». A questo si sarebbero aggiunti anche dei problemi riguardanti i soldi su cui però le dichiarazioni non si sono soffermate.

Levi Davis salute mentale Gay.it
La madre di Levi Davis e il suo appello a “Good Morning Britain”

Non si conosce nulla di specifico sulla scomparsa di Levi Davis, ma i problemi di salute mentale degli scorsi mesi sono stati, sempre secondo Julie Davis, decisamente sorvolati dalla società sportiva che lo rappresenta. Erano molto frequenti anche importanti sbalzi di umore improvvisi, ma i compagni di squadra non hanno parlato di eventi di questo tipo.

Il tema della salute mentale negli ambienti sportivi è uno di cui si parla candidamente da pochi anni. In passato gli atleti erano per lo più scoraggiati dal parlare pubblicamente dei propri problemi, soprattutto quelli che riguardavano possibili disagi legati a disagi o problemi personali. Negli ultimi anni, invece, diversi personaggi del mondo dello sport hanno parlato apertamente dei vari problemi che si trovano ad affrontare.

Levi Davis salute mentale Gay.it
Serena Williams è tra gli atleti che hanno parlato della loro salute mentale

È il caso, ad esempio, del campione olimpico Michael Phelps, che ha parlato della sua lotta con la salute mentale, la depressione e l’abuso di sostanze, o Naomi Osaka, che ha dichiarato di soffrire di attacchi di depressione dal 2018. Anche Serena Williams si è aperta sulla sua salute mentale e la campionessa di wrestling Ronda Rousey ha confessato di aver contemplato il suicidio dopo una sconfitta subita nel 2015.

Quello dello sport è un mondo altamente competitivo e la pressione sugli atleti è all’ordine del giorno. Le aspettative delle società sportive e dei fan, unite ai duri allenamenti a cui si sottopongono, possono avere conseguenze a livello mentale se non si è affiancati da un aiuto specializzato per affrontarli. Il tutto, però, troppo spesso viene sminuito o non preso sul serio, dalle società quanto dai media, rischiando così che gli atleti si sentano soli in questa lotta. Il caso di Levi Davis potrebbe essere l’ennesimo che dimostra come una conversazione chiara e aperta della salute mentale nello sport non sia solo necessaria, ma anche impellente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Continua a leggere

@matthewmitcham88

Quando Matthew Mitcham si “allenava” a non essere gay

News - Redazione Milano 19.10.23
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato - Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato - Gay.it

Jakub Jankto alla ricerca del primo storico goal in serie A da calciatore gay dichiarato

News - Federico Boni 22.9.23
Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico - Lia Thomas - Gay.it

Lia Thomas trascina in tribunale World Aquatics. È una donna trans e vuole nuotare a livello agonistico

Corpi - Federico Boni 26.1.24
Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: "Patetica parodia delle donne" - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova se la prende anche con la drag queen: “Patetica parodia delle donne”

Corpi - Redazione 6.10.23
US Open, per la prima volta 2 tenniste dichiaratamente LGBTQIA+ si sono sfidate in un Grande Slam - US Open per la prima volta 2 giocatrici dichiaratamente LGBTQIA si sono sfidate in un Grande Slam - Gay.it

US Open, per la prima volta 2 tenniste dichiaratamente LGBTQIA+ si sono sfidate in un Grande Slam

Corpi - Redazione 4.9.23
L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali - Sessp 11 - Gay.it

L’oblio oncologico è legge: un dialogo con l’attivista Laura Marziali

Corpi - Federico Colombo 28.12.23
Foto di Önder Örtel su Unsplash

Sanità pubblica e comunità LGBTQIA+, cosa dice il nuovo vademecum dell’ISS – Istituto Superiore di Sanità

Corpi - Francesca Di Feo 7.10.23