“Da bambino volevo essere donna”: il coming out di Rupert Everett

All'età di 15 anni è invece arrivata la piena consapevolezza. "Mi è davvero piaciuto essere gay!".

rupert everett
< 1 min. di lettura

Oggi 60enne, Rupert Everett ha fatto coming out in tempi in cui la dichiarata omosessualità pesava come un macigno, in quel di Hollywood, tanto da tarpargli le ali e frenare la sua carriera d’attore.

Intervistato nel corso del programma radio “Desert Island Discs”, Everett è tornato a parlare del proprio passato, con gli uomini della sua famiglia che passavano i weekend in barca e a giocare a golf, facendo un inatteso coming out. Perché lui odiava quei fine settimana al maschile, preferendo passare il proprio tempo con sua madre, sua nonna e sua zia.

Le adoravo. Volevo essere donna. Non mi piacevano gli uomini. Non mi fidavo di loro. Tutti gli uomini della mia famiglia andavano in barca a vela e giocavano a golf: due cose che trovavo indicibilmente cupe. Io amavo le collane, i reggiseni e tutto quel genere di cose: accoccolato a mia mamma, mia nonna e a mia zia. Da bambino non avevo capito come interagire con gli altri maschi, fino a quando all’età di 15 anni ho lasciato la scuola pubblica, e a quel punto non ho più voluto essere una ragazza. Mi è davvero piaciuto essere gay.

Rupert ha poi ricordato la tragicità dei primi anni ’80, segnati dalla devastazione dell’AIDS.

Ovviamente non dico che il dramma vissuto da me era paragonabile al dramma di chi era sieropositivo all’epoca, ma per tutti i soggetti coinvolti fu un momento terrificante. Ho perso tanti amici e … penso di essere diventato un po’ pazzo. Nei primi film a cui ho partecipato continuavo a pensare, “Mio Dio, cosa succede se improvvisamente mi ritrovo con questa malattia proprio di fronte alla telecamera?”.

L’ultimo film di Everett, da lui diretto, interpretato, prodotto e sceneggiato, è stato The Happy Prince – L’ultimo ritratto di Oscar Wilde.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Sottolineavano ovunque quanto fossi diventata grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24

Continua a leggere