Sincronetti d’Italia: “Basta tabù legati agli stereotipi, sogniamo le Olimpiadi”

Parlano Giorgio Minisini e Nicoló Ogliari, i due atleti azzurri del nuoto sincronizzato, sport dal Comitato Olimpico ancora considerato unicamente per donne.

Sincronetti d'Italia: "Basta tabù legati agli stereotipi, sogniamo le Olimpiadi" - Giorgio Minisini - Gay.it
2 min. di lettura

Alle ultime Olimpiadi di Tokyo il nuoto sincronizzato con i ragazzi in acqua non si è visto, perché se in Italia e a livello internazionale anche gli uomini possono gareggiare, il CIO non ha ancora dato il via libera ai “sincronetti”. LaRepubblica ha intervistato i nostri campioni di categoria, ovvero Giorgio Minisini, 25enne che in nazionale fa coppia con Lucrezia Ruggiero, e il 23enne Nicoló Ogliari, in acqua in coppia con Federica Sala.

“Tradizionalmente è tutto un mondo femminile”, confessa Ogliari. “Ci sono ancora molti tabù in questi sport legati agli stereotipi”. Conferme dirette anche da parte di Minisini: “Non è stato tutto facile nel fare questo sport. Da bambini è stato bello, perché i bambini hanno una mente aperta. Crescendo mi sono reso conto che c’è ancora voglia di conservare le tradizioni, che vanno contro il nuoto sincronizzato maschile o il calcio femminile. Le persone hanno iniziato a dubitare di quello che facevo ma anche di quello che ero, perché per qualche motivo la gente pensa che se fai uno sport fatto da tante ragazze tu sei omosessuale. La cosa un po’ mi è pesata”, ha confessato Minisini, un oro e tre argenti mondiali in coppia nonché campione italiano nell’esercizio individuale.

“Da quando ho messo la testa sotto l’acqua e sono andato a testa in giù ho detto, “questo è il mio sport!”, ha continuato Ogliari. “Il gesto atletico è unito alla musica. Ci vuole armonia, flessibilità, unisce l’aspetto estetico all’aspetto atletico. Dobbiamo far vedere che siamo perfetti. Questa continua ricerca della perfezione è stressante. Un uomo in questo sport può portare la forza, mentre nella squadra questa differenza di genere non si nota”.

“Nel nostro sport non c’è differenza oggettiva di genere tra uomo e donna”, ha confermato Minisini. “Non c’è un sesso più facilitato dell’altro. Lo sport può veicolare un messaggio di parità, di uguali possibilità e di egual valore”. Entrambi, giustamente, si considerano dei “pionieri”, almeno in Italia. Ma non è stato facile. “Ho preso insulti, minacce, risate, per fare nuoto sincronizzato che nessuno ti calcola se non ottieni medaglie mondiali e olimpiche, spesso ho pensato chi me lo facesse fare”, ha continuato Minisini, attualmente al lavoro in vista degli europei di Roma. “Alle Olimpiadi non c’è ancora una rappresentativa maschile, speriamo di fare qualche passettino in avanti. Per Parigi è difficile. Il CIO vuole metà atleti e metà atleti donne. Questo significa che gli sport prettamente femminili non possono essere toccati perché fungono da riserva per le atlete femminili”. Minisini e Agliardi puntano così alle Olimpiadi di Los Angeles 2028. “Ma deve essere il CIO a muoversi”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all'amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO) - Silvana Della Magliana di Drag Race Italia si e unita civilmente allamato Federico - Gay.it

Tony D’Elia aka Silvana Della Magliana di Drag Race si è unito civilmente all’amato Federico. Chiara Francini officiante (VIDEO)

Culture - Redazione 24.6.24
Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza - Fuori film con Elodie - Gay.it

Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza

Cinema - Redazione 25.6.24

Leggere fa bene

Bulk Bronson, il wrestler fa coming out: "Sono bisessuale" - Bulk Bronson - Gay.it

Bulk Bronson, il wrestler fa coming out: “Sono bisessuale”

Corpi - Redazione 5.6.24
Olimpiadi Parigi 2024, 300.000 preservativi per tutti gli atleti in gara - Olimpiadi profilattici - Gay.it

Olimpiadi Parigi 2024, 300.000 preservativi per tutti gli atleti in gara

Corpi - Redazione 20.3.24
aics-sport-inclusione-intervista-bruno-molea

Da GayCS al tesseramento ALIAS, la storia di AiCS nel promuovere l’inclusione nello sport – Intervista al presidente Bruno Molea

Corpi - Francesca Di Feo 5.1.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: "L'amore per il pallone la batte" - Campagna social contro lomofobia 1200x686 copia - Gay.it

La Lega Nazionale Dilettanti in campo contro l’omofobia: “L’amore per il pallone la batte”

Corpi - Redazione 16.5.24
I repubblicani d'America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica - Laurel Hubbard 1 - Gay.it

I repubblicani d’America presentano legge per bandire le atlete trans dalla squadra olimpica

News - Federico Boni 7.2.24
Stefano Belotti sogna le Olimpiadi con lo slip firmato e la cover di Dust - Stefano Belotti collage 4 1 - Gay.it

Stefano Belotti sogna le Olimpiadi con lo slip firmato e la cover di Dust

Lifestyle - Luca Diana 25.6.24
Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24