Stoccolma, guida gay

La vita gay è all’insegna della piú assoluta integrazione, ma niente darkroom o saune. Eleganza, stile, il bellissimo popolo svedese, arte e natura, per una vacanza friendly da fare almeno una volta nella vita.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Il nord Europa, e in particolar modo la Scandinavia, sono da sempre sinonimo di libertà ed emancipazione, anche sessuale.

Svezia: paese precursore per i diritti LGBTQ

Fattori culturali, ambientali e religiosi rendono la società Svedese aperta, libertaria, con una robusta tradizione democratica e di rispetto delle minoranze, compresa quella LGBTQ, che prescinde dalla oscillazioni politiche.

La Svezia ha sempre anticipato le principali conquiste LGBTQ: ha eliminato dalle malattie mentali l’omosessualità nel 1979, ad esempio, mentre internazionalmente questa progresso si è avuto nel 1990; dal 1998 sono state registrate le convivenze omosessuali; le unioni civili sono legali dal 1995. L’europride qui è stato nel 1998.

Dal 1999 viene nominato l'”HOMO” (Ombudsman against Discrimination because of Sexual Orientation), una sorta di garante nominato dal Governo contro la discriminazione, e dal 2009 il matrimonio è stato reso gender-neutral.

Per contro, negli anni ’80, sono stati vietati i locali con dark room e le saune gay per contrastare il dilagare dell’AIDS.

Stoccolma: informazioni generali

Aggiungiamo il fascino e l’eleganza di una città della capitale svedese, con caratteristiche naturali uniche.

Situata su 20 isolotti sul Mar Baltico uniti da ponti e canali come una sorta di “Venezia del Nord”, Stoccolma conta 1 milione di abitanti, ma in pochi minuti consente di raggiungere dei lussureggianti boschi subito fuori città: la natura circostante è stata tutelata in ogni modo, com’è nella cultura svedese.

Il centro città vive in simbiosi con il mare, ha uno dei meglio conservati quartieri medioevali, e brilla per pulizia, eleganza ed equilibrio con la natura. Poco traffico e molte biciclette la rendono una città vivibilissima.

Ti suggeriamo anche 

La Svezia non concede l'asilo, 19enne gay rischia di tornare in Iran

Come in molte città del nord, nonostante le temperature, sulle rive vengono create spiagge artificiali e ambienti simil-balneari per prendere il sole e divertirsi.

Infine, aggiungiamo l’oggettiva bellezza e lo stile innato del popolo Svedese, e gli ingredienti per una vacanza gay friendly da fare assolutamente una volta nella vita ci sono tutti.

Pronti? Ecco la nostra guida gay di Stoccolma

Locali ed eventi Gay a Stoccolma

Stoccolma non ha un vero e proprio quartiere gay, ma ci sono due aree principali per i locali friendy: il trendy Södermalm district e Gamla Stan, la città vecchia, risalente al medioevo.  Le bandiere rainbow sventolano comunque in quasi tutte le zone del centro città.

  • Patricia– Ristorante e disco. Una serata gay leggendaria, da non perdere assolutamente, con una vista incredibile, a Söder Mälarstrand. Söder Mälarstrand, Kajplats 19. Situato su un battello, ogni domenica una discoteca dopo cena che attrae una folla di gay e lesbiche che letteralmente invade il molo.
  • Moxy– dedicato soprattutto alle donne, di tutte le età ma con un elemento comune: la voglia di ballare!
  • SLM– club leather per svedesi DOC – Wollmar Yxkullsgatan 18, Södermalm
  • Club Backdoor – Situato vicino alla Tele 2 Arena, ha 3 bars e 3 piste (House, Techno, Pop anni ’90)  – Arenavägen 75, Tolv
  • Guldrummet Sthlm – Festa mensile al Berns Salonger. sfarzoso, divertente e con una grande pista da ballo. Näckströmsgatan 8, City
  • Trädgården Solo d’estate locale dal sapore un po’ hipster, pubblico giovane e creativo. Hammarby Slussväg 2, Skanstull, Södermalm
  • KINK KONG in una cantina, molto underground.
Ti suggeriamo anche 

Koh Tao: l'isola della Thailandia dal mare e dai fondali incredibili

Locali gay chiusi:

Kinks & Queen, Propaganda, Side Park

Bar e ristoranti friendly a Stoccolma

  • Hjärtat på Torget  situato nel cuore di Gamla Stan è l’ideale per iniziare la serata ed avere informazioni su cosa succede in città
  • Chokladkoppen, il primo bar apertamente lgbt a Stoccolma, un piccolo locale ideale per un caffè ed un dolce
  • Whippet Lab: in pieno spirito social-democratico si definisce il primo ristorante e bar della giustizia sociale in Svezia. Fondato da Jami Weinstein e VS Brodie, Whippet propone birra artigianale  proveniente dai paesi nordici e baltici. Da segnalare l’evento mensile Atmosqueer, oltre a speech, e raccolte fondi, attivismo politico.
  • Side Track: Nella zona di Södermalm, un bar gay dall’atmosfera intima, del personale piacevole e del buon cibo economico. Il DJ suona un mix di successi pop e vecchi.

Shopping a Stoccolma

Stoccolma è per la Svezia ciò che Milano è per l’Italia: la città della moda. Il minimalismo svedese ha comunque coinvolto anche la moda, ed esiste certamente un riconosciuto “Swedish touch” anche nel fashion. Stoccolma offre moltissimo in termini di shopping, ma in questa guida ci sempre d’obbligo segnalare questi hotspot per la moda nogender.

  • Hope: collezione creata da una coppia di designer. Ispirata dalle uniformi vintage, nel 2017 ha deciso di cambiare le cose e sfidare le norme e le convenzioni della moda; tutti gli abiti sono unisex e sono disponibili in taglie sia per uomo che per donna. Il flagship store si trova a Smålandsgatan, i punti vendita ad Odengatan e Götgatan.
  • Remake è gestito da un’organizzazione benefica. Tutti i prodotti sono realizzati localmente con materiali riciclati per creare oggetti unici nel loro genere.
Ti suggeriamo anche 

Phuket: il perfetto binomio tra relax e movida gay-friendly

Stoccolma gay friendly: zone all’aperto

Questi consigli sono da considerare solo nelle stagioni calde: anche se per gli Svedesi anche un raggio di sole incoraggia a scoprirsi, per noi Italiani sono suggeribili solo d’estate.

Longholmen: una piccola spiaggia gay friendly e con molte famiglie.

Frescati, la zona è invece più marcatamente gay ed adatta al cruising. Anni fa qui si organizzavano anche i “gay camp”, una sorta di colonia estiva omosex.

Stoccolma: arte e musei

Per ciò che riguarda la città vera e propria vale la pena visitare il Palazzo Reale, il Municipio chiamato “Stadshuset,” la residenza estiva dei monarchi a Drottningholm e alcuni musei come il Museum of Modern Art o il National Museum.

Sul versante più pop da non perdere l’ABBA museum! dedicato al gruppo svedese di culto, autentica icona gay.

Inoltre da segnalare le stazioni della metropolitana allestite come opere d’arte: Art in The Subway.

Foto The Guardian

Consigli da persone LGBTQ local a Stoccolma

Consigliamo anche di dare un’occhiata alle Stockholm Voices, i consigli da alcuni opinion leader LGBTQ che vivono a Stoccolma, pubblicati sul sito dell‘Ente Del Turismo.

Stoccolma gay: eventi LGBTQ e quando andare

La pride week di Stoccolma per il 2020 sarà dal 27 Luglio al 2 Agosto.

Da segnalare anche il Cinema Queer Festival in Ottobre.

Foto cover: Nadine Wuchenauer  

Omofobia

Pestato a sangue mentre gli gridano ‘fr*cio’, ma i colpevoli sono già fuori di prigione

La polizia ha identificato i due sospetti responsabili. Arrestati per aggressione, sono stati rilasciati. Ecco perché.

di Federico Boni