Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano)

Un emergente designer italotedesco, dichiaratamente gay, collaboratore di Slava Mogutin, ci spiega la sua idea di design rivolto agli omosessuali. E che il "gay design" forse non esiste neanche.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaBASE 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF1 - Gay.it

La categoria dei designers è indubbiamente caratterizzata da un’alta concentrazione di gay anche se meno vistosa rispetto ad altre professioni come accade invece nel mondo della moda. Eppure sono davvero pochi i designers dichiaratamente gay e non è facile trovare un ‘filone creativo’ espressamente rivolto a un target omosessuale. Ma esiste forse un ‘design gay’? E che significato ha nella cultura queer? Ne abbiamo parlato con un designer apertamente gay, l’emergente italotedesco, Sven Barletta, che alla soglia dei trent’anni vanta una collaborazione con uno dei più trasgressivi artisti contemporanei, il vulcanico Slava Mogutin, amico di Allen Ginsberg di cui tradusse in russo la produzione poetica.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF2 - Gay.it

Ma l’eclettico Sven lavora anche con MTV e col meno allineato dei festival gay internazionali, lo sperimentale Mix di New York e ha realizzato le locandine tedesche di vari film di successo, quali "I love you Phillip Morris" e l’italiano "Caos calmo". Ha anche vinto due "American Design Awards". Lo abbiamo conosciuto durante il Festival di Cannes, dove cercava ispirazione tra cinema d’autore e divismo glam internazionale. È piuttosto timido e riservato ma con una personalità altrettanto spiccata e sembra illuminarsi quando parla della sua grande passione lavorativa.

Ti definisci ‘gay designer’ o sei un ragazzo gay che lavora come designer?Sono gay e faccio design. Non mi piace definire cose, persone, designers o creazioni artistiche. Non sono un teorico e guardo sempre i contenuti. Lavoro nell’arte e nel cinema e non saprei dire che cos’è un ‘gay designer’.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF3 - Gay.it

Raccontami la tua esperienza al "Mix – New York Queer Experimental Film Festival", una delle rassegne queer più innovative del momento…
Mi piace lavorare con i ragazzi del Mix di New York. È un festival divertente e selvaggio, cercano sempre di renderlo un evento memorabile per tutti. Essendo un film festival sperimentale, cerco sempre di infondere un po’ di contrasto nel design, con elementi pop o mainstream, per farne una caricatura ma anche per rendere il festival più visibile. È decisamente divertente. Penso che quando hai un film festival sperimentale con filmakers e film sperimentali e ci sono anche opere solo sperimentali non è molto eccitante!

Hai ideato la locandina tedesca di "I love you Phillip Morris"… Che cosa pensi del cinema gay contemporaneo?
Non vedo ogni film a tematica gay che esce. Li vedo soprattutto ai festival come Cannes o Berlino. Purtroppo noto che molti di essi sono realizzati su misura essenzialmente per un pubblico gay, il che va bene ma personalmente mi interessa vedere buoni film, non solo opere vincolate dal fatto di avere un argomento gay.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF4 - Gay.it

Hai realizzato altri lavori correlati alla cultura queer?
Di solito non definisco nella mia testa un ‘progetto gay’. Sono felice di lavorare per progetti alternativi, progetti sui diritti umani che includono anche progetti queer. Lavoro con Slava Mogutin e Brian Kenny a New York o artisti di stanza a Berlino come per esempio Rinaldo Hoft. Ho anche curato la direzione artistica di alcuni libri d’arte con contenuti d’interesse gay.

Lavori in vari ambiti, come designer…
Ciò che realizzo può finire nel web o stampato su un poster, non è limitato a un medium specifico. Faccio anche ‘motion design’ e animazioni. Ma adoro il web design, è un modo molto veloce e immediato per farlo arrivare al mondo.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF5 - Gay.it

Vivi a Berlino. Dimmi delle tue origini italiane…
Sì, amo Berlino. Ci si sente così liberi qui… Mio padre è pugliese e ho ancora la mia famiglia dalle parti di Brindisi che cerco di andare a trovare almeno una volta all’anno. Adoro veramente l’Italia, la sua bellezza, il cibo e lo stile di vita.

Pensi che a Berlino ci sia una sorta di ‘lobby’ dei designer gay composta da omosessuali che lavorano insieme e traggono ispirazione l’uno dall’altro?
Conosco vari gruppi che lavorano insieme e alcuni di loro sono composti principalmente da gay ma non penso che si concentrino su progetti eminentemente omosex. Penso che molti di loro siano semplicemente designer, alcuni dei quali gay.

Quali sono i tuoi designers preferiti, etero o gay?
In questo periodo non guardo molto i lavori degli altri designers. Quando vedo qualcosa che mi piace, e che può letteralmente essere qualsiasi cosa in giro per il mondo, lo salvo nel subcosciente e lo memorizzo in modo che durante il lavoro fluisca naturalmente nel processo creativo. Penso che sia pericoloso quando sei un designer essere solo ispirato dal lavoro degli altri designers, che può emergere come qualcosa di innato.

Sven Barletta: la creatività è gay (e ha sangue italiano) - barlettaF6 - Gay.it

Ti piacerebbe lavorare in Italia?
Assolutamente sì. Mi piacerebbe dare il mio contributo a progetti italiani ma purtroppo la mia conoscenza della vostra lingua è molto limitata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker? - Grande Fratello 2023 - Gay.it

Grande Fratello, chi vincerà secondo i bookmaker?

News - Luca Diana 3.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24

Hai già letto
queste storie?

Gianni Versace L'imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà? - Gianni Versace limperatore dei sogni cover - Gay.it

Gianni Versace L’imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà?

Cinema - Redazione 29.11.23
Noen Eubanks genz tiktok eboy

Noen Eubanks, chi è l’e-boy della GenZ che sbanca TikTok e piace alla moda

Lifestyle - Redazione Milano 8.12.23
Brianna Ghey con Esther gay (gay times)

La mamma di Brianna Ghey lancia una campagna per supportare la salute mentale dellə ragazzə

News - Redazione Milano 8.9.23
Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d'amore con Jacques Benita - Christian dior 4 - Gay.it

Christian Dior, il biopic sullo stilista racconterà anche la sua storia d’amore con Jacques Benita

Cinema - Redazione 5.9.23
@bellaramsey

Bella Ramsey presta il volto alla linea di moda per persone non binarie

Culture - Redazione Milano 8.11.23
Eva Riccobono a Belve: “Sono stata con una donna. Mi sono finta uomo trans per entrare ad una festa” - VIDEO - Eva Riccobono a Belve - Gay.it

Eva Riccobono a Belve: “Sono stata con una donna. Mi sono finta uomo trans per entrare ad una festa” – VIDEO

Culture - Redazione 18.10.23
marco mengoni gay it adriano russo vogue hong kong

Marco Mengoni dice che nessuno può nascondere le emozioni: è su Vogue HK nei ritratti di Adriano Russo

News - Redazione Milano 14.9.23
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24