“Cambiamo nome al telescopio dedicato a James Webb. Era un omofobo”

Scienziati e fisici uniti per eliminare la dedica al direttore della NASA dal telescopio JWST: "Partecipò alle politiche americane anti-LGBTQ+ negli anni Cinquanta". Ma non tutti concordano.

“Cambiamo nome al telescopio dedicato a James Webb. Era un omofobo" - James Webb - Gay.it
2 min. di lettura

In Italia c’è chi si dimette dopo aver proposto di intitolare un parco pubblico al fratello di Benito Mussolini, all’estero c’è chi dibatte sul nome di un telescopio che sì, è stato tacciato di omofobia. Si tratta del JWST, sigla che indica il James Webb Space Telescope, avanguardia dell’astronomia, il più potente occhio sull’universo mai realizzato. Il telescopio sarà lanciato il prossimo 31 ottobre dallo spazioporto di Kourou, nella Guiana francese, e raggiungerà la sua posizione finale in circa quattro settimane.

Il telescopio, promosso dalla NASA, l’ESA e la CSA, è finito al centro delle polemiche per il nome che gli è stato attribuito circa venti anni fa, durante la fase di costruzione. Erede dell’Hubble, il JWST (originariamente Next Generation Space Telescope) rende infatti onore a James Edwin Webb, funzionario statunitense e secondo amministratore della NASA, carica ricoperta tra il 1961 e il 1968, negli anni precedenti alla missione Apollo 11. Un punto di riferimento per l’agenzia spaziale, che sotto la spinta di Webb iniziò a sviluppare tecnologie non solo a scopo militare, ma anche scientifico. Tuttavia, un gruppo di astronomi e scienziati non ritiene che sia corretto dedicare il telescopio alla memoria dell’uomo, di cui globalmente viene riconosciuto l’impegno speso per il progresso tecnologico. La ragione del rifiuto e della petizione per il cambio del nome, firmata da oltre 1.500 tra tecnici e operatori, va individuata nella responsabilità che Webb avrebbe avuto durante il cosiddetto Lavender Scare (“il panico color lavanda”), periodo di pressioni e persecuzioni nei confronti degli omosessuali, coincidente con gli anni Cinquanta. All’epoca, persone dichiaratamente appertenenti alla comunità LGBTQ+ vennero allontanate dai propri posti di lavoro con l’accusa di essere facili bersagli e burattini per le armate sovietiche. Una vera e proprio caccia alle streghe, che non lasciò esente da ripercussioni anche la comunità scientifica statunitense.

Un libro del 2004 dello storico David K. Johnson affronta l’argomento con alcuni indizi che vedrebbero parzialmente coinvolto proprio lo stesso James Webb, che appena due anni prima aveva ricevuto la dedica al telescopio. Dal canto suo, la NASA non ha ignorato le motivazioni degli scienziati e ha scelto di ascoltare le voci dei firmatari della protesta: Chanda Prescod-Weinstein, Sarah Tuttle, Lucianne Walkowicz e Brian Nord. Il decollo del JWST è però ormai alle porte e un cambio di nome comporterebbe gravi ritardi per via dell’aggiornamento di documenti, di dati digitali e di software. E il tempo è quasi scaduto, se consideriamo che il lancio in orbita era già previsto per il 2007, quasi 15 anni fa. Qualcuno paventa l’ipotesi del sabotaggio da parte dei manifestanti, qualora le loro richieste non venissero accettate, ma l’idea sembra da escludere. I costi per ripagare eventuali danni alla piattaforma di lancio e al telescopio sarebbero immani, insostenibili.

D’altra parte, molti sostengono che James Webb non abbia avuto un ruolo determinante nella definizione della politica americana anti-LGBTQ+ in piena Guerra Fredda. Il cosmologo e divulgatore scientifico Hakeem M. Oluseyi, ad esempio, ha escluso che Webb durante il suo incarico alla NASA abbia manifestato atteggiamenti ostili nei confronti dei suoi dipendenti non eterosessuali. Negli archivi dell’agenzia non ci sarebbe infatti traccia di episodi di intolleranza. In definitiva, prove concrete tanto della sua estraneità al Lavender Scare, tanto della sua partecipazione attiva, non ci sono. Nel frattempo, la polemica non cessa.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24

Leggere fa bene

torino-casarcobaleno-aggressione

Torino, tre minorenni fanno irruzione nella sede di CasArcobaleno urlando insulti omobitransfobici durante una proiezione cinematografica

News - Francesca Di Feo 9.10.23
Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l'omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3 - Drag Race Italia 3 pioggia di drag a San Siro per Inter Bologna per dire basta allomobitransfobia nel calcio 1 - Gay.it

Pioggia di drag a San Siro per Inter-Bologna contro l’omobitransfobia nel calcio e lanciare Drag Race Italia 3

Culture - Redazione 7.10.23
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
"Sono gay?", è boom di ricerche Google dal 2004 ad oggi - Sono gay - Gay.it

“Sono gay?”, è boom di ricerche Google dal 2004 ad oggi

News - Redazione 27.10.23
dua lipa omofobia transfobia misoginia

Dua Lipa: “Omofobia e transfobia sono parenti della misoginia”

Musica - Redazione Milano 27.8.23