La tomba dedicata all’amore gay non piace a Forza Italia: “Cattivo gusto”

La lapide colorata dell’attivista gay Carlo Annoni è la più visitata al cimitero di Mariano Comense, nell’insofferenza della destra locale.

Nel comasco una tomba fa discutere per i suoi colori. O forse perché racconta una storia d’amore gay lunga 36 anni.

Se vi è capitato di entrare in un cimitero avrete senz’altro incontrato una tomba riccamente scolpita o una cappella imponente, per lo più rivendicazioni sospese tra qui e l’aldilà sul potere o sulla ricchezza dei defunti e delle loro famiglie.

A ben guardare un peccatuccio di superbia, tuttavia ben tollerato nell’idea che i defunti siano ricordati nel modo scelto da loro o dai loro cari.

Non sta godendo della stessa indulgenza invece la lapide di Carlo Annoni, infermiere e attivista gay brianzolo scomparso in aprile a 61 anni. Una tomba oro e azzurra, ricca di fiori e foto con il compagno di una vita, Corrado Spanger.

tomba
La tomba di Carlo Annoni al camposanto di Mariano Comense.

Una scelta vistosa sì, che ha attirato dal primo giorno la curiosità dei visitatori, ma fatta per un buon motivo: “Carlo e io abbiamo voluto far capire che l’amore gay non ha in sé nulla di male – ha raccontato Corrado al Corriere della Sera ma anzi, se vissuto con intensità e in modo totalizzante, come il nostro, regala una vita a colori”.

Storie

Ricongiungimento familiare negato a coppia gay: cittadini di serie B anche ai tempi del Covid 19

Lontani da 3 mesi, a 2100 km di distanza, perché lo Stato non riconosce una coppia gay come famiglia che può riunirsi.

di Alessandro Bovo