Ecco come una foto ha scatenato l’odio oscuro per le donne transessuali

La presunta foto di una donna transessuale picchiata a Roma, circolata in rete nei giorni scorsi, ha portato a galla problemi etici sui quali è il caso riflettere.

Ecco come una foto ha scatenato l'odio oscuro per le donne transessuali - Untitled 4 - Gay.it
2 min. di lettura

C’è una foto di una donna transessuale con ecchimosi sul volto, senza una scarpa, che giace a pancia in su per terra, sull’asfalto sudicio, vicino ad una fermata dell’autobus. C’è un ragazzo che vede distrattamente questa foto circolare sulla sua bacheca, conosce la donna in questione, la condivide e tagga i suoi amici. Ci sono i suoi amici che iniziano a schernirla, “guarda npo il merdoso“, “oh t’assomia“, “ma che v’ha fattooooooooo chi gli ha menatoooooo“, “boh non se sa pero lo stimo chi gli ha menato“. C’è l’odio di una borgata di giovani della periferia est di Roma, l’intolleranza di un gruppo di piccoli bulletti, la transfobia che si sviluppa in un contesto sociale e culturale asfissiante, ma che non attecchisce su tutti.

[symple_spacing size=”20″]

La vera notizia di questa vicenda è l’orrore che è stato generato da una non-notizia, bisogna ammetterlo. Non risultano denunce recenti fatte alla polizia, nessuno sembra essere a conoscenza di un’aggressione, anche se alcuni dicono di aver visto la donna, “era sempre sul 313 o forse sul 314“. Le uniche testimonianze di una presunto agguato sono i commenti di quei ragazzi su Facebook. Poi arriva un’assistente sociale e per vie traverse fa sapere che la donna è effettivamente una transessuale (poiché neanche questo era chiaro), che “vive una situazione di disagio nota da tempo agli operatori della zona e che probabilmente non c’è stato nessun pestaggio, la donna si sarebbe verosimilmente accasciata a terra dopo un malore”. La donna transessuale verterebbe “in uno stato di abbandono e avrebbe bisogno di ben più d’un ricovero notturno, le servirebbe un aiuto concreto da parte dei servizi sociali”, finora mai arrivato.

[symple_spacing size=”20″]

La vera notizia in tutta questa storia è quindi l’odio. Quello scatenatosi da un branco di minorenni posto di fronte a foto del genere, un odio immaginifico e vendicativo. L’odio di un’assistente sociale che utilizza un linguaggio poco idoneo ad inquadrare una situazione delicata come quella di questa donna e che manifesta disprezzo irrazionale, risentimento. Ma è anche l’odio di una parte (piccola, per fortuna) della stessa comunità LGBT, che sa cos’è l’omofobia ma non sa cos’è la transfobia e basa i propri giudizi su cliché conclamati e discriminatori. “Una persona poco stabile, alcolizzata e violenta, che approfitta dell’ospedale per vitto, alloggio, igiene e abiti puliti, per poi uscire la sera e tornare a prostituirsi”, ha scritto un ragazzo gay sulla nostra pagina. “Magari li aveva provocati, lo fanno spesso i trans”, ha scritto un altro.

[symple_spacing size=”20″]

C’è la possibilità che non ci sia stata alcuna aggressione. Lo spettro di variabili sul perché la donna fosse a terra è vastissimo: potrebbe essere stata aggredita o potrebbe essere svenuta per il caldo, per la stanchezza, per alcol o per droga. La foto potrebbe essere di una settimana o di un anno fa. Ma è agghiacciante quello che una foto del genere, anonima e spersonalizzata, senza alcun riferimento riconducibile direttamente a qualcosa di concreto, ha provocato su una piattaforma di così ampia distribuzione come quella di Facebook.

[symple_spacing size=”20″]

Il dato che conta e che dovrebbe indignare è soprattutto il fatto che questa persona non sia stata soccorsa. Chi ha fotografato ha pensato più a rubare uno scatto che a cercare di risolvere la situazione, a soccorrere la vittima. Ha pensato a usare la situazione per divertirsi e divertire, come se fosse un’attrice, una recita. Solo a noi tutto questo sembra incredibilmente inquietante?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24

Continua a leggere

x-politiche-deadnaming-misgendering

X reintroduce le politiche di moderazione contro deadnaming e misgendering

News - Francesca Di Feo 6.3.24
@matttheperson

Chi è Matt Taylor, portavoce dellə gen Z su TikTok

Culture - Riccardo Conte 22.1.24
Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby - Roma Lazio il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti in vista del derby - Gay.it

Roma-Lazio, il vergognoso coro omofobo e antisemita dei romanisti alla vigilia del derby

News - Redazione 5.4.24
afghanistan-persone-transgender

L’Afghanistan a 3 anni dall’ascesa dei talebani: stupri, torture e violenze all’ordine del giorno per le persone transgender

News - Francesca Di Feo 2.4.24
deumanizzat-bambin-trans-ideologia

Deumanizzatǝ: quando la vita di unǝ bambinǝ trans vale meno della propaganda di potere

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Lingua e comunità LGBTQIA+

Lingua e comunità LGBTQIA+: non chiamatelo omofobo, è un misomosessuale, perché non è fobia, è odio

Guide - Emanuele Bero 5.12.23
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
Peter Spooner, Rishi Sunak

“Chiedete scusa alle vittime di transfobia!” il padre di Brianna Ghey al primo ministro Sunak

News - Redazione Milano 8.2.24