Tredici squinternati e un funerale

Un insospettabile segreto gay sconvolge una cerimonia funebre nella spassosa commedia british 'Funeral Party' di Frank Oz. Nel cast ben diretto anche l'indimenticato Rupert Graves di 'Maurice'.

Tredici squinternati e un funerale - funeralpartyBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Tredici squinternati e un funerale - funeralpartyF1 - Gay.it

Non si muore dal ridere ma ci si diverte, eccome. Dopo i successi planetari di In & Out e il parziale flop del remake camp La donna perfetta, il bravo regista Frank Oz (è suo quel gioiellino di La piccola bottega degli orrori, ricordiamo) è tornato in patria, l’Inghilterra, per girare all’interno dei celebri Ealing Studios Funeral Party, un’azzeccata commedia corale senza star hollywoodiane – «ci sono 13 personaggi: se uno di questi fosse stato interpretato da un nome di grido l’equilibrio sarebbe saltato» ha dichiarato Oz – incentrata su un compassato funerale nell’altrettanto compassata campagna inglese.

Tredici squinternati e un funerale - funeralpartyF2 - Gay.it

Classica situazione da fazzoletti umidi e percepibile afflizione, quindi. Ma anche terreno fertile per innestare un meccanismo comico irresistibile alla Il caro estintoFuneral Party ha vinto il premio del pubblico al Festival di Locarno – capace di trasformare il mesto evento in una vera e propria farsa in cui verranno alla luce i problematici legami sentimentali di una famiglia discretamente disfunzionale: i due fratelli Daniel e Robert mal si sopportano, anche perché il primo non riesce a far pubblicare un manoscritto a cui tiene in maniera particolare mentre il secondo, egocentrico scrittore di fama, vive a New York in un superattico (e tutti si sorprendono con

Tredici squinternati e un funerale - funeralpartyF4 - Gay.it

disappunto perché non sarà Robert ma Daniel a leggere l’elogio funebre); la vedova Sandra è travolta dal dolore ma non perde occasione per ‘beccare’ la nuora Jane che non vede l’ora di andarsene dalla casa della suocera dove vive col frustrato marito Daniel di cui sopra; la cugina Marta vorrebbe far bella figura davanti al padre col fidanzato Simon ma quest’ultimo ingerisce per errore una pasticca di acido rinforzato alla mescalina e dà di matto tra allucinazioni e passeggiate sui tetti; Howard è un amico di Daniel ipocondriaco ossessionato da un’eruzione cutanea e costretto ad accompagnare insieme al rozzo Justin, innamorato di Martha, il burbero capofamiglia, zio Alfie, costretto su una sedia a rotelle.

Tredici squinternati e un funerale - funeralpartyF3 - Gay.it

Già dall’inizio, a causa di un’improvvida sostituzione di bare, si capisce che questo funerale è destinato ad andare storto. Ma la vera minaccia è lì alla cerimonia, ad altezza feretro, quel nano che nessuno conosce, pronto a ricattare Daniel perché non riveli un impronunciabile segreto sull’irreprensibile condotta morale dell’amato defunto. È la molla, l’elemento disturbatore che scatena una serie di catastrofici equivoci dall’anima molto queer – dopotutto non basta guardare alle pareti di uno studio per capire se chi lo utilizza è gay? – in cui si citano Davide e Gionata, penne nel sedere, persino oltraggiosi 69 omosessuali post mortem. Si ride, dicevamo, ma senza l’effetto cumulo della comicità slapstick che si avverte solo nel finale quanto piuttosto tramite azzeccate battute dall’humor sottile declinato ovviamente verso il dark, dette al momento giusto e nella scena giusta. Infatti, nonostante si ricorra persino a un raccapricciante tocco scat, il tutto riesce a mantenere una certa compostezza indubbiamente british che evita facili scivolate di cattivo gusto e scontate volgarità a buon mercato.
Il merito è soprattutto della calibrata sceneggiatura del trentaduenne Dean Craig e dell’affiatamento del cast, ottimamente diretto, in cui ritroviamo con piacere, nel ruolo di Robert, un invecchiato Rupert Graves, l’attraente guardiacaccia Alec Scudder nell’omocult di James Ivory Maurice.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Foggia Sit In Omofobia Giugno 2024

Foggia reagisce all’aggressione di Alessandro: “Se questa terra non ci ama, noi la ameremo ancora più forte”

News - Francesca Di Feo 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24

Hai già letto
queste storie?

Elliot Page: "Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia" - close to you 01 - Gay.it

Elliot Page: “Hollywood è tossica. La comunità LGBTQIA+ non è una nicchia”

Cinema - Redazione 19.3.24
barbie margot robbie

Margot Robbie, Barbie e gli Oscar 2024. Ecco le prime parole dell’attrice dopo le polemiche sulle mancate nomination

Cinema - Redazione 1.2.24
The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - The Room Next Door Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door, Tilda Swinton e Julianne Moore per il primo film in lingua inglese di Pedro Almodovar

Cinema - Federico Boni 25.1.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Claire Foy in 'All Of Us Strangers' (2023)

Claire Foy manda un messaggio importante ai genitori con figli LGBTQIA+

Cinema - Redazione Milano 26.1.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Inside Out 2, la protagonista Riley è queer? Video - Inside Out 2 - Gay.it

Inside Out 2, la protagonista Riley è queer? Video

Cinema - Redazione 11.3.24
Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24