Tunisia, i poliziotti in borghese interrompono le manifestazioni LGBT

L’omosessualità è ancora punita con la reclusione fino a tre anni.

Ufficiali di polizia in abiti civili hanno interrotto una manifestazione pacifica organizzata da attivisti LGBT in Tunisia nella giornata di sabato.

Gli attivisti dell’Association of Free Thinkers e di Shams, benché invitati dal ministero dell’Interno a non scendere in piazza per ragioni di sicurezza, hanno sfilato per le vie della capitale chiedendo a gran voce la revoca delle leggi che attualmente criminalizzano l’omosessualità in Tunisia con la reclusione fino a tre anni. Decine di loro sono stati fermati e arrestati da agenti in borghese dopo aver mostrato cartelli e bandiere arcobaleno. In molti hanno già denunciato violenze.

Sin dal 2011, anno di svolta in Tunisia con i movimenti della già ribattezzata primavera araba, gli attivisti LGBT hanno cominciato a farsi sentire con maggior frequenza.

Pochi giorni fa la nazione ha ospitato il suo primo film festival – durato quattro giorni – a tema LGBT, mentre a dicembre la prima radio LGBT del mondo arabo era stata fondata tra le minacce.

Nasce in Tunisia la prima radio LGBT del mondo arabo

Ti suggeriamo anche  Il Comanda di Polizia nigeriana: 'Se sei incline all'omosessualità, la Nigeria non è un posto per te'
Pride

Pride Month 2020: le parate non ci saranno, ma la nostra battaglia non si fermerà mai

Un Pride Month molto diverso, quello di quest’anno, ma il Covid-19 non ci impedirà di battagliare per i nostri diritti.

di Alessandro Bovo