Ungheria, goffa difesa per la fuga dall’Eurovision 2020: l’attacco social di Lapo Elkann

Arriva una traballante difesa dall'emittente filo-governativa ungherese, che conferma: il rifiuto non è per lo spirito "troppo LGBT" del festival.

eurovision 2020
2 min. di lettura

L’Eurovision 2020 Song Contest è troppo LGBT. E l’Ungheria non partecipa. Questo, in poche parole, il riassunto di quanto deciso dal Paese di Viktor Orbán, che non parteciperà con il suo cantante al celebre festival, quest’anno organizzato a Rotterdam. Questo era quanto annunciato dal The Guardian, il quale per primo ha diffuso la notizia e motivando la decisione dell’Ungheria per la presenza di troppi ospiti e concorrenti appartenenti alla comunità LGBT. 

Nulla di strano, in un Paese omofobo come si è dimostrato essere l’Ungheria negli ultimi anni. Ma sembra non sia così. O meglio, questo è quello che vorrebbero farci credere. Infatti, a seguito di quanto riferito dal The Guardian, è intervenuta un’emittente televisiva notoriamente vicina al presidente Orbán e a tutto il governo conservatore. 

La tentata difesa per giustificare l’assenza dall’Eurovision 2020

L’emittente pubblica locale MTVA ha definito le dichiarazione del giornalista  Shaun Walker (autore dell’articolo del Guardian) come “scandalose e inaccettabili”.

L’orientamento sessuale non verrà preso in considerazione per nessuna esibizione o evento. Così, attraverso l’emittente televisiva, il governo ungherese tenta di discolparsi dall’accusa di omofobia, arrivando ad affermare che le dichiarazioni di Walker sull’orientamento sessuale “violano la dignità umana, l’etica giornalistica e lo stato di diritto“. E da che pulpito, potremmo aggiungere!

La goffa difesa continua poi:

È stata presa la decisione professionale che invece di partecipare all’Eurovision Song Contest nel 2020, saranno supportati direttamente i talenti della musica pop ungherese e le loro preziose esibizioni.

E’ poi lo stesso giornalista a replicare, via Twitter:

Ci potrebbero essere tutti i motivi possibili per non inviare cantanti ungheresi all’Eurovision 2020, ma affermare “perché abbiamo deciso di supportarli direttamente” non ha senso.

Le ultime dichiarazioni fanno però salire qualche dubbio. Se lo spirito dell’Eurovision 2020 “troppo gay” non c’entra con la decisione di non partecipare, perché solo qualche mese fa la stessa MTVA aveva definito la competizione una “una flottiglia omosessuale” e aveva giustificato questa scelta come un contributo alla salute mentale degli ungheresi?

Nel dubbio anche Lapo Elkann ha attaccato l’Ungheria, via social.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 29.11.19 - 14:59

Ci vediamo fra 20-30 anni, quando chi è cresciuto a pane e sovranismo non si farà gli scrupoli ipocriti che si fanno oggi Orban o Salvini verso i gay. Non saranno più gli omofobi a ritirarsi dai festival gay-friendly, ma saranno i gay ad essere esclusi dai festival, e tutto ciò a furor di popolo. L'eliminazione dei gay è uno degli obiettivo del sovranismo o per chiamarlo col suo vero nome , cattofascismo.

Trending

adolescente-non-binari-aggressione-oklaoma (1)

USA, Nex Benedict, sedicenne non binariǝ, muore dopo un’aggressione transfobica a scuola

News - Francesca Di Feo 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen - Home for the Golden Gays - Gay.it

Ungheria, mostra del World Press Photo vietata ai minori perché ci sono scatti raffiguranti drag queen

News - Federico Boni 3.11.23
tdor ungheria transgender

Ungheria, 60 persone transgender presentano ricorso al Tribunale Europeo dei Diritti dell’Uomo contro le leggi anti-trans

News - Francesca Di Feo 20.11.23
Eurovision 2024, il primo concorrente ufficiale è il belga Mustii, giudice di Drag Race Belgio - Mustii cover - Gay.it

Eurovision 2024, il primo concorrente ufficiale è il belga Mustii, giudice di Drag Race Belgio

Musica - Redazione 30.8.23
meloni orban

“Difendere Dio e famiglia”: Meloni sul palco con Orban a Budapest – VIDEO

News - Francesca Di Feo 14.9.23
Jorge González

Chi è Jorge González, uno dei favoriti del Benidorm Fest per rappresentare la Spagna all’Eurovision?

Musica - Luca Diana 3.2.24
meloni orban

Ungheria, Orban sfida l’UE: “Inammissibile l’ingresso dei propagandisti LGBTIA+ nelle nostre scuole” – VIDEO

News - Redazione 22.1.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24
orban ungheria

Come l’Ungheria è diventata illiberale, Orban e l’attacco alla democrazia

News - Lorenzo Ottanelli 1.2.24