Video

Lo youtuber gay Ryann Minajj aggredito da un omofobo a Disneyland

Spinto ripetute volte, insultato e la sicurezza gli ride in faccia: ecco la storia dell'attacco omofobo subito da Ryann Minajj a Disneyland

2 min. di lettura

Il popolare youtuber gay Ryann Minajj è stato insultato e aggredito a Disneyland, e parla della sua triste esperienza in un video.

Nel suo video, Ryann Minajj racconta di quanto ami Disneyland, di essere un cliente abituale del parco giochi e di quanto si stasse divertendo quando, prima della chiusura, mentre era in fila con le sue amiche per un’ultima giostra, un ragazzo (molto ben piazzato) e due ragazze li passano davantie li spingono da un lato dicendo loro: “Se non vi spostate vi ammazzo” e tagliando la fila.

Al che Ryann Minajj, infastidito e sconcertato per il gesto e convinto che il ragazzo volesse farsi bello agli occhi delle due ragazze che erano con lui, si è rivolto al bullo e gli ha chiesto il perchè del suo gesto, che è veramente infantile.

Al che il bullo gli si è avventato contro spingendolo contro un gruppo di persone.

Ryann Minajj gli ha chiesto “Ma stai scherzando? Cosa fai?”, tentando di minimizzare e non esagerare dato che comunque Disneyland è un posto pacifico pieno di bambini, ma il bullo ha continuato a spingerlo e dargli addosso, anche se fortunatamente i ragazzi di questo gruppetto lo hanno sorretto per evitare che cadesse e si spaccasse il collo o la faccia.

Ryann Minajj si è girato verso gli addetti alla sicurezza di Disneyland chiedendo loro se avevano assistito alla scena e se avrebbero fatto qualcosa al riguardo, ma i ragazzi si sono messi a ridere dicendogli che era tutto ok e di tornare in fila.

Dopo di che il bullo, non contento, ha cominciato ad urlare allo youtuber:

frocio, ricchione, gay pezzo di merda

E, ovviamente, lo staff di Disneyland non ha di nuovo fatto nulla al proposito.

Ryann Minajj si è sentito totalmente scoraggiato, ha pensato di esser tornato a scuola e di dover continuare a subire questo tipo di bullismo ancora ed ancora, ma il gruppo di ragazzi contro i quali è stato spinto dal bullo lo hanno sostenuto e sono rimasti a testimoniare l’accaduto con altri membri della sicurezza e dello staff di Disneyland (evidentemente la parte buona dello stabilimento).

Forgiato dall’appoggio di questi sconosciuti, che avrebbero potuto fregarsene e andare via ed invece lo hanno sostenuto, e dalla parte della sicurezza di Disneyland che gli ha assicurato che avrebbe potuto sporgere denuncia e cercare questo ragazzo ecc; Ryan Minajj ha deciso di lasciar scorrere per evitare tutti gli impicci di una denuncia (finire davanti a una corte e altre cose più impegnative) e di lasciarsi tutto alle spalle e di scegliere, invece, il video come mezzo per sfogarsi e raccontare l’esperienza.

Ad ogni modo, Disneyland ha promesso che tramite le telecamere del circuito di sicurezza scopriranno chi è questo ragazzo e lo banneranno dal parco giochi a vita.

La componente età e stress del percorso da intraprendere per una denuncia è sicuramente degno di nota e in molti casi sono proprio queste che spesso fanno desistere molte persone dal parlare apertamente e denunciare questi casi di omofobia violenti (o ancora più violenti di questo), però dovremmo sforzarci tutti quanti di agire di più se vogliamo ottenere l’attenzione che questi casi meritano.
Voi lo avreste denunciato o avreste lasciato correre come ha fatto questo giovane ragazzo?

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso - carcere amnistia - Gay.it

Un terzo del mondo criminalizza ancora oggi gli atti consensuali tra persone dello stesso sesso

News - Redazione 29.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
teramo-estorsione-uomini-gay-grindr

Reggio Calabria, uomo gay adescato tramite app picchiato, insultato e derubato da tre ragazzi

News - Redazione 28.5.24
pride di modena, terni e alessandria

Come sono andati i Pride di Alessandria, Terni e Modena il 25 maggio – GALLERY

News - Gio Arcuri 28.5.24
Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans - Bingham Cup 2024 a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans 5 - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma la prima gara internazionale di Rugby tra persone trans

News - Redazione 29.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

Hai già letto
queste storie?

meglio-a-colori-terapie-riparative (3)

“Meglio a Colori”, la campagna per un disegno di legge contro le terapie riparative

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: "Mi hanno chiamato r*cchiò" - omofobia - Gay.it

Scampia, omofobia di Pasqua. Sputi e sigarette spente addosso a 23enne: “Mi hanno chiamato r*cchiò”

News - Redazione 2.4.24
Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero - carcere - Gay.it

Poliziotto costretto ad esami psichiatrici per verificare se fosse gay, il Tar condanna il ministero

News - Redazione 18.4.24
Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: "Il calcio non è da fr*ci" - Matt Turner e Vinicius - Gay.it

Sospesa Messico-USA per cori omofobi. E Chilavert attacca Vinicius in lacrime: “Il calcio non è da fr*ci”

News - Redazione 27.3.24
Numero Verde 800713713 Gay Help Line - 18 anni, 350.000 chiamate, il 51% da giovani -

Gay Help Line, 18 anni di supporto telefonico LGBTIAQ+ : 51% delle richieste arrivano da giovani – VIDEO

News - Gay.it 18.3.24