Foto

Zayn Malik: Ecco perchè ha lasciato i One Direction

E, in coda all'articolo, un'anteprima di "Befour", brano tratto dal suo album di debutto.

Zayn Malik: Ecco perchè ha lasciato i One Direction - ZAYN MALIK ONE DIRECTION1 - Gay.it
3 min. di lettura

Sono ormai 7 mesi che Zayn Malik ha lasciato i One Direction e, finalmente, ecco la sua prima “intervista verita'” sul perchè ha abbandonato la band e per parlare del suo album di debutto, che uscira’ nei primi mesi del 2016.

Zayn Malik, cresciuto da madre inglese e padre Pakistano, è nato e cresciuto a Bradford in Inghilterra ed è Musulmano. A 17 anni, nell’estate del 2010, ha tentato la strada del talent show partecipando ai provini per X FACTOR UK quasi “forzato” dalla madre. Zayn Malik ammette (traduco per voi):

La ragione per la quale mi sono alzato è perchè mia mamma è venuta in stanza e mi ha detto “Devi andare all’audizione per questo show”. E mi sono sentito in dovere di farlo per lei.

Purtroppo, pero’, non riesce a passare le selezioni da solo, perchè era troppo timido sia nel ballo che nel canto ma lui, ed altri 4 ragazzi, avevano dimostrato comunque del potenziale. Ecco che Simon Cowell, head di X FACTOR (UK), ha proposto ai 5 di unirsi e formare una boyband, cosi da entrare in competizione. I quattro erano, appunto, Harry Styles, Liam Payne, Niall Horan, and Louis Tomlinson…e il resto “è storia” come si suol dire.

Zayn Malik, nonostante abbia accettato e sia stato nella band per 4 anni e per 4 dischi di studio, ha pero’ ammesso di non essersi mai sentito “parte della band”, e che avrebbe voluto andarsene dall’inizio perchè sentiva che quella realta’ non era conforme alla sua idea di gruppo, di musica, pero’ era una possibilita’ cosi grande che, li per li, non vi ha rinunciato.

Il giorno che ha deciso di lasciare, pero’, non è stato un giorno “epico” per Zayn Malik: era uno dei tanti giorni in cui si svegliava con la stessa sensazione che aveva tutti gli altri giorni, con la differenza che si era finalmente deciso a fare il passo decisivo e a prendere la sua “one direction“.

Zayn Malik ha detto, nell’intervista a FADER, che:

Non c’era spazio per sperimentare, non avevo spazio per la mia creativita’. Se provavo a cantare un verso o un ritornello in modo piu’ r’n’b, dandogli un’interpretazione piu’ personale, mi facevano registrare il pezzo 50 volte finchè non veniva perfettamente pop, di un generico incredibile, ed era proprio quella la versione che avrebbero voluto usare. Qualsiasi cosa che proponessi non era “One Direction“.

E, parlando direttamente sul motivo sostanziale per il quale ha lasciato la band non ha assolutamente menzionato nessun problema coi compagni, ma bensi’ con la ragione per la quale erano una band, ossia la musica:

Non ero io. É musica che ci era stata data, questo era quello che dovevamo fare e questo era quello che dovevamo vendere. Dovevamo essere felici per essere i piu grandi, la boy band piu famosa del mondo, ma con una musica che non eravamo felici di fare.

Ed è cosi che, nel Luglio 2015, 3 mesi dopo il suo abbandono ai One Direction, Zayn Malik conferma un contratto discografico da solista con RCA, che in America è la casa discografica di gente come Chris Brown e Justin Timberlake.

Zayn Malik ha, cosi, iniziato a lavorare al suo album di debutto come solista con Naughty Boy (anche se poi hanno avuto una lite, quindi non si sa se quel materiale fara’ poi parte del disco), coi fratelli Michael e Anthony Hannidesut e Malay, il produttore di Channel Orange, l’intenso album del cantante hip hop/r’n’b americano gay Frank Orange. L’alchimia con Malay è stata subito forte ed è lui col quale Zayn Malik ha iniziato a scoprire i piaceri del songwriting.

Il primo album da solista di Zayn Malik sara’ tutto scritto da lui e, dice:

E’ come una serie di fotografie della mia vita e dei pensieri, speranze, aspirazioni e pentimenti avuti nell’estate del 2015

che per Zayn è stata sicuramente significativa, fra l’abbandono dei One Direction e la fine della sua storia, durata 4 anni, con Perrie Edwards delle Little Mix.

Nell’album di Zayn Malik, che confessa essere gia’ con un titolo ma che ancora non vuole dichiarare, non c’è un genere preciso. Non è un album che vuole essere un genere preciso, Zayn vuole solo far capire chi è e cosa lo ha influenzato, cosa gli piace e il tipo di musica che ascolterebbe lui stesso. Ci sara’ sicuramente molto piu’ r’n’b, e sara’ tutto molto influenzato da questo genere. Anche se dovessero esserci pezzi piu pop o rock sarebbero sempre col tocco r’n’b.

E, alla domanda, ascolteresti mai una canzone dei One Direction? Zayn Malik risponde:

Anche se ho amato cio’ che abbiamo fatto, non è la musica che ascolterei. Non penso sia offensivo da dire. Non è cio’ che sono, non è cio’ che farei ascoltare ad una eventuale ragazza per farle dire “cacchio, questa si che è cool!”.

Zayn Malik, il ritratto della coerenza.

Ecco l’anteprima di “Befour“, un brano che sara’ incluso nel primo lp da solista di Zayn Malik, per FADER.

 

 

 

 

 

 

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
@simoneriflesso

“Impareremo mai a parlare di disabilità?”: intervista con Simone Riflesso, tra autodeterminazione e orgoglio queer

Corpi - Riccardo Conte 30.5.24
Elezioni europee: "Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto", la campagna di Arcigay

Elezioni europee: “Io Voto! E porto la comunità LGBTIQ+ al voto”, la campagna di Arcigay

News - Gay.it 28.5.24
L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo - indonesia gay protest - Gay.it

L’Indonesia vuole vietare i media LGBTQIA+ e il giornalismo investigativo

News - Redazione 29.5.24
Papa Francesco Dignitas Infinita - Chiesa Cattolica - Vaticano

Papa Francesco e l’attacco ai seminaristi gay, le reazioni della comunità LGBTQIA+ italiana

News - Redazione 28.5.24
10 attori e attrici trans ad hollywood

10 star della comunità trans* che stanno rivoluzionando Hollywood

Cinema - Gio Arcuri 23.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

“Specchio specchio delle mie brame…”, la prima sexy gallery social vip del 2024 - Boni inizio 2024 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame…”, la prima sexy gallery social vip del 2024

Culture - Redazione 9.1.24
“Specchio specchio delle mie brame…”, la Christmas Edition dei sexy selfie vip. La gallery social - Specchio specchio delle mie brame - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame…”, la Christmas Edition dei sexy selfie vip. La gallery social

Corpi - Redazione 22.12.23
“Specchio specchio delle mie brame…”, la prima sexy gallery social vip del 2024 - SPECCHIO - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame…”, la prima sexy gallery social vip del 2024

Corpi - Redazione 23.1.24
Arrusi Pigneto Luana Rigolli

San Valentino, a Roma spuntano i ritratti degli arrusi, gli omosessuali confinati dal fascismo alle Isole Tremiti

Culture - Redazione Milano 14.2.24