Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l’amore… gay

In libreria il romanzo del giornalista Tommaso Cerno che racconta la storia "verosimile, ma onirica e iperbolica" di un quindicenne friulano che scopre di essere gay cercando l'amore di una donna.

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - tommaso cernoBASE 1 - Gay.it
4 min. di lettura

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - tommaso cernoF1 - Gay.it

"Affa Taffa" è la storia di un ragazzino quindicenne figlio di emigrati svizzeri che vive nel Friuli del 1989, l’anno della caduta del muro di Berlino, e che si inventa un passatempo decisamente originale: traduce le lettere d’amore che Daniel manda in Francia alla sua Ute.  A fargli compagnia c’è Affa Taffa, un amuleto a forma di pappagallo sudamericano regalatogli dal nonno. Un nonno particolare, come lo sono tutti i personaggi del romanzo di Tommaso Cerno, giornalista de L’Espresso al suo secondo libro, ma primo romanzo. Piano piano, Ban, questo il nome del giovane protagonista, inizia a cambiare i contenuti delle lettere che traduce nella speranza di entrare nel cuore di Ute. Quando capisce di non esserci riuscito, parte per la Francia alla ricerca della ragazza e, quindi, dell’amore. Ban tornerà dal suo viaggo cambiato. Alla fine, trova l’amore, ma non di Ute e non di un’altra donna: in Francia Ban si trova difronte alla propria omosessualità e scopre la propria natura affrontando un veloce e naturale processo di accettazione.

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - cernoF1 - Gay.it

«Affa Taffa è un palindromo, ma imperfetto – spiega Tommaso Cerno a Gay.it -. Ho ragionato molto sul modo in cui scriverlo, se tutto unito o separato. Alla fine la scelta di dividerlo mi è sembrato che rendesse meglio l’idea che volevo dare. La storia d’amore di Ban ad un certo punto sembra che si ribalti, come un palindromo, e succede quando si scopre gay e si ritrova innamorato di un ragazzo. In realtà la scoperta del protagonista sulla sua identità non è un semplice capovolgimento, ma un percorso molto più ampio. Con qualcosa in più, come il palindromo del nome del suo amuleto».
Le vicende di Ban, la sua storia, soprattutto quella interiore, non è distante da quella di tanti suoi coetanei, ma anche di tanti altri più adulti che scoprono il proprio orientamento sessuale e si trovano a fare i conti con un altro modo di vivere la quotidianità in un ambiente non sempre pronto.

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - tommaso cernoF3 - Gay.it

«Io non sono figlio di emigrati svizzeri, non traducevo lettere d’amore e non avevo un pappagallo per amuleto – racconta Cerno -. Ma avevo molti amici immaginari a cui parlavo tanto di me, di come mi sentivo, amici che negli anni ho trovato in carne ed ossa. L’ambientazione interiore del romanzo, insomma, è sicuramente autobiografica. Il fatto che parli di una terra lontana, che è il Friuli ma potrebbe essere qualsiasi altra provincia, di una famiglia che decide del tuo futuro senza preoccuparsi di conoscerti, della scoperta della propria omosessualità in un’epoca in cui la nostra società non si sentiva particolarmente scossa neanche dalla caduta del muro di Berlino, figuriamoci come poteva sentirsi partecipe del percorso di scoperta interiore di un ragazzino di 15 anni. Tutto questo è autobiografico. Quella di Ban è una storia verosimile ma onirica e iperbolica allo stesso tempo nella quale questo bambino eroe affronta da solo un viaggio in un’atmosfera quasi fumettistica, ma incontrando personaggi veri. E alla fine vince».

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - tommaso cernoF2 - Gay.it

Abbiamo chiesto a Tommaso Cerno chi è il lettore ideale del suo primo romanzo, a chi pensava mentre la storia di Ban diventava racconto.
«Anche se quella di oggi è un’Italia molto diversa da quella del 1989 – dice il giornalista friulano – ci sono ragazzi che si ritrovano in una società che impedisce di vivere l’omosessualità in maniera normale. Siamo abituati a vedere una rappresentazione dell’omosessualità fatta da chi la racconta, da chi è visibile. Ma quella che racconto io è un’omosessualità che ha un aspetto di solitudine che secondo me è ancora vissuta dalla maggiorparte delle persone. Da chi non può dirlo sul posto di lavoro, in famiglia, nella quotidianità. E’ a loro che ho pensato scrivendo "Affa Taffa", perché potessero avere un aggancio che la realtà non gli dà. E poi ho pensato ai ragazzini di 15 anni, perché quella è l’età in cui la sessualità esplode, com’è successo a Ban, e loro si trovano davanti una società incapace di affrontare anche solo i temi che riguardano l’essere gay».

Affa Taffa, storia del giovane Ban che scopre l'amore... gay - tommaso cernoF4 - Gay.it

"Affa Taffa" ha già ricevuto lusinghiere recensioni e molto favore da parte del pubblico, specialmente da chi ha trovato nella storia del giovane friulano degli elementi in comune con la propria.
«Da quando è uscito il libro (che è in libreria dalla metà del mese, ndr), ho ricevuto moltissimi messaggi – racconta Cerno – sia su Facebook che per email. Qualcuno mi ha addirittura mandato dei disegni del pappagallo dicendomi che adesso era anche il loro amuleto. Molti mi hanno raccontato la loro storia e altri hanno trovato delle similitudini tra la propria vicenda personale e quella del protagonista del romanzo. E questa è una bellissima cosa».

"Affa Taffa" di Tomaso Cerno
Ed. Mimesis
pp 123 – prezzo euro 13

Tommaso Cerno è nato a Udine il 28 gennaio 1975. E’ giornalista del settimanale L’Espresso per il quale ha firmato importanti inchieste come quella sulla vulnerabilità dell’aeroporto di Fuimicino. Nel 2009 ha ricevuto il premio dell’Unione nazionale cronisti italiani per avere seguito il cosiddetto "Caso Englaro". Il suo primo libro è il saggio "L’ingorgo" sulla storia del Friuli fino alla presidenza Illy, uscito nel 2008. E’ stato dirigente di Arcigay e tra gli organizzatori del Pride di Venezia.

La seconda fotografia dell’articolo, partendo dall’alto, è di Gianfranco Angelico Benvenuto.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Chris Colfer di Glee: "Mi dissero di non fare coming out, che mi avrebbe rovinato la carriera" - Chris Colfer glee - Gay.it

Chris Colfer di Glee: “Mi dissero di non fare coming out, che mi avrebbe rovinato la carriera”

Culture - Redazione 5.6.24
DJ Qualls e Ty Olsson di Supernatural si sposano: "Diventeremo vecchi insieme, è pazzesco" - DJ Qualls e Ty Olsson di Supernatural si sposano - Gay.it

DJ Qualls e Ty Olsson di Supernatural si sposano: “Diventeremo vecchi insieme, è pazzesco”

Culture - Redazione 20.5.24
Vittorio Menozzi, Federico Massaro e Stefano Miele, Grande Fratello

Grande Fratello, le parole di Stefano Miele suscitano polemiche: “Secondo me Federico è gay”

Culture - Luca Diana 22.1.24
Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: "Mi chiamo Fin" - fin affleck ben affleck e jennifer garner - Gay.it

Jennifer Garner e Ben Affleck, il coming out del figliə come persona non binaria: “Mi chiamo Fin”

Culture - Redazione 11.4.24
boy-scouts-of-america-nome-gender-neutral

I “Boy Scout” cambieranno nome per essere gender neutral

News - Francesca Di Feo 9.5.24
scozia-educazione-affettiva

Educazione affettiva nelle scuole, ecco cosa fanno in Scozia

News - Francesca Di Feo 23.4.24
Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora - Sephora bigmama - Gay.it

Lo sportello Arcigay per studenti LGBTQIA+ ha il supporto di Sephora

News - Gay.it 14.6.24