Alessandro Alo, da X Factor all’omofobia: “Rifiutato da etichette discografiche perché ‘troppo gay'”

"Non mi arrenderò mai, forse fanno prima ad arrendersi loro", ha precisato Alessandro.

Alessandro Alo, da X Factor all'omofobia: "Rifiutato da etichette discografiche perché ‘troppo gay'" - Alessandro Alo - Gay.it
2 min. di lettura

Nel 2018 visto ad X Factor con il brano “Uomini che amano le donne”, Alessandro Alo, pochi mesi fa tornato con un video en travesti insieme a sua mamma, ha denunciato a Ogni Mattina, su Tv8, l’omofobia ancora oggi presente nel mondo musicale italiano.

L’anno scorso sono stato rigettato da un paio di etichette discografiche dopo aver passato una serie di selezioni, perché il capo di una di queste etichette, una major discografica grossa italiana, mi disse che una persona come me non sarebbe mai entrata a fare parte dei loro artisti. Una settimana dopo, un altro dj mi ha detto che non avrebbe sposato il mio progetto perché non sapeva se legare il suo nome al mio, dato che ero ‘troppo gay’. Per me cantare, esibirmi, ballare, fa parte di me, è ciò che mi rende felice. Non mi arrenderò mai, forse fanno prima ad arrendersi loro.

Quel famoso ‘sistema’ denunciato al Grande Fratello Vip da Gabriel Garko, ‘costretto’ a fingere una vita di pura fantasia perché minacciato dal punto di vista professionale.

“Adoravo le icone del pop e mi rivedevo tantissimo in loro”, ha continuato Alessandro. “Anche io mi sarei vestito così, con corsetto, zeppe e pantaloni a vita bassa. Passavo i pomeriggi cercando di replicare le loro coreografie. Il mio sogno è sempre stato quello di essere una di queste dive. Prendere un po’ da tutte. Mi sentivo bene quando cantavo e ballavo, qualcosa che mi ha fatto realizzare chi ero e cosa volevo essere in futuro, anche al di fuori di ciò che sembrava normale per un ragazzino di 8/10 anni. Ho capito che non volevo essere per forza normale, ma essere tante altre cose. Credo che molti ragazzini comincino il proprio percorso presto, è una cosa che ti realizzi quando ti confronti con i ragazzi della tua età, quando inizi ad andare scuola. A scuola ne ho dovuto passare parecchie, non solo alle elementari ma fino alle superiori. Le critiche più feroci? Ricordo che per un periodo ho praticato calcio. Ero grassottello e gli altri ragazzini mi dicevano che ero una donna, negli spogliatoi mi chiedevano di far vedere le tette, perché ero grasso. Girando per strada commentavano il modo in cui mi vestivo. Vorrei dire una cosa.  Il bullismo lo ricamiamo intorno al periodo dell’adolescenza, ma per persone come me, certe cose non passano mai. E lo dimostra anche quello che è successo a Gabriel Garko”.

Non a caso il brano che lo fece conoscere a X Factor, “Uomini che amano le donne“, Alo lo lega proprio a quel “segreto di pulcinella”.

Sono molti gli uomini che vanno con altri uomini di nascosto e nascondono questa realtà. Ho sofferto molto perchè mi è capitato di incontrare uomini con cui ero stato, ma che non mi avrebbero mai salutato per strada, per conservare la maschera con la famiglia. Io ho gettato tutte le maschere sul palco di X Factor e in tanti mi hanno scritto dicendomi che grazie alla mia canzone hanno trovato il coraggio di fare altrettanto. Magari rimarrò per sempre un ‘signor nessuno’, ma almeno so che il messaggio che ho trasmesso è stato utile a qualcuno.

Nel 2018 è stato anche testimonial della campagna del Telefono Amico Gay e Lesbico (TAGL) del Cassero di Bologna.

Update: a pochi giorni dopo quest’intervista, scopriamo che Francesco ha finalmente trovato un’etichetta discrografica, la FLUIDOSTUDIO: “una società di management in cui mi trovo completamente accettato e spronato ad approfondire i miei talenti“.

https://www.instagram.com/tv/CF9ZC4XjHuV/?utm_source=ig_web_copy_link

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24

Hai già letto
queste storie?

marco mengoni franco 126 un'altra storia

Marco Mengoni ha “un’altra storia” con Franco 126

Musica - Mandalina Di Biase 21.9.23
Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già - Progetto senza titolo e1698333924970 - Gay.it

Buttafuoco presidente della Biennale di Venezia: per lui gli omosessuali rivendicano diritti che hanno già

Culture - Redazione Milano 26.10.23
100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+ - 100 anni di Disney Pro Vita e Famiglia protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA - Gay.it

100 anni di Disney, Pro Vita protesta a Disneyland Paris chiedendo il boicottaggio per propaganda LGBTQIA+

Culture - Redazione 17.10.23
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
torino i genitori non accettano l'omosessualità lui tenta il suicidio

Nichelino, coppia gay perseguitata dopo l’unione civile

News - Redazione 22.11.23
ariete x factor

La sincerità disarmante di Ariete a proposito di X-Factor

Musica - Francesca Di Feo 25.9.23
PSG-Marsiglia, bufera in Francia per cori omofobi allo stadio. Interviene la ministra, il club furioso - VIDEO - Paris Saint Germain Marsiglia - Gay.it

PSG-Marsiglia, bufera in Francia per cori omofobi allo stadio. Interviene la ministra, il club furioso – VIDEO

News - Redazione 26.9.23
andria omofobia 18 anni gay

Andria, calci e pugni a un 18enne perché gay: “Abbiate il coraggio di denunciare”

News - Francesca Di Feo 26.10.23