Arezzo, niente doni dal sindaco per le unioni civili: la denuncia del consigliere comunale

La triste scoperta all’unione di Franco e Alfredo, fidanzati da 34 anni.

Una pergamena ricordo e una spilla con il simbolo della chimera: sono i due doni con cui le coppie eterosessuali che si sposano in Comune vengono tradizionalmente omaggiate ad Arezzo.

Eterosessuali, perché a quanto pare questi piccoli ma graditi doni non riguardano le coppie omosessuali che decidono di unirsi civilmente. L’amara scoperta è avvenuta in occasione dell’unione tra Franco e Alfredo, celebrata dal consigliere comunale (nonché loro amico) Francesco Romizi. Arrivato in Comune sabato per la celebrazione, Romizi non ha trovato pronti i due doni e ha immediatamente chiesto spiegazioni.

La risposta? Su decisione del sindaco, Alessandro Ghinelli, non erano previsti. Franco e Alfredo, 57 anni il primo e 60 il secondo, fidanzati da 34 anni, non hanno alcun diritto ai doni con le unioni civili. Il consigliere comunale è pronto a presentare la sua interrogazione al sindaco nel prossimo consiglio comunale e nel frattempo ha scritto all’Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) perché si esprima su quanto successo.

Questa decisione denota discriminazione ideologica, assurda e ingiusta, perché non si possono accettare queste distinzioni: anche perché le coppie omosessuali pagano quanto quelle etero” denuncia Romizi.

Ti suggeriamo anche  Regno Unito, prima unione civile eterosessuale. La precisazione di Ivan Scalfarotto su quelle italiane
Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni