Berlino: molti film gay tra i premiati

Festival di Berlino: Teddy Award a ‘Walking On Water’, due premi a ‘Otto Donne’.

Molti i premi a film gay nel palmares del 52° Festival Internazionale del cinema di Berlino, vinto ex-aequo dal film d’animazione giapponese ‘Spirited away’ di Hayao Miyazaki e dall’anglo/irlandese ‘Bloody Sunday’ di Paul Greengrass sul massacro di Derry del 1972.

Il Teddy Award è stato assegnato a ‘Walking on Water’ di Tony Ayres, definito ‘un esordio di qualità superiore che esplora con piglio creativo il dolore e la colpa fra gli amici e una famiglia che aiuta un uomo a morire’. Tra i documentari è stato scelto ‘Tutto su mio padre’ di Even Benestad, ‘innovativa opera prima che esplora con rigore i divergenti obiettivi del regista sull’argomento trattato, la definizione del padre ‘bigenere’e la paura della famiglia di cederlo come papà e come marito al suo lato femminile’. Tra i corti è emerso ‘Celebration’ di Daniel Stedman, ‘un breve film esemplare che illustra un bisogno universale di espressione individuale’. Due premi sono stati assegnati al divertente giallo musical e camp del regista gay François Ozon: l’Orso d’Argento per il contributo artistico all’insieme delle attrici e il premio dei lettori del Berliner Morgenpost. Segnalato invece da una menzione speciale della giuria Opera Prima ‘The Laramie Project’ di Moises Kaufmann, documentario sul barbaro omicidio del ventunenne gay Matthew Shepard.

Attualità

La Polonia potrebbe avere il suo primo presidente favorevole ai diritti LGBT: conosciamo Rafał Trzaskowski

E' Rafał Trzaskowski, già sindaco di Varsavia. Una possibile svolta per la Polonia omofoba che tristemente conosciamo.

di Alessandro Bovo