Cecenia, ragazza bisex vittima di torture denuncia i genitori

E' stata torturata sia dai genitori che dagli esperti di una clinica che volevano "curarla" dalla bisessualità.

lesbica
2 min. di lettura

Sono passati tre anni da quando si è venuto a sapere dei rastrellamenti contro gli omosessuali che avvenivano in Cecenia. E ancora oggi si scoprono nuove e drammatiche storie su quell’inferno. Tra le tante testimonianze, si aggiunge quella di Aminat Lorsanova, ragazza di 22 anni bisessuale, che viveva in Cecenia. L’esperienza che ha dovuto vivere è stata a causa del rifiuto da parte della famiglia di accettare il suo orientamento sessuale. Un rifiuto dettato dalla cultura e dalla fede. La ragazza infatti è musulmana, e i genitori osservanti non potevano accettare una figlia con queste inclinazioni. Niente da aggiungere invece nel Paese dove Aminat risiedeva. Un Paese dove erano gli stessi genitori a denunciare i figli. Se non a “eliminare il problema” personalmente.

Aminat è stata picchiata e torturata, sia dai medici in una clinica psichiatrica di Grozny, capitale della Cecenia, sia dai genitori, in particolare dal padre. La sua drammatica avventura inizia nell’agosto del 2018, quando viene portata in una clinica, che sarebbe stata specializzata nelle terapie riparative. Una terapia senza fondamento, naturalmente, che consisteva semplicemente nel picchiare la vittima. Eè dovuta rimanere rinchiusa in questo luogo per 25 giorni. 

Le botte e le torture che Aminat ha subito in Cecenia

Nell’agosto 2018, Aminat viene forzatamente condotta in una clinica psichiatrica di Grozny. Qui, un uomo senza nome e in accordo con i genitori, inizia a picchiare violentemente la ragazza. L’unico rimedio per “espellere gli spiriti maligni”, spiega. Le preme il plesso solare (secondo i 7 chakra, il punto dell’affermazione individuale nella società), ovvero il punto dove si trova il diaframma (sotto i pettorali) , e i fianchi. Mentre preme questi punti, la picchia con un bastone. 

I genitori assistono a tutto, mentre la ragazza urla dal dolore, piange, prega, chiede aiuto. In un’e-mail a Vice News, Aminat spiega:

Stavo urlando per il dolore e urlava preghiere. Mia madre e mio padre hanno osservato il processo ma non hanno fatto nulla anche se ho chiesto aiuto e ho chiesto loro di fermarlo.

Questo è durato 4 mesi. Una volta a casa, voleva scappare dalla Cecenia, ma non poteva. Il padre doveva iniettarle un farmaco, l’aminazina, il quale è un farmaco anti-psicotico. Le iniezioni erano contro la sua volontà. Il padre la ammanettava, e le legava le gambe con del nastro adesivo. Dopo la puntura, la lasciava in quello stato.

Ha messo le manette e mi ha legato le gambe con del nastro adesivo. Anche la mia bocca è stata chiusa. Mi disse che mi avrebbe trattato come un animale, come una pecora. Dopo l’iniezione dell’aminazina, avrei dovuto dormire in quel modo. Non ha nemmeno scatenato le gambe e le mani .

Una volta finita la “cura”, Aminat ha denunciato i genitori e la clinica psichiatrica. E per la cronaca, la terapia non ha funzionato. 

La denuncia e la fuga

Grazie a un’associazione LGBT russa, la ragazza è riuscita a fuggire dalla Cecenia, rifugiandosi in un altro Paese che non è stato reso pubblico per sicurezza. Ma prima della sua fuga, ha contattato il Comitato investigativo federale della Russia, per presentare una denuncia verso i genitori e la clinica.

La sua richiesta è che la Russia indaghi su quanto le è successo, affermando che non è l’unica ragazza che ha dovuto sopportare tutto questo. Alla sua esperienza, si aggiungono anche le torture e le umiliazioni che molte persone hanno dovuto subire nei lager della Cecenia, durante i rastrellamenti.

Dall’inizio di questa persecuzione, sarebbero oltre 200 le persone arrestate e torturate, mentre una ventina sarebbero le vittime, per mano della Polizia o della famiglia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24

Leggere fa bene

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia - Rizvan Dadayev - Gay.it

Rizvan Dadayev, dopo mesi di torture un ragazzo gay ceceno è finalmente riuscito a lasciare la Russia

News - Redazione 23.1.24
La comunità LGBTQIA+ si stringe attorno a Milena Cannavacciuolo, raccolti quasi 30.000 euro in 48 ore - foto Milena Cannavacciuolo - Gay.it

La comunità LGBTQIA+ si stringe attorno a Milena Cannavacciuolo, raccolti quasi 30.000 euro in 48 ore

News - Redazione 25.10.23
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto” - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, la raccolta fondi supera i 45.000 euro e lei risponde: “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 7.11.23
Grande Fratello Letizia Petris lesbica Vittorio Gay

Grande Fratello, le parole di Beatrice Luzzi suscitano polemiche: “Letizia Petris è lesbica”

Culture - Luca Diana 7.11.23
"Non vogliamo lesbiche in squadra": la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt - ebrar karakurt turchia omofobia - Gay.it

“Non vogliamo lesbiche in squadra”: la furia dei conservatori turchi non scalfisce la pallavolista Ebrar Karakurt

Corpi - Francesca Di Feo 23.9.23
some-prefer-cake-2023

A Bologna “Some Prefer Cake” 15° edizione del festival di cinema lesbico

Cinema - Francesca Di Feo 22.9.23
donne-lesbiche-guadagnano-di-piu

Le lesbiche guadagnano di più delle donne etero a causa degli uomini

News - Francesca Di Feo 10.1.24