Cecenia, ragazza bisex vittima di torture denuncia i genitori

E' stata torturata sia dai genitori che dagli esperti di una clinica che volevano "curarla" dalla bisessualità.

lesbica
2 min. di lettura

Sono passati tre anni da quando si è venuto a sapere dei rastrellamenti contro gli omosessuali che avvenivano in Cecenia. E ancora oggi si scoprono nuove e drammatiche storie su quell’inferno. Tra le tante testimonianze, si aggiunge quella di Aminat Lorsanova, ragazza di 22 anni bisessuale, che viveva in Cecenia. L’esperienza che ha dovuto vivere è stata a causa del rifiuto da parte della famiglia di accettare il suo orientamento sessuale. Un rifiuto dettato dalla cultura e dalla fede. La ragazza infatti è musulmana, e i genitori osservanti non potevano accettare una figlia con queste inclinazioni. Niente da aggiungere invece nel Paese dove Aminat risiedeva. Un Paese dove erano gli stessi genitori a denunciare i figli. Se non a “eliminare il problema” personalmente.

Aminat è stata picchiata e torturata, sia dai medici in una clinica psichiatrica di Grozny, capitale della Cecenia, sia dai genitori, in particolare dal padre. La sua drammatica avventura inizia nell’agosto del 2018, quando viene portata in una clinica, che sarebbe stata specializzata nelle terapie riparative. Una terapia senza fondamento, naturalmente, che consisteva semplicemente nel picchiare la vittima. Eè dovuta rimanere rinchiusa in questo luogo per 25 giorni. 

Le botte e le torture che Aminat ha subito in Cecenia

Nell’agosto 2018, Aminat viene forzatamente condotta in una clinica psichiatrica di Grozny. Qui, un uomo senza nome e in accordo con i genitori, inizia a picchiare violentemente la ragazza. L’unico rimedio per “espellere gli spiriti maligni”, spiega. Le preme il plesso solare (secondo i 7 chakra, il punto dell’affermazione individuale nella società), ovvero il punto dove si trova il diaframma (sotto i pettorali) , e i fianchi. Mentre preme questi punti, la picchia con un bastone. 

I genitori assistono a tutto, mentre la ragazza urla dal dolore, piange, prega, chiede aiuto. In un’e-mail a Vice News, Aminat spiega:

Stavo urlando per il dolore e urlava preghiere. Mia madre e mio padre hanno osservato il processo ma non hanno fatto nulla anche se ho chiesto aiuto e ho chiesto loro di fermarlo.

Questo è durato 4 mesi. Una volta a casa, voleva scappare dalla Cecenia, ma non poteva. Il padre doveva iniettarle un farmaco, l’aminazina, il quale è un farmaco anti-psicotico. Le iniezioni erano contro la sua volontà. Il padre la ammanettava, e le legava le gambe con del nastro adesivo. Dopo la puntura, la lasciava in quello stato.

Ha messo le manette e mi ha legato le gambe con del nastro adesivo. Anche la mia bocca è stata chiusa. Mi disse che mi avrebbe trattato come un animale, come una pecora. Dopo l’iniezione dell’aminazina, avrei dovuto dormire in quel modo. Non ha nemmeno scatenato le gambe e le mani .

Una volta finita la “cura”, Aminat ha denunciato i genitori e la clinica psichiatrica. E per la cronaca, la terapia non ha funzionato. 

La denuncia e la fuga

Grazie a un’associazione LGBT russa, la ragazza è riuscita a fuggire dalla Cecenia, rifugiandosi in un altro Paese che non è stato reso pubblico per sicurezza. Ma prima della sua fuga, ha contattato il Comitato investigativo federale della Russia, per presentare una denuncia verso i genitori e la clinica.

La sua richiesta è che la Russia indaghi su quanto le è successo, affermando che non è l’unica ragazza che ha dovuto sopportare tutto questo. Alla sua esperienza, si aggiungono anche le torture e le umiliazioni che molte persone hanno dovuto subire nei lager della Cecenia, durante i rastrellamenti.

Dall’inizio di questa persecuzione, sarebbero oltre 200 le persone arrestate e torturate, mentre una ventina sarebbero le vittime, per mano della Polizia o della famiglia.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

11 sportivi lgbt

Sport e comunità LGBTIQ+: 14 storie che devi conoscere

News - Gio Arcuri 18.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
X Factor 2024

X Factor 2024 è una bomba, abbiamo visto le audition: le nostre prime impressioni

Culture - Luca Diana 19.6.24
Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda? - Drag Race Italia - Gay.it

Drag Race Italia 4 si farà? E se sì, dove andrà in onda?

News - Redazione 20.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Justin Timberlake Arrestato Ubriaco Gossip Droghe

Justin Timberlake arrestato, guidava ubriaco. Il gossip impazza: “Popper e Truvada nel sangue”. Ma è davvero così?

Musica - Emanuele Corbo 19.6.24

Hai già letto
queste storie?

Lesbiche di tutta Europa

Lesbiche di tutta Europa sabato a Roma per protestare contro il Governo Meloni: “Anche noi siamo madri”

News - Redazione 25.4.24
The Challenger, Kristen Stewart sarà l'astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv - The Challenger Kristen Stewart sara lastronauta lesbica Sally Ride nella sua prima serie tv - Gay.it

The Challenger, Kristen Stewart sarà l’astronauta Sally Ride nella sua prima serie tv

Serie Tv - Redazione 11.6.24
Asiabel Lesbica Vera - Gay.it

Lesbica Vera, il collettivo Asiabel torna con un singolo funk stupendo – VIDEO

Musica - Mandalina Di Biase 20.3.24
Taylor Swift Queer o Lesbica oppure no (a destra in Gucci ai Golden Globe 2024)

Taylor Swift è lesbica o queer o forse no: ma è giusto chiederselo?

Musica - Mandalina Di Biase 9.1.24
Reneé Rapp in Mean Girls (2024)

Regina George di Mean Girls è queer? Risponde Reneé Rapp

Cinema - Redazione Milano 16.1.24
Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Giornata della Visibilità Lesbica: perché ricordarla

Culture - Riccardo Conte 26.4.24
Bianca Antonelli è voce del collettivo ASIABEL

Tra egomania e lesbiche vere, la musica di Asiabel è un diario aperto: l’intervista

Musica - Riccardo Conte 5.4.24
Sara Drago, Immaginaria 2024

Immaginaria 2024, Sara Drago sarà la madrina del Festival

Cinema - Luca Diana 4.5.24