Chi era Cristina Di Svezia, la regina queer più sregolata di sempre

Dalla rinuncia al trono alle relazioni saffiche, alla Regina di Svezia semplicemente non gliene fregava mezza.

ascolta:
0:00
-
0:00
Chi era Cristina Di Svezia, la regina queer più sregolata di sempre
cristina di Svezia
3 min. di lettura

Cristina Di Svezia nacque a Stoccolma nel 1626, dal re Gustavo II Adolfo e la regina Maria Eleonora del Brandeburgo. Creò scompiglio già alla nascita, presentandosi in culla piena di peli e con una notevole ipertrofia clitoridea che portò chiunque a pensare fosse ermafrodita. Il padre, tuttavia, colse la palla al balzo per allevarla come un maschio, dichiarando: “Sarà abile perché ci ha già ingannati tutti“.

Chi era Cristina Di Svezia, la regina queer più sregolata di sempre - 1z52OEgFP4uSAG3H1t6grQg - Gay.it
Cristina di Svezia fu incoronata regina a sei anni, mentre a quattordici dirigeva già le cerimonie di corte e decisioni di stato.

La prepararono al trono a soli sei anni: a quell’età giocava con i pezzi di piombo per imparare le manovre militari. Iniziò governare nel 1644, e sin dalla sua incoronazione nel 1650, la corte si mobilitò per arrangiare un matrimonio e cronometrare l’erede al trono. Tuttavia, a lei non gliene poteva fregare di meno: “Mi è impossibile sposarmi. Non intendo spiegarne i motivi, si sappia che il matrimonio suscita in me una forte ripugnanza” avrebbe risposto, rifiutando innumerevoli proposte di fidanzamento. Dormiva solo cinque ore a notte, si svegliava presto la mattina, fumava la sua pipa, e si preparava a ricevere a corte gli intellettuali più illustri dell’epoca. Assetata di sapere, incoraggiò con ogni mezzo possibile scienza e letteratura, fondando nel 1645 Post- och Inrikes Tidningar, primo quotidiano svedese (disponibile ancora oggi). La corte con lei diventò un tripudio di menti e stimoli imprevedibili: da Gian Lorenzo Bernini che realizzò un suo busto – dichiarando che la regina se ne intendeva di scultura quasi più di lui – a concerti privati in compagnia dei compositori Scarlatti e Corelli. Le sue attività preferite erano il tiro con l’arco, la caccia, e andare a cavallo. Lettere e testimonianze dichiarano che dimenticava di pettinarsi i capelli, camminava grezza, mangiava, ruttava, e bestemmiava come i soldati più grezzi. “È piccola, grassa e un po’ storta; di solito indossa una giacca viola, la cravatta larga e una parrucca da uomo; è sempre allegra, ha un atteggiamento libero” scrisse nel 1665 il viaggiatore britannico, Edward Brown.

Tuttavia, la vivacità intellettuale cozzava con gli altri doveri: riuscì a scampare la guerra civile, ma non a colmare i numerosi fiaschi finanziari della nazione dopo la Guerra dei Trent’anni, accrescendo l’antipatia generale dei vari dignitari di corte. L’11 Febbraio 1654 prese la decisione che sconvolse chiunque: all’età di 28 anni, rinunciò al trono. C’è chi disse che, in quanto donna, fosse troppo “debole” per adempire ad un compito così importante, ma i fatti dimostrano che alla Regina Cristina interessava ben altro: costantemente restia ai rigidi ruoli femminili, inorridita all’idea di sposarsi e tantomeno di avere figli, la regina maturò l’esigenza di scoprire il mondo e vivere fuori da qualunque etichetta di corte (e non solo). Si tagliò tutti i capelli, mise un’enorme parrucca nera, e andò all’esplorazione dell’Europa.

Il 23 Dicembre 1655  venne accolta a Roma dal Papa Alessandro VII, più che entusiasta all’idea di salvare quella creatura smarrita, e restaurare in lei la fede cattolica. Tuttavia, a Cristina non importava molto di rosari, preghiere, e messe. Se di sposarsi non se ne parlava, l’ex sovrana nel frattempo si dava alla pazza gioia tra innumerevoli amanti, ridendo in faccia all’opinione pubblica: si vocifera avesse avuto una relazione peccaminosa con il cardinale Decio Azzolini, che le rimase affianco per più di trent’anni in una fedele amicizia. Ma il suo più grande amore prende il nome di Ebba Sparre, contessa figlia del consigliere privato Lars Eriksson Sparre. La relazione tra le due era vissuta in totale nonchalance, tanto che quando incontrarono l’ambasciatore inglese Whitelocke, la regina presentò Abba come “compagna di letto”. La soprannominava “Belle”, ma il suo affetto non si fermava all’aspetto estetico: le due continuarono a scriversi lettere anche a distanza d’anni dal trasferimento a Roma, promettendosi amore eterno.

Chi era Cristina Di Svezia, la regina queer più sregolata di sempre - 1zN76A8w21uPfG8K51moNsQ - Gay.it
Ebba Sparre, anche rinominata “Belle”, storica amante della regina Cristina di Svezia

In Francia la definirono una “selvaggia maleducata” mentre gli opuscoli dell’epoca la chiamavano “prostituta, lesbica, e atea“. Una brutta reputazione che la portò per prima a sminuirsi: “Le donne che governano si rendono ridicole in un modo o nell’altro. E io non sono da meno” scrisse nella sua biografia. Tuttavia, questo non la frenò da vivere come pareva a lei, svincolata da qualunque norma o convenzione, troppo indomabile per piegarsi alle aspettative altrui. Morì il 16 Aprile dl 1689, dopo aver vissuto a Roma per più di trent’anni. Riposa ancora oggi nelle Grotte Vaticane, affianco a Matilde di Canossa e Maria Klementyna Sobieska, uniche tre donne sepolte a San Pietro.

Leggi anche: Chi era Lady Romeo, l’attrice shakespeariana dimenticata.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24

Hai già letto
queste storie?

alessia-crocini-mennuni

Alessia Crocini risponde alla senatrice Mennuni sulla maternità: “Le parole di una privilegiata”

News - Francesca Di Feo 28.12.23
elly schlein partio democratico

Abruzzo al voto, Elly Schlein: “Ci battiamo per il diritto delle donne a scegliere del proprio corpo”

News - Redazione 8.3.24
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
Biennale Arte Venezia 2024 - Foreign Everywhere by Adriano Pedrosa

Siamo ovunque: cosa aspettarci dalla Biennale queer e decolonizzata di Adriano Pedrosa

Culture - Redazione Milano 2.2.24
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)

Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

Culture - Redazione Milano 11.1.24
Billie Eilish arriva in concerto in Italia

Billie Eilish e la vagina: “Innamorata delle ragazze da sempre, ecco come l’ho capito”. Annunciata l’unica data italiana del tour

Musica - Emanuele Corbo 30.4.24
Giorgio Bozzo, autore di Le Radici dell'Orgoglio

Quell’orgoglio che ci rende più forti: intervista con Giorgio Bozzo (che riparte con Le radici dell’orgoglio)

Culture - Riccardo Conte 4.1.24
Harvey Milk

94 anni fa nasceva Harvey Milk, l’uomo che voleva “reclutarci tuttə”

News - Federico Boni 22.5.24