Vogliono vietare anche i Pride?

Il Governo Meloni punisce i rave e non solo: con l'art 434bis c.p. sono a rischio proteste in piazze, università, scuole. E poi?

ascolta:
0:00
-
0:00
decreto manganello rave party 434bis vietare i pride governo meloni
bandiera arcobaleno divieto di pride
2 min. di lettura

Il Governo Meloni ha emanato un decreto legge (art. 434bis c.p.) nel quale si vietano i rave.

Denominato già “decreto manganello”, l’iniziativa del Governo ha sollevato perplessità non solo nelle opposizioni, ma anche negli ambienti giudiziari. Il Ministro della Giustizia Piantedosi ha spiegato che l’unico intento è quello di arginare il fenomeno dei rave party, ma a leggere bene il testo del decreto – che dovrà essere comunque approvato dal Parlamento, dove potrebbe essere modificato – più di qualcuno ha legittimamente sospettato che l’estrema destra italiana stia ponendo le prime basi per una torsione autoritaria che mina la libertà di dissenso.

Poco valgono le spiegazioni del Ministro Piantedosi che assicura – a parole – che nei decreti attuativi la norma sarà circoscritta ai rave. Un decreto del Governo infatti non è legge, ma dovrà essere il Parlamento ad approvare. È quindi proprio ora, hic et hunc, il momento di far sentire la voce di chi non è disposto a lasciare che questa destra metta a ferro e fuoco la libertà di dissenso. Pride incluso.

“Questa legge è un mostro liberticida che attacca l’articolo 17 della Costituzione. I rave sono la scusa, obiettivo è reprimere manifestazioni in scuole, università, piazze.” Alessandro Zan (PD)

“Se questa estrema destra pensa di affrontare la grave crisi sociale ed economica in atto con norme liberticide che comprimono
gli spazi di dissenso delle persone, troverà la più ferma opposizione da parte del fronte democratico e progressista, dentro e fuori il Parlamento.” Rachele Scarpa (PD)

“È pericolosa per la libertà e la sicurezza: la norma prevede sanzioni sproporzionate e non delinea in modo certo la fattispecie, prestandosi a una discrezionalità tale da poter colpire anche manifestazioni di protesta”. Elly Schlein (PD)

Cosa prevede la norma  Art. 434-bis

Invasione di terreni o edifici per raduni pericolosi per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica. (…) Consiste nell’invasione arbitraria di terreni o edifici altrui, pubblici o privati, commessa da un numero di persone superiore a cinquanta, allo scopo di organizzare un raduno, quando dallo stesso può derivare un pericolo per l’ordine pubblico o l’incolumità pubblica o la salute pubblica. Chiunque organizza o promuove l’invasione di cui al primo comma è punito con la pena della reclusione da tre a sei anni e con la multa da euro 1.000 a euro 10.000. Per il solo fatto di partecipare all’invasione la pena è diminuita.

 

Il decreto manganello vieterà anche i Pride?

Sulla base di questa norma, se qualche amministratore locale (magari in una città governata da Lega o FdI) dovesse avanzare possibili rischi di sicurezza (come già accaduto in passato), potremmo vedere cancellate le parate dei Pride?

È accaduto soltanto poche settimane fa in Serbia. Il governo sovranista ha cercato
di bloccare l’EuroPride di Belgrado millantando questioni di sicurezza.

Il Governo Meloni si configura sempre più come l’esecutivo che vuole portare l’Italia verso l’est Europa dei governi autoritari, come Polonia e Ungheria.

 

 

cover: Yannis Papanastasopoulos on Unsplash

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

Leggere fa bene

aosta pride 2024, 12 ottobre

Aosta Pride 2024: il 12 ottobre

News - Redazione 15.1.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
salento pride 2024 a Lecce

Salento Pride 2024: il 6 luglio a Lecce

News - Redazione 3.1.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23
sassuolo-violenza-polizia-coppia-gay-scalfarotto

Violenza e profilazione razziale su coppia gay, la procura archivia, ma arriva l’interrogazione parlamentare

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Fedez in lacrime al governo Meloni: "La salute mentale è un'emergenza, non tagliate il bonus psicologo" - VIDEO - fedez - Gay.it

Fedez in lacrime al governo Meloni: “La salute mentale è un’emergenza, non tagliate il bonus psicologo” – VIDEO

Corpi - Redazione 30.10.23
finale Non sono una signora

Non sono una Signora faceva ascolti che oggi Rai Flop Meloni si sogna, ma nessuno rinnova il drag show condotto da Alba Parietti

Culture - Federico Boni 2.11.23
La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un'associazione LGBTQIA+ - Simone Pillon - Gay.it

La Cassazione rigetta il ricorso di Pillon. Definitiva la condanna per diffamazione ai danni di un’associazione LGBTQIA+

News - Redazione 23.11.23