Congresso della Famiglia, gli insegnanti si appellano a Mattarella per una scuola inclusiva

Decine di insegnanti della scuola pubblica e privata contro la presenza del Ministro Bussetti a Verona. Firmate il Manifesto.

Congresso della Famiglia, gli insegnanti si appellano a Mattarella per una scuola inclusiva - Congresso della Famiglia gli insegnanti si appellano a Mattarella per una scuola inclusiva - Gay.it
2 min. di lettura

Un gruppo di insegnanti della scuola italiana, pubblica e privata, di ogni ordine e grado, si è ufficialmente rivolto al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella affinché possa farsi garante di una scuola davvero inclusiva, in risposta al Congresso mondiale della famiglia di Verona che si terrà dal 29 al 31 marzo prossimo.

Insegnanti in arrivo da ogni parte d’Italia che vivono la scuola nella sua quotidianità, incontrando ogni giorno, ogni anno, decine di ragazze e ragazzi per i quali diventano di fatto un secondo punto di riferimento oltre le loro famiglie. Uomini e donne che insegnano loro principi, improntati al rispetto e al riconoscimento di ogni “diversità”, senza distinzione di “sesso, razza, religione” come previsto dall’articolo 3 della nostra Carta fondamentale. Ed è qui che prende vita il Manifesto intitolato ‘Futuro, Semplice! Per una Scuola Inclusiva’, a caccia di firme su Change.Org.

“L’istruzione e l’educazione scolastica sono i pilastri per garantire una società il più possibile inclusiva, ed è per questo che ci dissociamo fermamente dalla visione espressa dal Congresso mondiale della famiglia, che si terrà a Verona tra il 29 e il 31 marzo”, tuonano gli insegnanti. “Una visione che noi riteniamo fascista, xenofoba, razzista, sessista, omofoba. Per tutte queste ragioni proviamo una profonda indignazione per la partecipazione del ministro dell’istruzione Bussetti all’evento, in qualità di relatore insieme ad altri membri del nostro governo“.

Un ministro che, in quanto tale, rappresenterà la Scuola come istituzione dello Stato, nel corso dell’evento di Verona, che per contenuti e dichiarazioni di alcuni suoi relatori disconosce di fatto i valori della nostra Costituzione. Ed è qui che sorge un manifesto in 10 punti, fondato su quello che gli stessi insegnati promotori vedono quotidianamente nelle nostre aule.

1. La nostra scuola è inclusiva verso tutte le studentesse e gli studenti e tutti i tipi di famiglia, senza distinzioni legate all’identità di genere, all’orientamento sessuale, ai luoghi di origine e alla cittadinanza, alla religione, all’abilità dei corpi, alla classe sociale
2. La nostra scuola valorizza l’autodeterminazione delle persone e dà loro gli strumenti perché possa essere esercitata
3. La nostra scuola è plurale, educa alle differenze e anzi le valorizza perché vuole creare una società più equa e più giusta
4. La nostra scuola è accogliente e tra le sue funzioni rivendica anche quella di favorire l’integrazione delle persone che arrivano nel nostro paese da contesti diversi
5. La nostra scuola è democratica, perché si basa sui valori costituzionali fondati sull’antifascismo
6. La nostra scuola è laica perché rispetta tutte le religioni, ma si muove in autonomia da esse e non si fa condizionare
7. La nostra scuola è europeista perché crede e promuove i valori della collaborazione e dello scambio internazionale
8. La nostra scuola forma cittadine e cittadini consapevoli e critici, perché scopo di ogni insegnante è quello di fornire strumenti per fare della popolazione studentesca la futura società di domani
9. La nostra scuola è bella, perché vede l’umanità dell’individuo e investe su di essa per farne patrimonio sociale comune
10. La nostra scuola studia il passato, agisce nel presente e costruisce il futuro: non permetteremo a nessuno di interferire con il nostro lavoro, la nostra deontologia, la nostra missione formativa e il nostro ruolo sociale.

Cliccate qui per firmare e condividere il manifesto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

"C'è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+", intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno - Torino Pride 2023 - Gay.it

“C’è un attacco spietato e frontale alla comunità LGBTIAQ+”, intervista al Torino Pride che scende in strada il 15 Giugno

News - Francesca Di Feo 13.6.24
Tiziano Ferro ospite di Voci Parallele

Giuni Russo “Voci Parallele”: Tiziano Ferro, Irene Grandi e tutti gli ospiti del concerto in ricordo di un’artista immensa

Musica - Emanuele Corbo 12.6.24
Mahmood RA TA TA - Il velo e anche la tuta sono del brand palestinese Trashy Clothing

Mahmood fa “RA TA TA” con un velo palestinese che ha un significato

Musica - Mandalina Di Biase 13.6.24
Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans - Lia Thomas - Gay.it

Niente Olimpiadi di Parigi 2024 per Lia Thomas, la decisione del CAS contro la nuotatrice trans

Corpi - Redazione 14.6.24
Alex Wyse in concerto

Alex Wyse contro i pregiudizi: “Siate liberi di essere ciò che siete. Nessuno può porci confini”

Musica - Emanuele Corbo 13.6.24
Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l'omofobia - Dennis Gonzalez - Gay.it

Dennis Gonzalez, il nuotatore artistico fresco di trionfo europeo che ha sconfitto anche l’omofobia

Corpi - Redazione 13.6.24

Leggere fa bene

Desmond Fambrini

Sei maschio o femmina? Le risposte dellə docente non binary

Lifestyle - Redazione Milano 5.3.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
locali gay a verona

Locali, eventi e serate queer friendly a Verona

Viaggi - Redazione 12.1.24
verona pride 2024, domenica 16 giugno

Verona Pride 2024: domenica 16 giugno

News - Redazione 23.4.24
Sergio Mattarella - Discorso di fine anno 31 Dicembre 2023

In Italia diritti minacciati, Mattarella preoccupato, ecco le frasi più dirette

News - Giuliano Federico 1.1.24
krystilia hepporn drag queen

Insegnante di giorno, drag queen di sera: intervista a Krystilia Hepporn

Culture - Gio Arcuri 9.5.24
verona pride 2024, domenica 16 giugno, intervista

“Il Pride serve a mostrare alla cittadinanza che un’altra vita è possibile”: domenica 16 giugno il Verona Pride – INTERVISTA

News - Gio Arcuri 13.6.24
Verona Circolo Pink Aggressione neofascista

Aggressione squadrista a Gianni Zardini del circolo Pink Arcigay di Verona: cosa è successo

News - Francesca Di Feo 6.5.24