DDL Zan, perché tornare alla formula “omofobia e transfobia” non va bene. Si rischia l’incostituzionalità

Parola del professor Angelo Schillaci.

DDL Zan, perché tornare alla formula “omofobia e transfobia” non va bene. Si rischia l'incostituzionalità - Angelo Schillaci - Gay.it
2 min. di lettura

Professore associato di Diritto pubblico comparato nella Facoltà di Giurisprudenza di “Sapienza” Università di Roma, Angelo Schillaci ha provato a spiegare perché le richieste di modifica al DDL Zan proposte da Italia Viva siano a rischio incostituzionalità. In particolare, la soppressione dell’articolo 1, con i termini “sesso”, “orientamento sessuale” e “identità di genere” sostituiti dalla più generica formula “omofobia e transfobia”.

“Si pone un problema di determinatezza della fattispecie penale”, scrive Schillaci su Facebook, per poi entrare nel merito.

I termini “omofobia” e “transfobia” sono usati nel linguaggio politico, in domini diversi da quello giuridico; e anche nel dominio psicologico, da cui provengono, non sono pacifici (ricordo ad esempio le autorevoli proposte di chi preferisce termini come omonegatività e transnegatività). Vanno bene per la denominazione della Giornata, per esempio, ma non per la denominazione di un movente di reato, che richiede parametri più precisi. Ricordo peraltro che lo stesso dossier del Senato, a proposito dell’articolo 7, formula un appunto al legislatore in relazione al fatto che i concetti lì contenuti non siano definiti.

E non è tutto. “Parlare di omofobia e transfobia assume e legittima lo stigma“, continua Schillaci. “La norma penale si concentrerebbe sulla repressione di atteggiamenti negativi, piuttosto che sul riconoscimento della dignità di chi subisce crimini d’odio. Sembra una obiezione capziosa, ma c’è dentro tutta la storia degli ultimi anni, e il passaggio da una “diversità” da “proteggere” a una “pari dignità” da “promuovere”.

Inoltre, sparirebbe il contrasto dei crimini d’odio fondati su sesso e genere, cioè la tutela contro la misoginia. E anche se venissero inseriti nella norma penale, “i termini “omofobia” e “transfobia” non assicurerebbero protezione a tutte le soggettività che il ddl Zan si propone di tutelare. Ad esempio, un crimine specificamente fondato su bifobia o su ostilità verso persone di diverso e ulteriore orientamento sessuale non sarebbe ricompreso nella norma penale (ricordo che non sono ammesse interpretazioni estensive in malam partem in materia penale); e lo stesso vale per crimini commessi ai danni di persone non binarie o gender non conforming, non riconducibili alla condizione trans* e, dunque, alla transfobia“.

Infine, cosa di non poco conto, potrebbero porsi “problemi di legittimità costituzionale sotto il profilo della violazione dell’articolo 3 della Costituzione, perchè si istituirebbe – in questo caso sì – una tutela rafforzata solo per alcune categorie di persone“.

Non a caso già in passato, tra il 2009 e il 2011, l’iter dei disegni di legge per il contrasto dell’omotransfobia si fermò, alla Camera, per l’approvazione di due questioni di pregiudizialità costituzionale, promosse e votate dalle destre. Il motivo? Le espressioni utilizzate per identificare il movente d’odio – omofobia e transfobia – non vennero ritenute sufficientemente precise per garantire tassatività e determinatezza del precetto penale. Schillaci ricorda come “anche nel corso dell’iter del ddl Zan questa obiezione è stata riproposta, in Parlamento e nel dibattito pubblico, sempre da destra e spesso addirittura senza sapere che il testo non contiene quelle espressioni ma, correttamente, parla di condotte fondate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere della persona offesa. Tutto ciò dà l’esatta misura di quanto le modifiche proposte da Italia Viva non abbiano nulla a che vedere con il merito della legge; e di quanto sia surreale ritenere che la destra possa votarle in buona fede“.

E chi vuol capire, capisca.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
valium 5.7.21 - 12:55

Me lo ricordo benissimo il problema della legge Concia, vidi lo streaming in diretta, e si parla di ben 10 anni fa. Il tempo passa...

Trending

FOTO: LUKE GILFORD

Kim Petras risponde ai commenti sessisti e transfobici: “Siete la piaga del pianeta”

Musica - Redazione Milano 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Ricky Martin: "Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo" - Ricky Martin per GQ - Gay.it

Ricky Martin: “Se avessi fatto coming out nel 1999 credo che non avrei avuto lo stesso successo”

Culture - Redazione 23.2.24
Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24

Leggere fa bene

Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: "La nostra relazione finisce qui" - Giorgia Meloni e Andrea Giambruno 2 - Gay.it

Dopo i fuorionda di Striscia la Notizia Giorgia Meloni lascia Andrea Giambruno: “La nostra relazione finisce qui”

News - Federico Boni 20.10.23
Cantalice, consigliere FDI contro la piazza rainbow: "Oscena e divisiva, qui i gay non ci sono" - cantalice rainbow - Gay.it

Cantalice, consigliere FDI contro la piazza rainbow: “Oscena e divisiva, qui i gay non ci sono”

News - Federico Boni 20.9.23
Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti - Carriera Alias - Gay.it

Milano, il Comune riconosce la carriera alias ai suoi dipendenti

News - Redazione 27.12.23
rischi sunak twitter

Regno Unito, Rishi Sunak vuole cestinare la legge contro le teorie riparative

News - Redazione 27.9.23
Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti - Ron DeSantis 2 - Gay.it

Ron DeSantis vuole portare la sua incostituzionale legge contro le drag alla Corte Suprema degli Stati Uniti

News - Federico Boni 26.10.23
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
donald-trump

Cancellata la norma voluta da Donald Trump che consentiva ai medici di negare le cure ai pazienti LGBT+

News - Redazione 12.1.24
alessia-crocini-mennuni

Alessia Crocini risponde alla senatrice Mennuni sulla maternità: “Le parole di una privilegiata”

News - Francesca Di Feo 28.12.23