Caso Iene-Unar: si è dimesso il Presidente di Anddos Marco Canale

"Ho deciso di fare un passo indietro per salvare tutto ciò che di buono è stato fatto e che si potrebbe ancora fare".

Caso Iene-Unar: si è dimesso il Presidente di Anddos Marco Canale - canale - Gay.it
< 1 min. di lettura

Dopo l’ennesimo servizio di Filippo Roma alle Iene >>> GUARDA si è dimesso il Presidente di Anddos Marco Canale. Ecco il comunicato diffuso poco fa dall’associazione LGBT:

Mario Marco Canale si dimette da presidente di Anddos per il bene dell’Associazione. “Le ingiurie di cui Anddos è stata fatta oggetto in questo ultimo mese – ha dichiarato Canale –  rischiano di inficiare ogni sforzo per la tutela, l’accoglienza e la assistenza alle persone omosessuali da noi  compiuto dal 2012 ad oggi. Per questo ho deciso di fare un passo indietro per salvare tutto ciò che di buono è stato fatto e che si potrebbe ancora fare”.

L’intero ufficio di presidenza Anddos, appresa la notizia,  ha espresso piena solidarietà a Canale, così ingiustamente vilipeso nella sua dimensione umana. “Siamo increduli rispetto a tutto quello che sta avvenendo ai danni dell’Associazione – ha scritto in una nota l’ufficio di presidenza Anddos – ma ancora più sconcertati dall’ingiustificato accanimento verso Marco Canale, persona di indubbia onestà e di nostra totale fiducia. Lo ringraziamo per il ruolo svolto con tanta abnegazione e entusiasmo, augurandoci che il suo generoso gesto non sia inutile in nome delle battaglie che abbiamo contribuito a portare avanti insieme a tutto il movimento Lgbti”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
interstella55 23.3.17 - 14:43

Come gia detto. accade solo nei circoli privati ITALIANI. all'estero? col cazzo... altro che associazioni pubbliche o private. perche non sono rimasti con arci gay? la ANNDOS ci lucra da 17 anni e mangiano sulle spalle della nostra liberta sessuale. feci umane.

Avatar
Alessandro Ravasio 22.3.17 - 16:30

Forse uno dei punti della questione è il fatto che si adduce sempre al fotto che Anddos abbia 200.000 iscritti. Ora, lo sappiamo tutti che questi "circoli privati" sono dei puri escamotage fiscali attuati al fine di evadere fiscalmente quello che una discoteca normale pagherebbe; per accedere a queste "discoteche devi tesserarti oltre a pagare il biglietto di ingresso ogni volta, ribadisco OGNI VOLTA; se sono socio di un circolo, mi tessero e nell'anno in corso entro ed esco quante volte mi pare (avete presente le vecchie ACLI o ARCI che siano). Quindi 200.000 tesserati che sono in realtà fuffa, evasione fiscale a mille e indipendentemente che i soldi pubblici chiesti siano o meno per progetti di sensibilizzazione, penso che un minimo di pudore nel richiedere fondi statali lo si debba avere. La massa di denaro che ci si accaparra con le sole tessere (soldi che restano ai circoli in piccola parte e vanno direttamente invece nelle casse di Anddos) dovrebbe essere più che sufficiente. Se quindi si vuole portare avanti il discorso di circoli privati, lo si faccia avendo l'accortezza di essere veramente tali, poi per il discorso sesso o altro essendo luoghi privati frequentati da persone capaci di intendere e volere c'è piena libertà... lo sfruttamento della prostituzione resta comunque un reato.

    Avatar
    Jezekael 23.3.17 - 11:26

    Ma quale evasione fiscale, stiamo parlando di strutture che esistono anche da decenni, pensi che la finanza non faccia i controlli? L'escamotage riguarda un'altra questione: il sesso nei locali pubblici e la necessità di rispettare la legislazione italiana, la quale vieta che nei luoghi accessibili al pubblico si possa far sesso. Quindi questi locali per poter esercitare devono per forza diventare circoli privati, dato che ottenendo questo status non sono più classificabili come locali aperti al pubblico. E' tutta una questione di leggi vecchie e obsolete...

Avatar
Pierangelo Bucci 22.3.17 - 15:22

Il problema esiste e lo sanno tutti. Anddos non è un'associazione culturale, è un circuito commerciale e basta. Oggi si trovano in questa situazione perché a suo tempo uscirono da Arcigay. Fossero rimasti, il problema non esisterebbe. Anddos paga per i suoi errori e ha sbagliato a chiedere fondi pubblici, molto sbagliato. Lo sappiamo tutti come funzionano le cose e volendo essere cattivi si poteva affondare il coltello ancora più in fondo. Non si può dire che è colpa delle Iene se esiste una disfunzione evidente. Anddos torni a essere modesta e si occupi di saune e discoteche e non cerchi altro. Lasciamo perdere poi il comportamento degli altri attori di questa farsa. Chi si è dimesso ha fatto bene a farlo e che in futuro si assuma un comportamento un minimo più decoroso, almeno quello, non è chiedere tanto.

Avatar
Giovanni Di Colere 22.3.17 - 10:15

È inutile giustificare e chiarire tanto la macchina del fango quando è partita non la ferma più nessuno. La gente non crede non si informa non verifica e neanche i giornalisti. La "notizia perfetta" è. Anche se è falsa poiché risponde agli stereotipi e alle paure dei lettori. Comunque complimenti a chi si è documentato e ha risposto nel forum.

Avatar
Jezekael 22.3.17 - 5:57

Ma questi sono degli idioti? Si dimettono uno dopo l'altro inducendo l'opinione pubblica a credere davvero che abbiano torto. Anche io adesso inizio a sospettare che abbiano qualcosa da nascondere... perchè considerando tutta la vicenda, sulla base delle notizie diffuse, chiunque, anche chi non ha competenze in campo legislativo e giudiziario, sarebbe stato in grado di demolire tutta questa presunta campagna diffamatoria, ma questi evidentemente sono proprio incapaci.

Avatar
cantalupo75 21.3.17 - 20:47

Credo sia necessario che qualcuno spieghi sul sito la differenza tra locale pubblico e circolo privato e perché in Italia sia necessario associarsi per accedervi. È anche sulla confusione di questi due concetti che si basano alcune conclusioni errate (almeno finché le autorità preposte non stabiliscano il contrario).

Avatar
interstella55 21.3.17 - 17:58

il problema è uno solo. la anddos dovrebbe esere un associazione senza scopo di lucro. tra tessere e entrate, ci si sono cosrtuiti le meglio ville di roma. gli escort ci sono sempre stati, mascherandosi da massaggiatori. tutto questo buonismo nei confronti della anddos è insopportabile. apparte un carro il giorno del pride, non ha mai svolto altre valide alternative culturali..... dee gay secondo voi è un programma radio culturale, lavoarare come uno zingaro per fare il carro, o gli stand nella settimana del pride? associazione ridicola, infondata e sopratutto a scopo di lucro. all'estero, non esistono tessere, sottoscrizioni, iscrizioni.... si paga l'entrata e basta, ed il prezzo è uguale a quello italiano.... tutti gli stranieri si lamentano di questa tessera quando varcano il confine dello stivale...

    Avatar
    Jezekael 22.3.17 - 6:09

    è la legge che impone questo, se quei locali non tesserassero i clienti/soci e se non si legassero a un'associazione non potrebbero nemmeno esistere. Dato che diverrebbero locali pubblici a tutti gli effetti e il sesso nei locali pubblici è vietato. Purtroppo questa storia è conseguenza di leggi obsolete e di un parlamento di bigotti che non hanno mai affrontato questo argomento. Ma il problema è anche che questi poveracci di Anddos non sono in grado nemmeno di esprimersi e di far capire alla gente come vanno le cose...invece di buttare soldi per delle cazzate contattassero un esperto di marketing, un pr e una manciata di avvocati, perchè è evidente che sono un branco di incapaci malconsigliati. Se fossero stati intelligenti non si sarebbero cacciati in questa situazione, avrebbero potuto demolire le illazioni di Filippo Roma con due battute.

Avatar
Gianuario Cioffi Aulicino 21.3.17 - 14:13

Capisco le motivazioni, ma tanto IlGiornale e Libero diranno che lo ha fatto per coda di paglia.

    Avatar
    Cargio 21.3.17 - 14:45

    il dubbio che di culturale in certi posti non c'è proprio niente non è venuto pure a te?

      Avatar
      Le Spy 21.3.17 - 16:15

      E pure se fosse? Se vai sul sito anddos c'è scritto chiaramente che nei circoli si tromba, fra le altre cose. Non lo hanno mai negato, non c'è mai stato dubbio al riguardo. Il problema è che le iene hanno fatto passare il messaggio non veritiero: "anddos prende finanziamenti dallo stato dicendo che fa roba culturale quando invece nei circoli si fanno le orge". Peccato che i soldi pubblici non fossero destinati all'associazione ma ad un progetto che l'associazione voleva portare avanti con l'università La Sapienza. Nelle tasche dei gestori delle saune non sarebbe entrato un centesimo, e anddos lo ha spiegato pubblicamente. Invece di rispondere a questo, le Iene hanno rincarato la dose con "nei circoli si struprano pure i disabbili!!!111" con un altro bel servizio appositamente orchestrato. In una discussione bisognerebbe attenersi ai fatti e rispondere con delle prove concrete, non sparare cose a random per mettere l'altro in cattiva luce. E i video delle iene sono ben lontani dall'essere prove concrete: per quanto ne sappiamo, quelli che hanno parlato potevano essere degli attori o semplicemente aver detto certe cose dietro compenso. Poi, per quanto può valere, io in una sauna anddos ci sono stato e di prostituzione non ho neanche sentito parlare. Se alcuni massaggiatori fossero davvero delle zoccole non sarebbe certo un problema dell'associazione, anche un'infermiera potrebbe offrire sesso a pagamento senza che il direttore dell'ospedale ne sappia qualcosa. E anche se fosse vero, non cambierebbe di una virgola il fatto che i soldi non fossero destinati all'associazione in maniera diretta. Questa storia mi puzza tanto di "Vostro onore, l'imputato ha rubato una barretta di cioccolato, ha dato un calcio ad un cane e non ha aiutato una vecchietta ad attraversare la strada. È chiaro che sia colpevole dell'omicidio del signor Mario Rossi!".

        Avatar
        Cico Cichetti 21.3.17 - 22:42

        allora cosa li chiedete a fare i FONDI PUBBLICI ??? quando non spendete manco 5 euro per una scatola di CONDOM ??? e mia madre deve campare con 260 euro al mese di pensione ??? ma in galera dovete andare !!!

          Avatar
          Le Spy 22.3.17 - 0:41

          L'ho già spiegato, i soldi pubblici erano destinati ad un progetto con La Sapienza di Roma, non andavano certo a finanziare il "sesso estremo" come dicevano sui giornali. Cosa c'entra tua madre? E poi che cazzo vuoi da me? Prima di tutto non ho niente a che fare con l'associazione quindi non vedo perché dovrei andare in galera, inoltre i condom li compro eccome. Vedi di darti una calmata, zoticone.

          Avatar
          Cico Cichetti 22.3.17 - 8:29

          moderi il suo linguaggio !!! io non ho offeso nessuno ! lei usa uno sproloquio continuo ! si vergogni e si dia una calmata lei !!! cafone ignorante !!!

          Avatar
          Le Spy 22.3.17 - 11:11

          Ah, non hai offeso nessuno...mi hai erroneamente associato ad anddos ("cosa li *chiedete* a fare i soldi pubblici?" Chiedete? Che c'entro io?), mi hai accusato di non spendere manco i soldi per i preservativi, e mi hai detto che dovrei stare in galera senza motivo...e sarei io il cafone ignorante? Ok, lol.

          Avatar
          Cico Cichetti 23.3.17 - 12:40

          ma vai a fare le orge coi tuoi amici !

          Avatar
          Le Spy 24.3.17 - 15:32

          Vai a farle tu le orge ;) io sto bene pure da solo.

Trending

Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Beatrice Quinta, da X Factor al primo EP

Beatrice Quinta: “Parlo sempre di sesso perché ho scoperto che posso godere” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
BigMama e il potentissimo monologo a Le Iene: "Siate scomode, date fastidio, ribellatevi, denunciate" - VIDEO - BigMama a Le Iene - Gay.it

BigMama e il potentissimo monologo a Le Iene: “Siate scomode, date fastidio, ribellatevi, denunciate” – VIDEO

Culture - Redazione 14.2.24
“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all'autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo - La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA COVER - Gay.it

“La vita che merito. Voci di rinascita LGBTQIA+”, intervista all’autore del podcast Giorgio Umberto Bozzo

Culture - Federico Boni 7.12.23
Enzo Miccio e il potente monologo contro l'omofobia: "Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici" (VIDEO) - Enzo Miccio - Gay.it

Enzo Miccio e il potente monologo contro l’omofobia: “Siate fieri, sempre, perché siete unici e autentici” (VIDEO)

Culture - Redazione 24.4.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Emma Marrone e Nicolò De Devitiis, Le Iene

Emma Marrone a Le Iene: “Mi piacerebbe diventare madre. Ho 39 anni e tutti gli strumenti per esserlo”

Culture - Luca Diana 16.4.24
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23