‘Eleve libre’, la pedofilia-choc turba Cannes

Un ambiguo rapporto tra un sedicenne e il suo insegnante privato è al centro del controverso film belga 'Élève libre' di Joachim Lafosse presentato alla Quinzaine. La critica francese ne è conquistata

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreBASE - Gay.it
3 min. di lettura

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreF1 - Gay.it

Télérama lo definisce "uno dei film più perturbanti visti a Cannes". Jacques Mandelbaum di Le Monde chiosa: "L’intelligenza del film è di non fare di questi personaggi dei cinici perversi, ma semplicemente dei giovani borghesi colti e mostruosamente irresponsabili". Stiamo parlando del film-choc (immancabile) che ha turbato i cinemaratoneti sull’affollatissima Croisette: Elève libre (Allievo libero) presentato nella laterale Quinzaine des Réalisateurs, opera quarta del giovane regista belga Joachim Lafosse che già ci aveva intrigato con le ambiguità relazionali di una famiglia sull’orlo del collasso nell’insolito Proprietà privata.

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreF2 - Gay.it

Con uno stile livido già accostato dalla fascinosa glacialità del grande Michael Haneke, Elève libre affronta le crisi identitarie di un inquieto sedicenne, Jonas (l’angelico Jonas Bloquet, un volto delicato che sembra uscire dritto dritto da un porno del compianto Cadinot), scarso rendimento a scuola e un’unica grande passione in cui decide di investire le sue energie: il tennis. Ma quando fallisce un’importante selezione nazionale, il suo profitto scolastico peggiora ulteriormente e i suoi genitori decidono di toglierlo dalla scuola pubblica e farlo seguire da un insegnante privato, il trentenne Pierre (Jonathan Zaccaï). Ma il rapporto tra i due trascende presto le esigenze didattiche e l’ambiguo Pierre riesce a coinvolgerlo in curiosi giochi erotici per mettere alla prova i suoi gusti sessuali dall’incerta definizione, cercando di allontanarlo dalla coetanea Delphine con cui Jonas aveva intrapreso una tenera relazione affettiva. Tanto più che Pierre presenta a Jonas un’ambigua coppia che lo porta a respirare una strana aria sessantottina in cui si parla in continuazione di sesso, di

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreF3 - Gay.it

voyeurismo spinto (osservare una coppia mentre fa l’amore è utile all’apprendimento, no?) e della necessità di liberarsi di alcuni cascami morali per affrancarsi dalle trite convenzionalità tardo-borghesi. La frequentazione tra Pierre e Jonas diventa sempre più assidua e il primo cerca in tutti i modi di sostituirsi alla figura paterna per crescere a suo modo l’agognato pupillo: più che verso una vera educazione sentimentale, però, il suggestionabile Jonas viene condotto sul versante alquanto scosceso, per un adolescente, dell’iniziazione ai piaceri della carne. 

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreF4 - Gay.it

Trasgressione sessuale e minore età: un cocktail dal sicuro effetto esplosivo, insomma. Con tanto di riflessione-feedback su quel che resta del ’68, tornato in auge nel quarantennale del maggio francese (nelle sale d’Oltralpe furoreggia il nuovo lavoro della coppia gay Olivier Ducastel e Jacques Martineau, il nostalgico Nés en 68 con Laetitia Casta e Yannick Renier, presente anche nel cast di Eleve libre, in cui si parla delle prime battaglie in piazza del movimento ‘homo’).

'Eleve libre', la pedofilia-choc turba Cannes - ElevelibreF5 - Gay.it

«Il soggetto del film richiedeva uno stile differente rispetto agli altri miei lavori» spiega il regista Joachim Lafosse. «È un argomento difficile da definire, una problematica che non si riesce a focalizzare con precisione: da dove viene il male, il problema? Tratta dell’educazione e la trasmissione del sapere da un adulto a un adolescente, dei limiti oltre i quali questa trasmissione diventa trasgressione. Volevo incentrare il discorso sui confini dell’ambito famigliare e ciò che va oltre: la scuola e gli amici. Il problema di fondo era: che cosa posso filmare? Che cosa non posso riprendere? Mentre giravo mi chiedevo: come reagirà il pubblico? Dovevo mostrare il sesso dei giovani o no? Spero che questo film riesca a scatenare un dibattito dopo la visione».

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Tarquinio, antiabortista e contrario ai diritti LGBT, ce l'ha fatta. Eletto all'Europarlamento grazie al Pd - Marco Tarquinio - Gay.it

Marco Tarquinio, antiabortista e contrario ai diritti LGBT, ce l’ha fatta. Eletto all’Europarlamento grazie al Pd

News - Federico Boni 11.6.24
Marco Mengoni Carlo Conti Sanremo 2025 Gay.it

Marco Mengoni sul ritorno di Carlo Conti a Sanremo: “Senza Amadeus sarà diverso”

Culture - Emanuele Corbo 10.6.24
Mahmood alla versione spagnola di Tale e quale show

Mahmood a “Tale e quale show” spagnolo duetta con il suo imitatore. La reazione del cantante è virale – VIDEO

Musica - Emanuele Corbo 10.6.24
Prisma 2 Intervista a Ludovico Bessegato qui con Mattia Carrano - Gay.it 02

Prisma 2, intervista al regista Ludovico Bessegato “Non diamo risposte a chi cerca il giudizio”

Serie Tv - Giuliano Federico 8.6.24
Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all'Europarlamento - Alessandro Zan - Gay.it

Alessandro Zan, è boom preferenze. Quasi 180.000 voti, eletto all’Europarlamento

News - Redazione 10.6.24
Mare Fuori 5, al via le riprese. Ecco le novità del cast - Mare Fuori 5 - Gay.it

Mare Fuori 5, al via le riprese. Ecco le novità del cast

Serie Tv - Redazione 11.6.24

Continua a leggere

Domenico Cuomo

Domenico Cuomo, dal piccolo al grande schermo: “La mia passione per il cinema nasce da bambino”

Cinema - Luca Diana 21.12.23
Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino - OFF Throuple 02 - Gay.it

Lovers 2024, il programma con tutti i film e gli ospiti. Da Rupert Everett a BigMama e Fabio Canino

Cinema - Federico Boni 11.4.24
Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria - Karla Sofia Gascon 1 - Gay.it

Chi è Karla Sofía Gascón, prima attrice trans a trionfare a Cannes e presto in un film con Vladimir Luxuria

Cinema - Redazione 27.5.24
Cate Blanchett insieme a Coco Francini e la Dott.ssa Stacy L. Smith (Good Morning America)

Cate Blanchett a sostegno dellə cineastə donne, trans, e non binary

Cinema - Redazione Milano 19.12.23
Whoopi Goldberg aggiorna su Sister Act 3 dopo l'emozionante omaggio a Sister Act 2 per i suoi 30 anni (VIDEO) - Sister Act - Gay.it

Whoopi Goldberg aggiorna su Sister Act 3 dopo l’emozionante omaggio a Sister Act 2 per i suoi 30 anni (VIDEO)

Cinema - Redazione 7.6.24
Michele Bravi attore in Finalmente l'Alba: "Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo" - Michele Bravi Finalmente lalba - Gay.it

Michele Bravi attore in Finalmente l’Alba: “Un estroverso tra personaggi famelici, al limite del cannibalismo”

Cinema - Redazione 22.2.24
Sara Drago, Immaginaria 2024

Immaginaria 2024, Sara Drago sarà la madrina del Festival

Cinema - Luca Diana 4.5.24
Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes - Trei kilometri pana la capatul lumii - Gay.it

Queer Palm 2024, vince Three Kilometers until the End of the World. Karla Sofía Gascón prima attrice trans in trionfo a Cannes

Cinema - Federico Boni 27.5.24