La lettera di Filippo P. al Marchese B.

Una lettera svela una storia che vale la pena di conoscere.

La lettera di Filippo P. al Marchese B. - Scaled Image 39 - Gay.it
2 min. di lettura

Questa storia l’abbiamo appresa da una lettera.

È la storia di un ragazzo, appena 21enne, che chiameremo Filippo P.

Filippo è l’ultimo di 6 fratelli, vive in provincia di Ragusa, a Ispica.

La sua famiglia è contadina, possiede solamente la casa in cui abita, e un campo da coltivare.

A Ispica, vive anche un distinto signore, sulla cinquantina, elegante e di origine nobiliare, si dice. Tanto che viene chiamato da tutti il Marchese.

Il cognome inizia per B. Marchese B, lo chiameremo.

Lo avete già capito: tra il giovane ragazzo di umili origini e il distinto e raffinato gentiluomo nasce qualcosa.

Non sappiamo come, non sappiamo quando, ma in questo piccolo paese nasce una storia tra due uomini, uno giovanissimo, l’altro maturo, quasi anziano. Non qualcosa di fugace o di estemporaneo, una vera storia.

Ma tra i due chi prende per mano l’altro non è, come ci si aspetterebbe, il più esperto.

È Filippo infatti che porta nella relazione lo zeitgeist, spirito del tempo moderno, si potrebbe dire, nella coppia.

Una maggiore disinvoltura. Quella acerba ma matura consapevolezza – in questo caso della propria omosessualità – che in fondo è più facile riconoscere nella limpidezza della gioventù, nei primi inequivocabili innamoramenti, che dopo una vita passata a dissimulare.

Perchè la storia di Filippo P. e del Marchese B., suo amato, si svolge nel 1938, durante la fase crepuscolare del fascismo. Ma potrebbe svolgersi anche oggi. O forse domani.

Attenti: nessuna legge condanna esplicitamente l’omosessualità in quanto tale durante il Fascismo, anzi fu proprio il regime ad abrogare la legge contro l’omosessualità contenuta nel codice Rocco del 1927.

Perchè anche solo avere una legge contro l’omosessualità avrebbe messo nero su bianco il fatto che il valoroso Popolo Italiano avesse tra le sue fila degli invertiti. E questo non poteva essere accettabile, anche solamente da ammettere a parole, figuriamoci da inserire nero su bianco in una legge Fascista.

Pertanto Filippo viene deportato non in quanto omosessuale, ma “perché socialmente pericoloso nei riflessi della moralità pubblica e sanità della stirpe”.

Il confino è ad Aliano, paese in provincia di Matera.

E da lì, nei 3 anni passati tra i Sassi sperduti, Filippo scrive le sue lettere all’amato Marchese rimasto a Ispica.

Infatti al gentiluomo non viene ordinato di andarsene. Viene semplicemente ammonito, senza ulteriori conseguenze.

Passano 3 anni, 3 anni di lettere e confino. Nel 1941 Filippo ha una dispensa dalla pena, in quanto malato di cuore.

Può finalmente far ritorno ad Ispica.

Ma non arriva mai al paese di origine. Si ferma a fare un bagno a Santa Maria del Focallo. Un bagno che non finisce.

Accade qualcosa, o forse lo fa accadere lui stesso. Come scrive in una delle lettere.

È il 1941. Ma potrebbe essere oggi. O forse domani.

Questa storia verrà raccontata dall’attore Paolo Briguglia il 4-5 Agosto durante il Giacinto Festival a Noto, Ragusa, diretto da Luigi Tabita. 

Progetto di Agedo Torino, curato dal professor Crisoforo Magistro, in collaborazione con Agedo Ragusa.

Con la presenza di:

Chiara Ottaviano – storica, ass.italiana Pubblic History
Gabriele Guglielmo – Presidente Polis Aperta, ass. lgbt appartenenti alle Forze Armate e dell’Ordine.
Andrea Cozzo – Prof. di lingue e letteratura greca, Università di Palermo

Sala Dante, Teatro Tina Di Lorenzo, ore 10:30-13-17-23.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: "Voglio essere autenticamente me stesso" (VIDEO) - Jason Hackett - Gay.it

Jason Hackett, il conduttore del tg fa coming out in diretta: “Voglio essere autenticamente me stesso” (VIDEO)

News - Redazione 22.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24

Leggere fa bene

Leo Gullotta: "Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare" (VIDEO) - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta: “Il Governo Meloni non mi piace. Lei è una donna furba attorniata da fascisti, vuole comandare” (VIDEO)

Culture - Redazione 13.3.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Gianna Ciao GIornata Visibilita Lesbica

Gianna Ciao, le lesbiche durante il fascismo e la Giornata Mondiale della Visibilità Lesbica

Culture - Francesca Di Feo 26.4.24
Laura Pezzino - intervista

25 Aprile, Resistenza e Liberazione: “La libertà è un esercizio” – intervista a Laura Pezzino

Culture - Federico Colombo 24.4.24
Liberazione 25 Aprile

Il Fascismo è ancora tra noi: non ci fermeremo, non ci fermeranno. Buona Liberazione a tuttə!

Culture - Giuliano Federico 25.4.24
Verona Circolo Pink Aggressione neofascista

Aggressione squadrista a Gianni Zardini del circolo Pink Arcigay di Verona: cosa è successo

News - Francesca Di Feo 6.5.24
Serena Bortone, chesarà...

La Rai censura il monologo di Antonio Scurati: ecco tutto quello che è successo nelle ultime ore

Culture - Luca Diana 21.4.24
Libri omocausto Gay.it

Storie dall’omocausto: cinque libri per saperne di più

Culture - Federico Colombo 24.1.24