Fratelli d’Italia ha falsificato le firme per presentare la lista con Parisi?

Tra le 1.200 firme per presentare la lista apparentata a Parisi 23 sarebbero doppie e 5 addirittura false. Lo hanno scoperto Cappato e Lipparini.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Marco Cappato (candidato sindaco al primo turno con i Radicali, ora favorevoli per il ballottaggio a Beppe Sala) e Lorenzo Lipparini hanno richiesto nei giorni scorsi un normale accesso agli atti riguardanti la presentazione delle liste per le amministrative a Milano: quello che hanno scoperto ha dell’assurdo. Come riporta GliStatiGenerali, i due avrebbero constatato che tra le 1.200 firme raccolte per la presentazione della lista apparentata al candidato sindaco Stefano Parisi, 23 sarebbero doppie (la stessa persona ha firmato due volte) e 5 addirittura false (la stessa persona non solo firma due volte, ma firma in modo totalmente diverso). Tra queste cinque anche quella di Lorenzo Kocis La Russa, figlio di Ignazio, tra i leader del partito guidato dalla candidata sindaco al primo turno per Roma, Giorgia Meloni.larussa_parisi

La responsabilità in questo caso ricadrebbe su Marco Osnato, capogruppo al Comune di Milano per Fratelli d’Italia, che ha firmato e vidimato questi atti.

Ti suggeriamo anche 

"Lesbiche e gay ammazzateli tutti": il commento su FB del vicepresidente del consiglio comunale di Vercelli

Omofobia

Pestato a sangue mentre gli gridano ‘fr*cio’, ma i colpevoli sono già fuori di prigione

La polizia ha identificato i due sospetti responsabili. Arrestati per aggressione, sono stati rilasciati. Ecco perché.

di Federico Boni