Gay in Tunisia: il servizio shock di “Terra!”

Torture, abusi sessuali e maltrattamenti: la storia di Skandar e Brahim

Gay in Tunisia: il servizio shock di "Terra!" - gay tunisia omofobia violenza petizione 4 - Gay.it
3 min. di lettura
Gay in Tunisia: il servizio shock di "Terra!" - terra tony capuozzo rete4 - Gay.it

Il programma di approfondimento culturale Terra!, in onda in seconda serata su Rete 4, ha mandato in onda il 4 aprile uno sconvolgente reportage della giornalista Sandra Magliani tra Kairouan e Tunisi, città teatro di una surreale lotta alla libertà di essere omosessuali. La storia è quella di Skandar e Brahim, due 19enni arrestati mesi fa per sodomia e di cui avevamo parlato : il loro caso ha assunto rilevanza internazionale e ha finalmente portato a conoscenza l’opinione pubblica di questo orrore, perpetuato in Tunisia ormai da troppo tempo. Dopo aver passato 40 giorni in carcere, i giovani sono stati rilasciati e messi al sicuro in una casa fornita da una Ong locale: pochi giorni fa la notizia di un nuovo incarceramento, questa volta ancor più grave perché a Tunisi, città capitale e (almeno teoricamente) lontana dalla ultraconservatrice Kairouan. I ragazzi sono stati fortunatamente liberati ieri: le accuse di sodomia e prostituzione sono cadute ma cinque di loro, accusati di consumo di cannabis, sono ancora in carcere.

Gay in Tunisia: il servizio shock di "Terra!" - gay tunisia omofobia violenza petizione 1 - Gay.it

Il servizio mandato in onda pochi giorni fa risale a fine marzo, solo due giorni prima del secondo arresto, e lo scenario dipintovi è sconcertante: la polizia è entrata senza un mandato nella casa dello studente nella quale alloggiavano, portandoli via solo per esser venuti a conoscenza dei loro rapporti omosessuali e per il loro modo di vestire. I giovani sono stati vittime di soprusi in carcere, dove sono stati violentati e costretti a dormire sul pavimento senza cibo per giorni, oltre che a subire un fantomatico test anale atto a dimostrare la loro omosessualità: l’avvocato Fadua Braham, che abbiamo già ascoltato varie volte e che da tempo si batte per i diritti dei giovani gay tunisini, rivela che in realtà se il malcapitato rifiuta di svolgere il test non è obbligato a farlo.


Video Terra! Unioni incivili di gayit

Gay in Tunisia: il servizio shock di "Terra!" - gay tunisia omofobia violenza petizione 1 - Gay.it

Di fatto però, questo test viene effettuato con la forza. Il fatto è potuto avvenire nella totale indifferenza perché effettivamente la notizia è stata nascosta: il “processo” fantoccio ai ragazzi è durato solo 4 giorni, senza alcun tipo di tutela. È grazie alle organizzazioni umanitarie tunisine e internazionali che si è arrivati alla scarcerazione e, in prospettiva più ampia, a portare alla luce questi fatti riprovevoli: è per questo che è importantissimo contribuire con la propria voce, su Facebook ben noto al pubblico di Gay.it.

Gay in Tunisia: il servizio shock di "Terra!" - omofobiastop stefano sechi - Gay.it

“La Tunisia è un paese in cui il conflitto sull’omofobia è aperto. È stato il primo e in un certo senso l’unico paese arabo a fare una rivoluzione democratica 5 anni fa e adesso stanno venendo fuori i giovani gay che sfidano apertamente l’articolo del codice penale che sanziona gli atti omosessuali. Per questo motivo la battaglia che si svolge su omofobia e diritti in Tunisia è cruciale per determinare il futuro di tutto il mondo arabo e di tutto il mondo islamico”, afferma Stefano Sechi.

Speriamo che, alzando la voce tutti insieme, riusciremo a neutralizzare una volta per tutte questa indicibile violazione dei diritti umani basilari.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Milano, affitto negato perché gay: "La proprietaria preferisce una persona "tradizionale"" (VIDEO) - Andrea Papazzoni - Gay.it

Milano, affitto negato perché gay: “La proprietaria preferisce una persona “tradizionale”” (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
fedez luis sal chiara ferragni fabrizio corona

“Fedez ha una relazione con Luis Sal”, a processo per diffamazione Alessandro Rosica: “Ha offeso la reputazione del rapper”

News - Redazione 19.2.24
Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey - Ian McKellen Oscar Conlon Morrey - Gay.it

Ian McKellen di nuovo single, è finita con Oscar Conlon-Morrey

Culture - Redazione 19.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24

Hai già letto
queste storie?

africa-burundi-lapidare-omosessuali

Africa, il presidente del Burundi invita la popolazione a lapidare gli omosessuali

News - Francesca Di Feo 2.1.24
burkina-faso-lgbt-africa

Africa, in Burkina Faso il filorusso Traorè vieta le trasmissioni LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.8.23
canada

Canada, avviso ai canadesi LGBTQIA+ sui rischi nel viaggiare negli USA causa leggi omobitransfobiche

News - Federico Boni 1.9.23
"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
omofobia melito napoli donna lesbica

Aggredita con pugni e schiaffi “Sei una sporca lesbica”: è l’Italia del Generale Vannacci

News - Giuliano Federico 23.8.23
lesbica aggressione

In Molise botte e insulti a una trentenne perché lesbica, aggressori rinviati a giudizio

News - Francesca Di Feo 4.10.23
angelo duro omosessuale

Il monologo di Angelo Duro intriso di omofobia: gay che dovrebbero picchiare omofobi, r*cch*oni eccetera – VIDEO

Culture - Redazione Milano 31.10.23
india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23