Trent’anni di Gay Pride con lo stesso cartello: ecco la donna di 92 anni che sta facendo impazzire il web

La donna si è persa solo un Pride, per via di un attacco di cuore: da allora le figlie la accompagnano con la sedia a rotelle, “ma questo non le impedisce di urlare ed esultare”.

Frances Goldin ha 92 anni: era il lontano 1994 quando venne fotografa col cartello “I adore my lesbian daughters” in occasione di un Pride di New York. Da allora lo porta ad ogni manifestazione in favore dei diritti LGBT, compresa quella per la commemorazione dei moti di Stonewall avvenuta quest’anno.

grandma_gay_pride_2

La sua strada come attivista LGBT iniziò nel 1970, quando partecipò al primo Pride della città: le sue figlie (Reeni, 68, e Sally, 70) fecero coming out subito dopo la parata. “Le differenze ci arricchiscono, non devono essere fonte di discriminazione“, ribadisce Francis. “Spero di poter andare avanti fino a quando avrò forza in corpo“. La donna si è persa solo un Pride, per via di un attacco di cuore: da allora le figlie la accompagnano con la sedia a rotelle, in modo che quando si stanca si possa riposare. “Questo non le impedisce di agitare le mani in aria ed esultare“, affermano. “Tanti ragazzi rifiutati dalle loro famiglie quando la vedono piangono e gioiscono. ‘Vuoi diventare la mia mamma?, le chiedono”.

 

 

 

Ti suggeriamo anche  Vicenza, coppia di lesbiche insultate in un locale: la titolare difende gli omofobi e chiede alle ragazze di andarsene
Omofobia

Russia, l’indecente spot che attacca le famiglie arcobaleno – video

Uno spot vergognoso, ovviamente consentito a dispetto di tutti i Pride, i film e le serie con personaggi LGBT al loro interno, da anni vietati in Russia perché colpevoli di "propaganda gay". Sulla propaganda sfacciatamente omotransfobica, invece, nulla da obiettare.

di Federico Boni