Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa

Esce in sala grazie a Teodora lo splendido dramma belga in cui la 16enne Lara, aspirante ballerina trans, sogna il cambio di sesso per trionfare nella danza.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl home - Gay.it
3 min. di lettura

Ecco il film che potrebbe trovarsi a combattere col nostro Dogman per l’Oscar come miglior film straniero. È un meraviglioso dramma belga, s’intitola Girl, l’ha diretto l’esordiente Lukas Dhont (l’abbiamo intervistato qui: https://www.gay.it/cinema-gay/news/lukas-dhont-girl-intervista) e dal 27 settembre esce nelle sale italiane grazie a Teodora Film.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl 5 - Gay.itMai come in questo caso la protagonista ‘è’ il film, in grado di stregare e conquistare gli spettatori: Lara è nata Victor, ha 16 anni e non vede l’ora di poter effettuare quell’agognato cambio di sesso che lei accelererebbe il più possibile, a colpi di dosi ormonali o qualsivoglia tecnica medica. Peccato che lo staff di specialisti le spieghi, senza convincerla, che è troppo presto per l’operazione, e sarà necessario attraversare una pubertà il più simile possibile a una pubertà femminile per approdare all’attesa operazione.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl 4 - Gay.itLa sua grande passione è il balletto, e per frequentare una scuola prestigiosa l’intera famiglia si è trasferita: ma il suo corpo non si piega agli sforzi necessari per ottenere quella fluidità scenica da ballerina professionista a cui Lara agogna, e il disagio cresce.

Come nel caso di Chiamami col tuo nome, anche qui la sceneggiatura non ha un antagonista: tutti approvano la scelta di Lara, il padre tassista (Arieh Worthalter in un’interpretazione da applauso) è affettuoso e protettivo, così come il fratellino Milo. La madre non c’è e non viene mai menzionata: verrebbe da pensare che non ci sarebbe posto per altra femminilità nella famiglia di Lara.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl 3 - Gay.itA combattere è Lara col suo corpo ferito dagli ossessivi esercizi di ballo, piedi sanguinanti e piaghe diffuse, col sesso umiliato da infiniti cerotti per essere mascherato al meglio. Quel corpo maschile dalla struttura ossea troppo grande per realizzare armonici grand jeté come vorrebbe lei.

La vera rivelazione del film è proprio Lara, ossia Victor Polster, ballerino sedicenne e attore esordiente, subito premiato al Certain Regard di Cannes (in tutto il film ha collezionato quattro premi sulla Croisette: oltre a questo anche la Caméra d’Or come miglior opera prima, il Fipresci della critica internazionale e la Queer Palm). Polster è pura luce, un concentrato unico di delicatezza e cinegenia, angelicamente diafano come nei quadri fiamminghi, davvero una scoperta sorprendente.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl - Gay.itLa regia di Lukas Dhont resta sempre al servizio della storia, quasi intimorita dalla presenza scenica così esorbitante del bravissimo Victor Polster e rende ammirevoli le ripetute scene di ballo, le prove reiterate, pedinando costantemente il corpo inquieto di Lara come farebbero i fratelli Dardenne.

Girl, che meraviglia la ballerina trans in lotta con sé stessa - Girl 6 - Gay.itCerto, si possono fare inevitabili paralleli con Billy Elliot o Tomboy ma Girl resta unico proprio grazie a Lara, a quella sua femminilità che prorompe ma vorrebbe cancellare per sempre quelle tracce mascoline così imbarazzanti, così estranee, così ‘diverse’ dalla sua vera anima.

L’idea di fondo di evitare ogni militantismo in questo potente dramma genderfluid si rivela infine vincente, perché così restituisce il senso della lotta interamente a Lara, e per Lara lo spettatore si trova a parteggiare.

Da vedere assolutamente.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Monsi67 26.9.18 - 8:07

Non vedo l'ora!

Trending

Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

Namibia, sentenza storica depenalizza l’omosessualità, ma il governo potrebbe appellarsi alla Corte Suprema

News - Francesca Di Feo 22.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Carmine Alfano sospeso dall'Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata - Carmine Alfano 2 - Gay.it

Carmine Alfano sospeso dall’Università dopo le frasi omofobe si ritira dal ballottaggio di Torre Annunziata

News - Redazione 21.6.24

Leggere fa bene

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: "Non sarei quello che sono senza l’arte queer" - Cannes 2024 Lukas Dhont presidente di giuria della Queer Palm - Gay.it

Cannes 2024, Lukas Dhont presidente di giuria Queer Palm: “Non sarei quello che sono senza l’arte queer”

Cinema - Federico Boni 21.2.24