Gonorrea, crescono le speranze per un vaccino efficace: il nuovo studio

Un vaccino anti-meningite, infatti, ridurrebbe il rischio di contrarre la malattia.

La scoperta è di quelle importanti: un vaccino specifico contro la meningite offre alcune protezioni anche contro la gonorrea.

In molte nazioni, e soprattutto negli ultimi anni, la gonorrea si sta diffondendo drammaticamente: Public Health England, ad esempio, ha rilevato un aumento del 53% di casi di infezione in Inghilterra nel periodo compreso tra il 2012 e il 2015. Una delle ragioni è legata alla scelta di molti uomini omosessuali e bisessuali di abbandonare il preservativo con l’avvento della PrEP, un’altra la resistenza del virus agli antibiotici dovuta anche all’utilizzo spropositato degli stessi.

Ma ci sono buone notizie all’orizzonte: The Lancet ha recentemente pubblicato i risultati di uno studio proveniente dalla Nuova Zelanda che accresce le speranze per un potenziale vaccino contro la gonorrea. I ricercatori, che hanno portato avanti uno studio retroattivo su oltre 14.000 individui tra i 19 e i 33 anni, hanno rilevato infatti che un vaccino anti-meningite, MeNZB, riduce il rischio di contrarre la gonorrea.

Un vaccino efficace ancora non c’è, però, e fino a quel momento l’avviso rimane sempre il solito: check-up frequenti, anche se asintomatici, e sesso protetto.

Ti suggeriamo anche  Nuova Zelanda, pasticciere si rifiuta di fare una torta per un matrimonio tra due donne
Pride

Rimini, bellissima passerella arcobaleno da spiaggia per celebrare l’Onda Pride

Dal Bagno Ventisette di Rimini arriva un gesto di assoluta vicinanza alla comunità LGBT italiana, a pochi giorni dal Pride Month e da quell'Onda Italiana purtroppo frenata dal Covid-19.

di Federico Boni