I Compagnacci e la prima rivolta omosessuale del 1400

La retata di 30 giovani aristocratici fiorentini nella Firenze rinascimentale.

ascolta:
0:00
-
0:00
la rivolta dei compagnacci
The Musicians (Caravaggio)
2 min. di lettura

Firenze era la metà libertina del Rinascimento. Dalla strada Chiasso del Buco – considerato un vero e proprio quartiere gay – al tripudio di artisti queer, tra Pico Della Mirandola a Leonardo Da Vinci, in tutto il resto d’Europa “fiorentini” diventò presto sinonimo di “sodomiti”. In un primo momento l’omosessualità a Firenze (o come veniva rinominata, “vizio italiano”) era talmente frequente che le altre città temevano potesse diventare contagioso nel resto d’Italia: a Genova non venivano assunti insegnanti fiorentini perché potevano “influenzare” i più giovani mentre da Siena i fedeli di San Bernardino e Girolamo Savonarola, erano soliti sputare sul pavimento di Santa Croce.

rivolta dei compagnacci
Esecuzione capitale di cinque sodomiti a Gand (Belgio) nel 1578.

Dal 1432, le pratiche dei fiorentini arrivarono fino alla chiesa che pressò l’autorità pubblica di frenare il più possibile ogni “tendenza perversa”, tanto che iniziarono a serpeggiare per le strade i cosiddetti Ufficiali di Notte, sei cittadini eletti annualmente, incaricati di raccogliere denunce anonime, controllare, e arrestare qualunque atto sodomita o anti-norma. Le denunce erano chiamate “tamburazioni” venivano depositate nei contenitori delle chiese di San Piero Scheraggio e Orsanmichele, e aperte ogni 20 giorni: tra il 1432 e il 1502 più di 10.000 uomini vennero indagati, includendo oltre 2.000 condanne.

Finché un giorno qualcuno contrabatté: era il 13 Agosto 1512, quando 30 giovani aristocratici, che armati di picche, di balestre, di archibugi irruppero nel palazzo del governo reclamando l’abolizione delle leggi anti-sodomiti. Erano rinominati i “Compagnacci” (o successivamente “Ruspi”), capitanati da Doffo Spini – “giovane di perduti costumi ma grandissimo ardire” lo definì nel 1861 lo storico Pasquale Villari. Dopo la retata, molti di loro impazzirono o furono trucidati, e si dovette aspettare il 16 Settembre, con il ritorno dei Medici al potere, per abolire il tribunale della Notte.

rivolta dei compagnacci
Ritratto di Gian Gastone de’ Medici con le insegne granducali, opera di Franz Ferdinand Richter, 1737 (Galleria Palatina, Firenze)

Spesso non abbastanza menzionata nei libri di storia, quella dei Compagnacci può essere considerata la prima rivolta per i diritti degli omosessuali, un violento e necessario tentativo di ribellione che avrebbe anticipato, con almeno cinquecento anni di distanza, le rivolte di Stonewall del 1961.

Leggi anche: Storia delle Saune Gay, da Firenze a New York

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amici 23, tutti gli allievi al Serale

Amici 23, da Dustin a Holden: tutti gli allievi al Serale

Culture - Luca Diana 25.2.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
Eurovision 2024 Eden Golan October Rain

Boicottare Eurovision 2024 e la partecipazione di Israele? “October rain” di Eden Golan va esclusa?

Musica - Redazione Milano 27.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

russia-insegnante-propaganda-lgbtqia

Russia, insegnante si veste da Biancaneve e viene accusato di propaganda LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 28.12.23
vannacci-ultime-dichiarazioni

Vannacci e il tour paranoico tra omosessuali e graffitari, ecco gli ultimi deliri dell’esponente dell’esercito italiano

News - Redazione Milano 15.9.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
L'estate italiana dell'omobitransfobia, Zan: "Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice" - alessandro zan - Gay.it

L’estate italiana dell’omobitransfobia, Zan: “Il Governo Meloni è corresponsabile, chi lo nega è complice”

News - Federico Boni 8.9.23
panchina-arcobaleno-cavirago-reggio-emilia

Panchina arcobaleno imbrattata con svastiche e messaggi di odio: “Comunisti bast*rdi, morite”

News - Francesca Di Feo 6.11.23
Gardaland, licenziato il manager che chiamava "principessa" il dipendente gay - Gardaland - Gay.it

Gardaland, licenziato il manager che chiamava “principessa” il dipendente gay

News - Redazione 5.10.23
arcobaleno rainbow

Treviso, marmista licenziato perché gay fa causa all’azienda

News - Francesca Di Feo 29.11.23
omofobia interiorizzata, stigma invisibile

Torino, condannati a 2 anni e a 16 mesi i genitori che minacciarono il figlio perché gay

News - Redazione 24.1.24