I giovani accettano l’omosessualità

Una indagine dell'Unione degli Studenti rivela che il 60% dei ragazzi considera l'omosessualità una variabile naturale: ma il 13% la considera una perversione o una malattia.

I giovani accettano l'omosessualità - scuola2 - Gay.it
4 min. di lettura

L’omosessualità? Bando ai pregiudizi, per 6 giovani su 10 è una variabile naturale. Ma non tutti gli studenti sono delle stessa opinione. Tra loro c’è, infatti, anche chi la considera una scelta (25%). Induce invece a riflettere, se non a preoccuparsi, quel 13% di ragazzi che risponde senza remore che si tratta di perversione o malattia. Cosa pensano i giovani dell’omosessualità lo rivela un’ indagine condotta da altri giovani, quelli dell’Unione degli studenti (Uds). Per indagare sul rapporto tra ragazzi e omosessualità, hanno distribuito dei questionari nelle scuole di 16 città italiane, ad un campione di 3.276 studenti tra i 16 ed i 19 anni che frequentano la III, IV e V superiore. I dati sono stati anticipati dall’Uds, che presenterà l’ indagine completa domani in una conferenza stampa-dibattito organizzata in collaborazione con l’Ufficio Nuovi diritti della Cgil.

Le risposte degli studenti, dunque, dimostrano come nella maggioranza dei casi si abbia una percezione dell’omosessualità che l’ Uds definisce “corretta" : essere gay o lesbiche, cioè è una "variabile naturale". Ne è convinto i1 60,7% dei ragazzi intervistati. Per un’altra fetta di giovani invece, il 25,8%, si tratta semplicemente di una scelta: la persona omosessuale, insomma è tale perché decide di esserlo. Ma il dato più preoccupante sottolinea l’Uds, riguarda quei ragazzi che hanno una considerazione certamente "distorta" dell’omosessualità, il 6,9%, infatti, non ha dubbi; si tratta di una "perversione", mentre un altro 6,6% la definisce una "malattia" .

Ma che giudizio danno gli studenti dell’Uds sulle risposte dei loro coetanei? "Il fatto che il 60% consideri l’omosessualità una variabile naturale – commenta il coordinatore nazionale Uds Alessandro Coppola – ci sorprende positivamente, poiché significa che la maggioranza degli studenti affronta la questione correttamente. E’ invece senza dubbio preoccupante il dato che indica come circa 13 ragazzi su 100 pensino ancora all’omosessualità definendola una perversione o una malattia". La causa? In parte da attribuirsi a pregiudizi sociali che ancora persistono e che sono poi alla base, rileva l’Uds, dei tanti atti di intolleranza verso gli omosessuali anche nelle scuole. In parte, però "la responsabilità è della scuola stessa – sottolinea Coppola – che non sempre educa come dovrebbe alla sessualità". A dimostrarlo è un altro dato dell’indagine: se il 48,7% degli studenti contattati afferma infatti di aver seguito un corso di educazione sessuale nella propria scuola, il 46% dice di non averne mai sentito parlare. Vi è poi un 6,3% che, alla domanda ‘hai mai frequentato un corso di educazione sessuale a scuola?’ si è rifiutato di rispondere.

Insomma dei passi avanti sono stati fatti sicuramente e in molte scuole i corsi di educazione sessuale esistono, osserva l’ Uds, anche se "è ancora troppo poco". L’educazione sessuale, affermano gli studenti, "dovrebbe essere uno dei punti fermi nell’educazione scolastica, soprattutto oggi. E certamente occorre una maggiore sensibilizzazione versa la questione omosessualità, ancora troppo spesso considerata un tabù". E invece, molte volte i corsi di educazione sessuale in classe "sono ad esempio tenuti dagli insegnanti di religione. E’ ovvio come, in questi casi – conclude Coppola – la trattazione dei diversi argomenti non possa essere completamente obiettiva, soprattutto rispetto al tema dell’omosessualità".

I risultati del sondaggio saranno presentati e discussi venerdì 6 aprile a Roma nel corso di un convegno organizzato da Cgil, ufficio Nuovi Diritti, intitolato NessunoUguale, NessunoEscluso.

In quella occasione, l’Unione degli Studenti e l’Ufficio Nuovi Diritti della CGIL Nazionale intendono proporre ad associazioni, insegnanti, studenti e istituzioni una riflessione sul problema del pregiudizio antiomosessuale nelle scuole e sulle azioni e le politiche attraverso le quali è oggi possibile contrastare fenomeni di intolleranza: anche i recenti fatti di cronaca devono spingere tutto il mondo civile e in particolare chi opera nella scuola a un impegno serio, diffuso e prolungato capace di uscire dai limiti della contingenza e dell’emergenza.

Da questo punto di vista l’obiettivo di una scuola laica, aperta, democratica e pluralista appare come il presupposto irrinunciabile di una azione educativa e didattica volta a valorizzare la ricchezza delle differenze di genere e di orientamento.

Proprio in vista di questo impegno l’Unione degli studenti, nell’ambito della propria campagna contro le discriminazioni sessuali, ha promosso un’indagine volta a comprendere le caratteristiche della percezione dell’omosessualità da parte degli studenti delle scuole medie superiori e la presenza di momenti e percorsi di informazione sessuale negli istituti. Nella storica debolezza di percorsi di questo tipo, dovuta al retaggio di una morale arretrata, risiede uno dei motivi principali del permanere di sacche di intolleranza e ignoranza.

Formazione degli insegnanti, sviluppo di un’educazione alla salute e di un’informazione sessuale realmente libere ed aperte, attiva collaborazione con l’associazionismo gay lesbico, ruolo attivo degli studenti nella costruzione e nella realizzazione dei percorsi di informazione sessuale, impegno coerente e integrato delle scuole e degli altri soggetti presenti nel territorio nella realizzazione dei progetti: queste sono le azioni urgenti e utili da realizzare nell’ambito delle opportunità e possibilità della nuova scuola dell’autonomia.

CGIL Nazionale, Dipartimento Diritti Di Cittadinanza, Ufficio Nuovi Diritti, organizza per Venerdì 6 aprile 2001, presso zionale – Sala Santi, C.so d’Italia, 25 ROMA:
NessunoUguale NessunoEscluso, Indagine sulla percezione dell’omosessualità nelle scuole
Coordinano: Alessandro Coppola, Unione degli Studenti; Maria Gigliola Toniollo, Ufficio Nuovi Diritti CGIL; Conclusioni: Betty Leone, Segreteria Confederale CGIL
Presentazione dei dati della ricerca: Alessandro Coppola Coordinatore Nazionale UdS
Partecipano: Luigi Agostini, coordinatore Dipartimento Diritti di Cittadinanza CGIL, Sergio Lo Giudice, Presidente Nazionale Arcigay, Imma Battaglia, Presidente Circolo Mario Mieli, Titti De Simone, Presidente Nazionale ArciLesbica, Enrico Panini, Segretario Generale CGIL Scuola, Dario Missaglia, Segreteria FFR-CGIL, GiamPaolo Silvestri, responsabile Diritti Civili dei Verdi, Mauro Cioffari, Commissione cultura PRC, Paola dall’Orto, Responsabile AGEDO, Luca Pietrantoni, Studioso, Cristiano Bortone, Regista, on. Niki Vendola, on. Gloria Buffo, on. Maura Cossutta, Jacopo Greco, Ministero della Pubblica Istruzione, Daniele Scalise, giornalista
Saranno presenti Docenti e Studenti di tre classi del Liceo Classico Giulio Cesare

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Marco Mengoni insieme a Fra Quintale e Gemitaiz canta "Un fuoco di paglia" di Mace, nell'album MAYA. Nel ritornello, Marco si rivolge ad un amore con una desinenza di genere maschile.

Marco Mengoni, una strofa d’amore a un uomo

Musica - Mandalina Di Biase 19.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d'uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant - Feud Capote vs. The Swans - Gay.it

FEUD 2: Capote Vs. The Swans arriva su Disney+. La data d’uscita della serie di Ryan Murphy e Gus Van Sant

Serie Tv - Redazione 19.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Sinodo, la Chiesa Cattolica glissa ancora una volta la questione LGBTQIA+ - sinodo comunita lgbtqia - Gay.it

Sinodo, la Chiesa Cattolica glissa ancora una volta la questione LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 2.11.23
elia bonci papa francesco

Elia Bonci attivista transgender attacca Papa Francesco: “con le tue parole mi ci pulisco il c…”

News - Redazione Milano 9.11.23
Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO - Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans - Gay.it

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO

News - Redazione 21.11.23
andrea-saltini-gratia-plena-aggredito

L’artista Andrea Saltini aggredito da un integralista cattolico: le sue opere erano state definite “blasfeme”

News - Francesca Di Feo 29.3.24
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco: “Sì al battesimo per i figli di coppie gay e lesbiche. Le persone trans possono essere madrine, padrini e testimoni di nozze”

News - Redazione 8.11.23
coldplay indonesia musulmani

Coldplay, contestazione di 300 musulmani fondamentalisti al concerto: “Sostengono la causa LGBTQIA+”

News - Redazione Milano 16.11.23
chiesa 11 miliardi imu ici

Perché l’UE dice che la Chiesa deve fino a 11 miliardi di euro a noi cittadinə italianə

News - Redazione Milano 2.11.23
moschea LGBTIQ friendly Berlino Ibn Rushd-Goethe

Berlino, terroristi pianificavano attacco alla moschea LGBTIQ+ friendly

News - Giuliano Federico 23.10.23