IL RITORNO DI SUPERMAN

L'Uomo d'Acciaio sembra quanto mai asessuato nell'atteso 'Superman Returns' del regista gay Bryan Singer. Regia virtuosa ma storia dilatata e lunghezza eccessiva. In Italia da settembre.

IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanBASE - Gay.it
3 min. di lettura
IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanF1 - Gay.it

Altro che Superman gay. Non potrebbe essere più asessuato il nuovo Uomo d’Acciaio di Superman Returns firmato Bryan Singer che arriverà in Italia a settembre, quinta trasposizione cinematografica del fumetto Marvel creato nel 1939 dai ventiquattrenni Joe Shuster e Jerry Siegel, quasi vent’anni dopo il goffo Superman IV di Sidney J. Furie col fedele Gene Hackman nel ruolo del perfido Lex Luthor. E dire che le premesse per una virata queer c’erano tutte: un regista omosessuale dichiarato, Bryan Singer, che nel 1995 era apparso al Torino Film Festival con tanto di burroso fidanzato orsetto; una serie di benevole dichiarazioni progay (il protagonista etero Brandon Routh ha detto di «essere felice che Superman sia diventato un’icona omosessuale: è importante che tutti amino lo spirito di Superman»); persino un attore bisex nel ruolo dello storico ‘villain’ Lex Luthor, il magnetico Kevin Spacey con folta collezione di parrucche per potersi mascherare durante i colpacci: qui impera l’ossessione per i cristalli, con mira perversa di eliminare il supereroe con la leggendaria kryptonite e creare un continente di roccia autorigenerante che si sovrapponga, distruggendola, all’intera America del Nord.

IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanF2 - Gay.it

Questo nuovo Superman, nonostante un certo fascino del kuros moro Brandon Routh, ex modello statuario nato in Iowa (1.89 cm di altezza), con sopracciglione folto e sguardo profondo mediamente espressivo – proprietà per nulla scontata in film come questo – non ammicca e non seduce: certo, l’occhialuto Clark Kent si strugge ancora per la collega del Daily Planet Lois Lane (una Kate Bosworth di maniera) ma sembra quasi rassegnato poiché la giornalista rampante neo Premio Pulitzer per un editoriale scritto dopo la scomparsa del supereroe ha messo su famiglia con fidanzato stabile e figlio di cinque anni, Jason.
Il tocco familista è garantito dall’onnipresenza del trio felice riunito ovunque
Continua in seconda pagina^d

IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanF3 - Gay.it

Il tocco familista è garantito dall’onnipresenza del trio felice riunito ovunque, perfino in redazione, mentre i pruriti – tutti femminili – delle donne che salva si riducono a inviti a cena o a battutine innocue quali: “Non mi ricordavo che fossi così caldo”. Persino l’unica idea originale della sceneggiatura, ossia l’ipotesi che il figliolo sia frutto di una relazione con l’Uomo d’Acciaio visto che ogni tanto il pargolo mostra un’insolita tendenza al superpotere, resta a uno stadio larvale e scioccamente non approfondita.

IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanF4 - Gay.it

Innegabili i sorprendenti effetti speciali supportati da una regia virtuosa con zoom vertiginosi e macchina da presa mobilissima che dà il meglio nelle grandiose scene di massa catastrofiche (ricordiamo che il film è costato la bellezza di 200 milioni di dollari e ha avuto una gestazione lenta e faticosa, con l’avvicendarsi di sei registi e cinque diversi trattamenti della sceneggiatura). Si tratta probabilmente del Superman più ‘aereo’ della saga, quasi sempre in azione volante indubbiamente spettacolare – salva perfino un aeroplano in difficoltà facendolo atterrare in un campo di baseball – ma la lunghezza eccessiva, ben 2 ore e 34 minuti, lo danneggia non poco e rende inutilmente dilatati alcuni semplici passaggi narrativi.

IL RITORNO DI SUPERMAN - supermanF5 - Gay.it

Tra le curiosità, un redivivo Marlon Brando nel ruolo del babbo Jor-El grazie a immagini ridigitalizzate del primo film della serie, il ‘Superman’ di Richard Donner datato 1978, e la sua collega in Fronte del porto Eva Marie-Saint che interpreta la mamma ‘umana’ adottiva dell’Uomo d’Acciaio.
Intanto Bryan Singer potrebbe finalmente dedicarsi al progetto maturato per anni -e rifiutato tra gli altri da Gus Van Sant- di portare sul grande schermo la vita del celebre attivista omosessuale Harvey Milk nel biopic The Major of Castro Street a meno che non dia la precedenza a un altro sequel di Superman sempre per la Warner Bros (i risultati non esaltanti al botteghino stanno però facendo nicchiare i produttori americani). Clicca qui per discutere di questo argomento nel forum Cinema.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Raffaella Carrà - la sua casa a Via Nemea 21 a Roma è in vendita

La casa di Raffaella Carrà a Roma Nord è in vendita, ma nessuna piazza ha il suo nome

Musica - Mandalina Di Biase 11.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l'amata Luna Passos (FOTO) - Victoria De Angelis dei Maneskin vacanza romantica e baci social con lamata Luna Passos FOTO - Gay.it

Victoria De Angelis dei Maneskin, vacanza romantica e baci social con l’amata Luna Passos (FOTO)

News - Redazione 9.4.24
Amadeus

Amadeus lascia la Rai e raggiunge Fazio sulla NOVE di Discovery

Culture - Mandalina Di Biase 10.4.24
Giovanni Donzelli foto instagram @giovadonze

Giovanni Donzelli di Fratelli d’Italia, outing di sua moglie che spiega “È un marito etero”

Culture - Mandalina Di Biase 9.4.24

I nostri contenuti
sono diversi

Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
I segreti di Brokeback Mountain

Brokeback Mountain e il mancato Oscar come miglior film. Ang Lee è sicuro: “Fu colpa dell’omofobia di Hollywood”

Cinema - Redazione 3.4.24
Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici - oscar lgbt 2024 - Gay.it

Oscar 2024, le speranze LGBTQIA+ in prospettiva nomination tra film, registi, attori e attrici

Cinema - Federico Boni 30.11.23
Michael, Colman Domingo sarà il padre di Michael Jackson nel biopic sul Re del Pop - Colman Domingo in Michael - Gay.it

Michael, Colman Domingo sarà il padre di Michael Jackson nel biopic sul Re del Pop

Cinema - Redazione 26.1.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The TV Glow è il film horror trans* che aspettavamo?

Cinema - Riccardo Conte 25.1.24
Sing Sing, primo trailer del nuovo film di Colman Domingo (che punta agli Oscar 2025) - Sing Sing primo trailer del nuovo film di Colman Domingo - Gay.it

Sing Sing, primo trailer del nuovo film di Colman Domingo (che punta agli Oscar 2025)

Cinema - Redazione 7.3.24
Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei - All of Us Strangers (VIDEO) - All of Us Strangers - Gay.it

Paul Mescal e la scena di sesso orale con Andrew Scott in Estranei – All of Us Strangers (VIDEO)

Cinema - Redazione 26.1.24
Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel” - Ken di Barbie e gay 2 - Gay.it

Barbie 2? Margot Robbie frena i rumor: “Non riesco ad immaginare un sequel”

Cinema - Redazione 27.11.23