Video

Joan Jett Blakk, 30 anni fa una drag queen si candidava alla Casa Bianca

L'incredibile storia vera di Terence Alan Smith è ora diventata acclamato cortometraggio.

ascolta:
0:00
-
0:00
3 min. di lettura

30 anni fa, era il 1992, Bill Clinton si apprestava a diventare il 42º presidente degli Stati Uniti d’America. In quella tornata elettorale si presentò anche Terence Alan Smith, 35enne che indossò gli abiti del suo alter-ego drag, Joan Jett Blakk, per ambire alla presidenza. Joan Jett Blakk fu la prima, e ad oggi unica, candidata presidente nella storia degli Stati Uniti d’America. Smith provò a sfidare contro George Bush e il giovane Clinton, correndo sotto il ticket Queer Nation, usando la sua visibilità di candidato politico per attirare l’attenzione sui problemi affrontati dal LGBTQ+, all’epoca del picco pandemico dell’AIDS.

Se un pessimo attore può essere presidente, perché non una brava drag queen?“, si domandò all’epoca Smith facendo riferimento a Ronald Reagan. Una storia incredibile che è ora diventata cortometraggio di 10 minuti diretto da Whitney Skauge, dal titolo The Beauty President, sognando un giorno chissà quale versione cinematografica. Il corto è stato prodotto dall’attrice, sceneggiatrice e produttrice vincitrice di un Emmy Award Lena Waithe, attraverso la sua società di produzione Hillman Grad. The Beauty President ha partecipato lo scorso anno a numerosi festival, vincendo diversi premi.

Per commemorare il primo anniversario del corto e il 30° anniversario della candidatura presidenziale di Smith, INTO ha intervistato Skauge e Smith, oggi splendido attivista 65enne. “L’essere drag è comunque un atto politico. Lo è sempre stato. Mi ero candidato a sindaco di Chicago un paio di anni prima e la corsa presidenziale era proprio lì. Mi dissi, “Oh, facciamolo e basta”. E lo abbiamo fatto e non avevamo idea di cosa sarebbe successo. Mi dissi: “All’inizio non avremo soldi. Useremo la pubblicità solo per ottenere altra pubblicità”.

Ed è più o meno quello che è successo. Whitney Skauge, regista del corto, si è imbattuta casualmente nella storia incredibile di Terence e della sua Joan, ha iniziato a fare ricerche, a trovare filmati d’archivio, e ha sentito il dovere di raccontare quella storia.

Mi piacerebbe davvero che le persone prendessero la storia di Terence e capissero che tutti noi abbiamo lo stesso potere di uscire dalla nostra zona di comfort e fare qualcosa non solo per noi stessi, ma per le nostre comunità, per i nostri amici, per le nostre famiglie. Credo che ci siano certamente barriere all’ingresso, in termini di clima politico. Tuttavia, tutto può cambiare, man mano che più persone escono allo scoperto e attivano davvero se stesse e le loro comunità”. “Terence non lo stava facendo per se stesso. Questa non era una cosa guidata dall’ego. Questo era un qualcosa per la sua comunità. Abbiamo davvero il potere di apportare cambiamenti, anche se incrementali. Il cambiamento incrementale ancora conta qualcosa”. “Spero davvero che questo documentario ispiri le persone a scavare più a fondo nella loro storia, a parlare con i loro parenti più anziani e a non rimanere bloccati nella loro stessa generazione, ma provare ad andare oltre e a capire davvero che siamo una grande comunità. Terence non ha mai cambiato nulla di se stesso o di Joan per essere più digeribile per il mainstream. Siamo queer. Siamo creativi. Siamo artisti. Siamo scrittori. Siamo filosofi. Meritiamo di essere qui tanto quanto chiunque altro. Prendete slancio dal film e applicatelo alla vostra vita“.

Smith ha iniziato a esibirsi in drag nel 1974, definendo. Nel 1991 Smith, sempre indossando gli abiti di Blakk, corse contro Richard M Daley per la carica di sindaco di Chicago, Illinois. L’intera campagna era incentrata sulla rappresentazione e la visibilità della comunità LGBTQ+ nella politica americana. Sebbene Daley abbia poi trionfato, Smith riuscì a ritagliarsi uno spazio come candidato politico credibile, con uno scopo specifico. Dare visibilità e voce ad una comunità un tempo quasi mai rappresentata. Nel 1992 l’ulteriore colpo di genio, con la candidatura alla Casa Bianca. Nel novembre 2019 Smith ha ricevuto il Queer Art Prize for Sustained Achievement per la sua “memorabile campagna presidenziale di Joan Jett Blakk e per la sua potente dedizione alla vita delle comunità nere e LGBTQ + in tutta la nazione“.

Joan Jett Blakk, 30 anni fa una drag queen si candidava alla Casa Bianca - The Beauty President - Gay.it

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
Calciatori Gay Coming Out - Rosario Coco di Out Sport spiega perché non bisogna forzare

Calciatori gay in Nazionale, calciatori gay ovunque: perché non bisogna forzare

Lifestyle - Giuliano Federico 20.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

Leggere fa bene

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d'Irlanda si è dimesso: "Ragioni politiche e personali" - Scaled Image 100 - Gay.it

Leo Varadkar, il primo storico premier gay d’Irlanda si è dimesso: “Ragioni politiche e personali”

News - Redazione 21.3.24
Alexandra Drag Queen

La Drag Queen Alexandra a Gay.it: “Voglio vivere una vita dove a casa ho solo giorni belli” – Intervista

Culture - Luca Diana 14.6.24
Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: "Fr*cio" - Settimo insulti omofobi manifesti elettorali Antonio Augelli - Gay.it

Settimo torinese, insulti omofobi sui manifesti del candidato Pd Antonio Augelli: “Fr*cio”

News - Redazione 15.5.24
Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: "Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo" - Pride Kamala Harris - Gay.it

Kamala Harris ha ospitato un evento Pride: “Lottiamo per il diritto di amare chi amiamo”

News - Redazione 17.6.24
Roma, intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT+ con 500 euro di multa - Roma intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT con 500 euro di multa - Gay.it

Roma, intesa sulla delibera che punisce le discriminazioni verso le persone LGBT+ con 500 euro di multa

News - Redazione 20.6.24
milano-transfobia-consiglio-comunale

Milano, transfobia in Consiglio Comunale da parte del consigliere Lega Samuele Piscina – LINGUAGGIO FORTE

News - Francesca Di Feo 4.3.24
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
RuPaul non crede nella monogamia tra uomini. E attacca Madonna: "Mi diede dell'eunuco, per lei ero inutile" - RuPaul - Gay.it

RuPaul non crede nella monogamia tra uomini. E attacca Madonna: “Mi diede dell’eunuco, per lei ero inutile”

Culture - Federico Boni 5.3.24