La figlia dell’ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender

Suo padre gestisce ancora oggi Stormfront, sito che si concentra sulla propagazione del nazionalismo bianco, del nazismo, del negazionismo, dell'antisemitismo, dell'islamofobia e dell'omobitransfobia.

ascolta:
0:00
-
0:00
La figlia dell'ex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - La figlia dellex leader del Ku Klux Klan fa coming out come donna transgender - Gay.it
3 min. di lettura

Oggi 35enne e a lungo bambina simbolo del nazionalismo bianco, R Derek Black ha fatto coming out come donna transgender nel suo libro di memorie, “The Klansman’s Son: My Journey from White Nationalism to Antiracism“. Black è figlia di Don Black, mago imperiale del Klu Klux Klan. Secondo quanto riportato dal DailyMail, che ha avuto modo di mettere mano all’autobiografia, R. Derek ha fatto i conti con la propria identità di genere solo nel 2010, frequentando il New College progressista di Sarasota, in Florida, allontanandosi anche dal movimento suprematista bianco.

“La cultura [del New College] e le persone che ho lì conosciuto mi hanno aiutato ad accettare il fatto che rientrassi sotto l’ombrello trans”, ha scritto Black nel libro, che uscirà il 14 maggio.

Secondo il libro di memorie, Black ha sperimentato la disforia di genere sin da quando era una bambina, ma non aveva idea di cosa significasse. Nel 1999, a 10 anni appena, apparve al “The Jenny Jones Show”, seminando razzismo ad ampio raggio. Black comparve in tv con un taglio di capelli lunghi e fluenti, cosa che già all’epoca la portò ad essere spesso scambiata per una bambina.

“Mi piaceva la confusione di genere, tranne che nei bagni pubblici, dove gli uomini adulti si prendevano sempre la briga di complimentarsi con il mio aspetto prima di dirmi che ero nella stanza sbagliata”. “Dopo l’inizio della pubertà ho tenuto i capelli lunghi, ma ho potuto usare i bagni in tutta tranquillità e mi sono sentita sollevata nel non ricevere più commenti inappropriati.”

Durante il college Black iniziò a frequentare una donna ebrea e a partecipare alle cene di Shabbat nel dormitorio di un amico, nonostante la sua famiglia fosse composta “dagli attivisti antisemiti più famosi del paese”. Black cominciò a vivere una doppia vita per il primo semestre al New College, mantenendo segreta la propria identità di genere alla famiglia e la propria storia di nazionalista bianco ai compagni di scuola. Gli amici del college di Black scoprirono il suo segreto  ostracizzandola immediatamente.

Il punto di rottura è arrivato dopo aver intrapreso lunghe e stimolanti conversazioni con la propria attuale moglie, la psicologa clinica Allison Gornick. La coppia si è sposata nel 2020, usando il lockdown come scusa per non invitare la famiglia Black, con la quale i rapporti sono ormai logori.

Allison è entrata nella mia vita in un momento in cui mi sentivo meno degna di fiducia o di essere amata. Sapevo già allora che la mia lealtà verso la comunità che mi aveva cresciuto mi aveva portato a tradire tutte le persone che avevano scelto di starmi vicino”. “È impossibile per me immaginare la storia della mia vita senza di lei. Mi ha mostrato che potevo amare altre persone pienamente e senza paura, e le ho mostrato quanto è vasto il mondo e che potremmo sperimentarlo tutto insieme“.

Oggi come oggi Black lavora come “sostenitrice dell’antirazzismo” nonché dei diritti delle persone trans, “sotto attacco feroce in Florida”. “Non riesco a immaginare quanto sarebbe stato orribile crescere nell’attuale ambiente politico da bambina che, fino alla pubertà, era abbastanza contenta di essere spesso percepita come una ragazza, e che poi nascondeva quella parte di sè stessa“.

Il padre di Black, Grande Mago del Ku Klux Klan nonché membro del Partito nazista americano negli anni ’70, è stato condannato nel 1981 per aver tentato un rovesciamento armato del governo nell’isola di Dominica in violazione del Neutrality Act degli Stati Uniti. Ad oggi gestisce ancora Stormfront, sito che si concentra sulla propagazione del nazionalismo bianco, del nazismo, del negazionismo, dell’antisemitismo e dell’islamofobia, nonché dell’antifemminismo, dell’omofobia e della transfobia.

Fonte: NYPost

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L'annuncio video - Alfonso Signorini - Gay.it

Grande Fratello, la 18esima edizione si farà e riparte da Alfonso Signorini. L’annuncio video

Culture - Redazione 21.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
"La Nostra Raffaella", sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video) - La Nostra Raffaella spot - Gay.it

“La Nostra Raffaella”, sabato sera su Rai1 il tributo alla leggendaria Carrà. Lo spot (video)

Culture - Redazione 21.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Continua a leggere

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici - Il secondo miglior ospedale della galassia - Gay.it

Il secondo miglior ospedale della galassia, transidentità animate con Vladimir Luxuria e Ariete doppiatrici

Serie Tv - Redazione 7.2.24
Glamorous, Miss Benny e Michael Hsu Rosen sono una coppia anche nella vita reale? - GLAMOROUS 110 Unit 00895RC - Gay.it

Glamorous, Miss Benny e Michael Hsu Rosen sono una coppia anche nella vita reale?

Culture - Redazione 23.1.24
"Orlando, my biographie politique", il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d'Italia - Orlando my biographie politique 2 - Gay.it

“Orlando, my biographie politique”, il manifesto trans di Paul B. Preciado arriva nei cinema d’Italia

Cinema - Redazione 15.3.24
Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Il regista trans Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit - Gay.it

Il regista Ary Zara potrebbe fare la storia agli Oscar 2024 con il corto An Avocado Pit

Cinema - Redazione 10.1.24
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: "Dio è padre di tutti" - Nicolo Anselmi Rimini - Gay.it

Rimini, il vescovo Nicolò Anselmi partecipa alla Giornata della visibilità transgender: “Dio è padre di tutti”

News - Redazione 8.4.24
I SAW THE TV GLOW (2024)

I Saw The Tv Glow: guarda il trailer dell’attesissimo film horror trans* – VIDEO

Cinema - Redazione Milano 29.2.24
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24