Lady Gaga e la madre lanciano la Born This Way Foundation

Dal Campus di Harvard, Lady Gaga e la madre Cynthia hanno presentato la fondazione il cui scopo è promuovere un “mondo più gentile e coraggioso e ispirare i giovani a sostenersi e supportarsi”.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Accompagnata da sua madre Cynthia Germanotta, Lady Gaga ha presentato ieri la sua Born This Way Foundation durante un evento a cui ha partecipato anche la celebre presentatrice statunitense Oprah Winfrey all’interno del campus di Harvard.

Obiettivo della fondazione, creata insieme alla madre, è quello di "ispirare i giovani a creare un sistema di supporto nelle loro comunità – ha detto Mother Monster -. E’ una questione di cambiare… l’ambiente scolastico e non di dare più potere agli insegnanti o al governo".

Lady Gaga ha tenuto a precisare che "non è un’iniziativa contro il bullismo", ma è evidente che dare fiducia ai giovanie farli diventare il motore del cambiamento indebolisce strutturalmente il bullismo.

La conduttrice Oprah Winfrey, uno dei personaggi televisivi più influenti e più in vista degli Usa, ha dichiarato di appoggiare con convinzione l’iniziativa perché coincide con i suoi valori.

"Ciò che trovo eccitante – ha detto Winfrey – è che molte persone importanti si sono riunite per chiedere perché il bullismo, la violenza e l’odio contro i giovani continuano nella nostra società e cosa possiamo fare in proposito".

"Voglio che sia parte del tessuto naturale della scuola, in modo che chiunque sappia che non è OK che i vostri figli siano intolleranti, non è OK essere intollerante con i propri figli, non è OK essere violento perché non si capisce  – ha detto Gaga durante l’evento -. Se insegnate ai vostri figli ad amare tutti, si spera che, col tempo, questo si diffonda."

Ti suggeriamo anche  Adolescente gay incoronato dai compagni di scuola: "Grazie per avermi fatto diventare regina"
Omofobia

Pillon, interrogazione parlamentare in difesa dell’avvocatessa che aveva detto “i gay sono malati”

Persino il consiglio dell’ordine degli avvocati di Mantova aveva preso le distanze dalla donna, che aveva scritto sui social "l’omosessualità è un disturbo psichiatrico e che chi ne è affetto non può lavorare a contatto con i minori, altrimenti questi disturbati trasmetteranno il disturbo nelle scuole".

di Federico Boni