Loculi vicini anche per le coppie gay a Gornate Olona

Insieme per sempre, in provincia di Varese, vale anche per le coppie conviventi, gay o etero. A deciderlo il sindaco che ha modificato il regolamento cimiteriale includendo le coppie di fatto.

Da oggi le coppie conviventi che vivono a Gornate Olona, in provincia di Varese, potranno scegliere due loculi confinanti nel cimitero cittadino. A deciderlo, modificando il regolamento cimiteriale, è stata la giunta guidata dal sindaco Barbara Bison (nella foto accanto al titolo), eletta nel 2009 con la coalizione di centro destra composta da Pdl e Lega Nord.

La modifica, tanto piccola quanto fondamentale, aggiunge la parola "convivente" senza specificare l’orientamento sessuale e facendo sì, quindi, che la regola possa essere applicata sia in caso di coppie eterosessuali che omosessuali.

^r2«È stata una scelta di grande umanità prima di tutto – ha spiega il sindaco Barbara Bison a ilgiorno.it – io stessa sono convivente e ho un bambino senza essere sposata. Non vedo per quale ragione una prerogativa di chi è sposato non possa essere estesa a chi si vuole bene ma non ha contratto matrimonio. Se una coppia “di fatto” vuole essere sepolta vicino può chiederlo».

A spingere la giunta ad attuare la modifica sono stati casi reali presentatisi agli impiegati degli uffici cimietriali di coppie separate ma non divorziate, i cui componenti si erano rifatti una vita con altri partner che, però, ai fini dell’acquisto del loculo al cimitero, non potevano avanzare alcun diritto.

«La nostra è stata una scelta calibrata con l’odierna evoluzione della società – ha spiegato la prima cittadina, fiduciosa sul fatto che la sua scelta non susciterà polemiche – Non abbiamo ancora un registro delle coppie di fatto ma all’ufficio anagrafe vengono registrate le convivenze».

Ti suggeriamo anche  Amo il mio ragazzo ma lo tradisco. Perchè?

Lesbiche

Mamma organizza festa a sorpresa per la figlia trans di 6 anni: “Voleva tagliarsi la gola, ora è felice”

La commovente storia vera di Lynn e di sua figlia Avery, a 5 anni appena disperata perché consapevole di essere nata nel corpo sbagliato.

di Federico Boni