Lorenzo Fontana: “Bene processione di riparazione al Modena Pride”

Il Ministro leghista ha incredibilmente appoggiato la processione di riparazione al Pride di Modena. Durissime repliche dal PD.

Era da settimane che non apriva bocca, per nostra fortuna, ma Lorenzo Fontana, ministro leghista della Famiglia, è tornato a farsi sentire. A modo suo.

Fontana, incredibile ma vero, ha infatti approvato e addirittura incoraggiato l’incredibile processione di riparazione al Modena Pride in programma questo sabato. Ospite lo scorso fine settimana del comitato “San Geminiano Vescovo”, il ministro ha sposato la folle processione: “Certamente è condivisibile che voi facciate questa processione, anche se spesso si dice che non bisogna ostentare simboli religiosi. Anche la processione ha un valore religioso e sono felice che la facciate. In bocca al lupo quindi, e speriamo che nessuno pensi di poter impedire una manifestazione democratica. Fate del vostro meglio, anche perché i valori cristiani sono alla base della nostra identità e tradizione: bisogna cercare di sostenerli”.

Parole che fanno rabbrividire, essendo pronunciate da un ministro della Repubblica, perché simile ‘processione’ nasce come risposta omofoba e discriminatoria ad una festa aperta a tutti, come è per l’appunto il Pride, in cui chi scende in piazza chiede semplicemente diritti.

Alessandro Zan, deputato del Partito Democratico, ha così duramente risposto: “Fontana sei semplicemente indegno di essere chiamato ministro. Della famiglia inoltre, per cui non hai mosso un dito in un anno di governo, se non distribuire odio gratuito. Anche a Padova il 1 giugno marceremo per il Pride, chiedendo ancora più diritti, più libertà, più dignità, per tutte e per tutti. Tu rimani nel tuo odio”.

Attualità

Prima casa insieme dopo aver finto per 13 anni di essere cugini, la gioia del regista indiano e del fidanzato

Per non suscitare clamore tra i vicini e non avere problemi con l'affitto, Apurva Asrani e Siddhant Pilla hanno finto di essere cugini per 13 anni. Ora, finalmente, possono presentarsi a tutti come fidanzati.

di Federico Boni