Margaret Atwood vs. Twitter: scoppia la polemica dopo l’articolo contro l’attivismo trans

L’autrice de Il racconto dell’ancella ha condiviso un articolo a dir poco controverso, e il social ci ha messo poco per scatenarsi e rispondere a tono. Da tanti potevamo aspettarcelo, ma non certo da lei.

Margaret Atwood Gay.it
3 min. di lettura

Apparentemente, con la scoperta di sempre più generi e identità, non possiamo più usare la parola “donna”. A dirlo è Rosie DiManno, colonnista del Toronto Star, che in un suo articolo ha messo in dubbio l’attivismo trans come se fosse una minaccia alla femminilità e all’essere donna. Tuttavia non è stato l’articolo in sé a scatenare un’accesa polemica su Twitter, quanto il fatto che il pezzo è stato ritwittato nientemeno che da Margaret Atwood.

Margaret Atwood Gay.it
Margaret Atwood, autrice de Il racconto dell’ancella

Per chi non la conoscesse, Margaret Atwood è una poetessa e scrittrice canadese che con le sue opere riflette sulla vita e sulla politica nella società occidentale. Il suo romanzo più famoso, Il racconto dell’ancella, è diventato un vero e proprio fenomeno dopo essere stato adattato in una serie tv ideata da Bruce Miller, in cui racconta di una società distopica in cui le donne sono destinate unicamente alla riproduzione. In generale la scrittrice, con alle spalle 81 primavere, si è sempre battuta sia per l’attivismo femminista sia per quello LGBTQ+. Nel 2020, infatti, si è unita a un gruppo di autori, tra cui Stephen King e Roxane Gay, in una lettera aperta rivolta alla comunità trans con un messaggio d’amore e di solidarietà: «Siamo con voi, vi ascoltiamo, vi vediamo, vi accettiamo, vi amiamo. Il mondo è migliore per avervi in esso. Le vite non binarie sono valide, le donne trans sono donne, gli uomini trans sono uomini, i diritti trans sono diritti umani». Questo il tenore della lettera. Si è unita anche alle proteste formali della parte più intellettuale contro il trattamento della comunità LGBTQ+ in Polonia. C’è stato quindi da stupirsi quando, sul profilo della scrittrice, è comparso questo articolo, senza nemmeno un messaggio attaccato per capire se sia d’accordo o no.

Comprensibilmente, i fan e i visitatori occasionali hanno prontamente risposto al tweet e alla diretta interessata, argomentando come l’attivismo trans non debba necessariamente significare l’eliminazione della parola “donna”. È un tema che spesso agita il dibattito attorno alle identità trans, con la paura dei conservatori sempre all’orizzonte su una possibile perdita del confine – che peraltro non esiste – ben delineato tra i due generi. Quello che tutti credevano, però, è che proprio Margaret Atwood facesse parte di questa schiera. Lei, che proprio nel suo romanzo cult rifletteva profondamente sulla femminilità e su cosa significhi essere donna.

Il contraccolpo per la scrittrice è stato immediato e le risposte sono volate una dietro l’altra. Tra queste anche l’autrice Katie Mack, che ha scritto: «Nessuno sta vietando la parola “donna”. Molte organizzazioni stanno, giustamente, optando per un linguaggio preciso quando parlano di cose che hanno a che fare con tratti biologici piuttosto che con l’identità di genere. Non è un attacco alla femminilità NON equiparare il genere a una biologia specifica». E molti altri hanno seguito sulla stessa linea.

Margaret Atwood non ha ancora risposto o commentato l’accaduto. Quel che è certo è che qualsiasi sia il motivo che l’ha spinta a condividere quell’articolo, è necessario riflettere su come le parole e le azioni abbiano un meso. La validità delle persone trans è già messa abbastanza in discussione, metterle anche contro un’intera parte della comunità può solo fare ulteriori danni.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24
Guglielmo Scilla, intervista: "Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima" - Guglielmo Scilla foto - Gay.it

Guglielmo Scilla, intervista: “Mi sconsigliarono di fare coming out. Potessi tornare indietro lo farei prima”

Culture - Federico Boni 18.4.24
Leo Gullotta e l'amore per Fabio Grossi a Domenica In: "Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi" - Leo Gullotta - Gay.it

Leo Gullotta e l’amore per Fabio Grossi a Domenica In: “Stiamo insieme da 43 anni, anni rispettosi, affettuosi, amorosi”

News - Redazione 15.4.24
Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

Hai già letto
queste storie?

Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri - specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Balducci, Marchisio, Martin e tanti altri

Culture - Redazione 11.3.24
Chiara Ferragni con il volto martoriato nel post con cui Profit Ways ha pagato Meta per sponsorizzare le criptovalute

Il volto martoriato di Chiara Ferragni in un violento post Instagram

News - Redazione Milano 8.1.24
governo-sunak-lgbtqia

Regno Unito: come la destra del governo Sunak distrugge decenni di progressi LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 23.10.23
Omosessuale- Oppressione e Liberazione

Perché leggere oggi “Omosessuale: Oppressione e Liberazione”, un classico della Gay Liberation, intervista a Lorenzo Bernini

Culture - Alessio Ponzio 4.4.24
kay attivista lgbtqia india transgender

Delhi, autobus gratuiti per la comunità trans. “Ma senza documenti come identificheranno gli uomini trans?”

News - Federico Boni 9.2.24
Carmen Madonia in 'Something You Said Last Night' (2022)

Something You Said Last Night, e la banale quotidianità di una millennial trans

Cinema - Riccardo Conte 6.1.24
A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in "Oklahoma!" - A un ragazzo trans e stato vietato di interpretare il protagonista maschile in 22Oklahoma22 - Gay.it

A un ragazzo trans è stato vietato di interpretare il protagonista maschile in “Oklahoma!”

Culture - Redazione 9.11.23