Muccassassina festeggia i suoi 30 anni, tanti auguri alla Regina delle serate LGBT d’Italia

La più celebre serata LGBT di Roma, se non d'Italia, festeggia i suoi 30 anni di vita.

Muccassassina festeggia i suoi 30 anni, tanti auguri alla Regina delle serate LGBT d'Italia - Muccassassina compie 30 anni a - Gay.it
2 min. di lettura

 

Venerdì 31 gennaio al Qube di via Portonaccio si festeggerà il trentesimo compleanno della Muccassassina, celebre serata LGBT capitolina che da sempre autofinanzia il Circolo di cultura omosessuale Mario Mieli.

Tre decenni fa, era il 1990, la serata prese vita all’ex mattatoio, a Testaccio, e non caso il nome rimanda ad una rivolta delle mucche mandate al macello contro i propri carnefici. La festa si spostò poi al locale Grigio Notte, nel cuore di Trastevere, all’indimenticato Castello di Via di Porta Castello, ex cinema a luci rosse in zona Vaticano, al teatro Palladium di Garbatella, con Vladimir Luxuria direttrice artistica, all’Alpheus e infine al Qube, dove è ormai stabile dai primi anni del nuovo millennio.

Oggi diretta da Diego Longobardi, la mitologica Muccassassina è diventata nel tempo fenomeno sociale, in grado di avvicinare la comunità LGBT al resto della città, che non a caso ha invaso i ‘nostri’ spazi, rendendola totalmente inclusiva. In pista si può trovare chiunque e di tutto, nel corso di una serata che si è fatta ponte tra mondo gay e mondo etero. Muccassassina ha indicato la strada a tante altre celebri serate LGBT italiane, mutando nel tempo, evolvendosi, abbandonando la porno-trasgressione dei primi tempi per una più politicamente corretta rappresentazione erotica della bellezza omosessuale, oggi come oggi più “mainstream” grazie anche, se non soprattutto, a serate come questa, poco più di 30 anni fa forse inimmaginabili. Poi la realtà, fortunatamente, ha preso vita.

A seguire le parole di Sebastiano Secci, presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli.

Ogni volta che salgo sul palco di Muccassassina per parlare come Presidente del Circolo Mario Mieli mi trovo davanti non dei semplici clienti, ma le anime della comunità Lgbt+ che considera quel folle gesto di interrompere la musica come un rito importante. Da lì lanciamo gli appuntamenti importante come il Pride, ricordiamo quanto sia importante combattere l’omolesbobitransfobia o lo stigma verso le persone in Hiv+. Diamo voce a tutte quelle realtà che hanno bisogno di uno spazio per far sentire la loro voce non importa se siano compagnie teatrali, associazioni, o movimenti. Quello che conta è il messaggio di rispetto, accoglienza e inclusione.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Renzo Loi 3.2.20 - 13:12

mi è sempre sembrata una serata strozza gente.bevande schifose,musica orrenda, solo un ammasso di carne e tanta gente strafatta.andato solo una volta quando era in vaticano e messo una croce sopra.

Trending

Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
Sara Drago

Sara Drago: “La realtà è piena di diversità, sarebbe bellissimo interpretare un uomo” – intervista

Cinema - Luca Diana 11.5.24
parma pride 2024 intervista

Intervista a Parma Pride 2024: “Nutriamo l’amore! Le unioni civili sono un ripiego”

News - Gio Arcuri 14.5.24
L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Sethu, è uscito il suo primo album "Tutti i colori del buio"

Sethu e i colori del buio: “Canto per tendere una mano a me stesso e agli altri, dopo Sanremo la depressione” – Intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.5.24

Hai già letto
queste storie?

roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Redazione 1.3.24