Polonia, assolte le attiviste a processo per un’icona rainbow della Vergine Maria

"Non esiste reato", ha sentenziato il giudice. "La loro azione mirava a porre l'attenzione sull'omofobia nella chiesa di Płock". Dopo due anni da incubo, Elżbieta, Anna e Joanna sono libere.

Polonia, assolte le attiviste a processo per un'icona rainbow della Vergine Maria - Polonia assolti gli attivisti arrestati per unicona rainbow della Vergine Maria - Gay.it
2 min. di lettura

Elżbieta, Anna e Joanna, tre attiviste per i diritti umani, erano state accusate in Polonia di aver “offeso il credo religioso” per aver semplicemente mostrato in pubblico l’effige di una Madonna con un’aureola arcobaleno. Arrestate nel 2019, le tre donne sono state ora assolte dal tribunale di Plock, perché il crimine, molto semplicemente, non esiste.

Le attività delle attiviste sono state provocatorie, ma mirate a richiamare l’attenzione sull’omofobia nella chiesa di Płock“, ha precisato il giudice nel suo verdetto. “Lo hanno fatto per dimostrare che tali azioni erano inaccettabili”. “Non era intenzione delle attivisti insultare i sentimenti religiosi di nessuno o insultare l’immagine della madre di Dio. Le loro azioni miravano a proteggere le persone che erano state discriminate“.

Il giudice ha sottolineato come anche le persone LGBT + debbano avere il loro posto nella chiesa, per poi fare riferimento alle lettere scritte da più cattolici polacchi che hanno rivelato di non essersi sentiti offese dall’aureola arcobaleno. “Non ci sono atti sessuali nel dipinto, e solo tali atti sono considerati blasfemia nell’insegnamento della Chiesa”, ha osservato il giudice.

Il processo ai danni delle tre imputate, Elzbieta Podlesna, Anna Prus e Joanna Gzyra-Iskandar, era partito a gennaio, ovvero due anni dopo la loro installazione nella chiesa di Plock, che aveva associato le persone LGBT al crimine e al peccato. Le 3 attiviste erano state fermate ai sensi dell’articolo 196 del codice penale polacco, che conferisce alle autorità ampi poteri per perseguire e criminalizzare. Elżbieta Podlesna ha riferito che la polizia ha fatto irruzione nella sua casa e sequestrato i suoi beni, incarcerandola e interrogandola per diverse ore. Il caso, grazie anche ad Amnesty International, ha avuto risonanza internazionale, con più di 160.000 persone che hanno firmato una richiesta di assoluzione totale. Ora arrivata.

Catrinel Motoc di Amnesty International Catrinel Motoc ha così commentato la sentenza: “Le accuse contro queste donne non avrebbero mai dovuto essere presentate ed è assolutamente giusto che siano state assolte. Prendere di mira attivisti con accuse così assurde e infondate fa parte di un modello molto più ampio di molestie e intimidazioni nei confronti di attivisti per i diritti umani in tutta la Polonia. L’assoluzione di queste coraggiose paladine dei diritti umani dimostra che il tentativo di perseguimento penale non è stato altro che una tattica intimidatoria da parte delle autorità polacche. Li esortiamo a smettere di usare il sistema di giustizia penale per prendere di mira e molestare i difensori dei diritti umani semplicemente a causa del loro attivismo“.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Omosessualità Animali Gay

Animali gay, smettiamola di citare l’omosessualità in natura come sostegno alle nostre battaglie

Culture - Emanuele Bero 18.4.24
Taylor Swift per THE TORTURED POETS DEPARTMENT (2024)

Il nuovo album di Taylor Swift: no, non è Patti Smith (ma lei lo sa già)

Musica - Riccardo Conte 22.4.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Justin Bieber Jaden Smith

Il video del corpo a corpo d’amore tra Justin Bieber e Jaden Smith infiamma gli animi e scatena gli omofobi

Musica - Mandalina Di Biase 22.4.24
Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria - Lil Nas X - Gay.it

Lil Nas X: Long Live Montero, recensione. Essere icona queer, orgogliosa e rivoluzionaria

Cinema - Federico Boni 22.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24

Hai già letto
queste storie?

Pavel Lobkov

Mosca, giornalista mostra segni di aggressione “Così picchiano un fr**io”

News - Redazione Milano 2.1.24
Modifica legge federale Stati Uniti Gay.it

L’ONU contro le leggi anti-LGBTQIA+ degli Stati Uniti: “Violano gli accordi sui diritti umani”

News - Redazione 16.11.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all'assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO - Gay Center - Gay.it

Bastonate, fumogeni, scritte e insulti omofobi. Il branco all’assalto della sede Gay Center di Roma. VIDEO

News - Redazione 1.2.24
Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte - Josh Cavallo - Gay.it

Josh Cavallo replica agli omofobi che continuano a minacciarlo di morte

Corpi - Redazione 20.12.23
Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti - Giovanna Pedretti - Gay.it

Accusata di essersi inventata la recensione omofoba di un cliente, è morta la ristoratrice Giovanna Pedretti

News - Redazione 15.1.24
Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: "Ho rischiato di perdere l'occhio" - Pasquale Ciano 2 - Gay.it

Pasquale Ciano, aggressione omofoba a Sitges: “Ho rischiato di perdere l’occhio”

News - Redazione 13.12.23
la-normalita-dell-amore

Il mio libro di risposta a Vannacci: “La normalità dell’amore”, così un ragazzo replica alle retoriche d’odio del generale

Culture - Francesca Di Feo 1.2.24