Luca e Marco: 2 ragazzi che si amano contro una famiglia che non lo accetta

Luca e Marco sono due ragazzi di Torino. Marco, dopo il coming out, non è stato accettato dalla madre che lo crede ancora etero.

ragazzi
2 min. di lettura

Luca è un ragazzo di 18 anni che abita a Torino e da pochi mesi ha conosciuto Marco, 16 anni.

Mentre Luca, nome di fantasia, è dichiarato e i suoi genitori hanno accettato la sua omosessualità, lo stesso non si può dire per Marco. Il padre ha accettato il suo orientamento sessuale, nonostante la comune tensione a seguito del coming out. Essendo questo spesso fuori casa per lavoro, Marco vive con la madre, la quale invece non ha mai accettato veramente l’omosessualità del figlio. 

I numerosi coming out di Marco con la madre non sono serviti, perché la donna rimane convita della sua eterosessualità. Al ritiro del cellulare, con tanto di obbligo di non stringere rapporti con nessuno all’infuori dei compagni di scuola (ma solo ragazze), sono seguite le richieste da parte della madre di sapere con chi uscisse, addirittura chiedendo una foto delle persone presenti, oltre naturalmente a seguire h24 la posizione del suo smartphone.

I primi di ottobre Luca è andato a casa di Marco, data l’assenza della madre, che però è tornata prima del previsto, scoprendo la presenza del ragazzo. Dopo un interrogatorio in cui ha voluto sapere nome, cognome ed età, gli ha intimato di andarsene. Marco ha deciso di seguirlo. Sono iniziate le chiamate da parte della madre a Marco, fino all’ultima minaccia:Se non torni subito a casa, puoi considerarmi morta per te“. A quel punto, il 16enne è tornato a casa. L’ultimo messaggio risale a lunedì sera, quando Marco è riuscito a comunicare con Luca, spiegandogli che gli era stato tolto il cellulare e qualsiasi contatto era vietato. Non mangia da domenica e non fa altro che piangere.

La risposta della redazione

Questo è quello che Luca ci ha raccontato, descrivendo le tensione con la famiglia di Marco. Una famiglia che anche di fronte a ripetuti coming out non riesce ad accettare l’omosessualità del figlio, fino a rendergli la vita impossibile. Luca non sa cosa fare per sbloccare questo stallo che si è creato, dato che non ha un solo modo per parlare con il ragazzo.

La redazione di Gay.it consiglia a Luca ti cercare un modo per parlare in privato con Marco, e di comune accordo contattare il circolo Arcigay di Torino o il Gay Center, che ha messo a disposizione una Help Line (800.713.713) proprio per questi casi. Gli operatori forniranno alcune possibilità (anche legali) per riuscire a vivere in totale serenità la propria vita, in particolare quella sentimentale, avvertendo nel caso anche l’OSCAD, l’osservatorio della Polizia di Stato per la sicurezza contro gli atti discriminatori. 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
neineineinngmailcom 9.10.18 - 19:37

Impossibilitato a condividere su Whatsapp...

Trending

Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Kim Kardashian

Kim Kardashian ha provato lo sperma di salmone (e non è l’unica)

Corpi - Emanuele Corbo 12.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24

Hai già letto
queste storie?

Famiglie Arcobaleno, Corte d'Appello di Venezia "congela" i ricorsi di Padova: "Si pronunci la Corte Costituzionale" - Famiglie Arcobaleno - Gay.it

Famiglie Arcobaleno, Corte d’Appello di Venezia “congela” i ricorsi di Padova: “Si pronunci la Corte Costituzionale”

News - Redazione 11.7.24
Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: "Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno" - Augusto Barbera - Gay.it

Barbera, presidente Corte Costituzionale, al Parlamento: “Serve una legge sui figli delle famiglie arcobaleno”

News - Redazione 18.3.24
Tribunale Bergamo Congedi famiglie omogenitoriali.png

L’INPS discrimina le famiglie omogenitoriali, i congedi vanno previsti anche per loro, lo dice il Tribunale di Bergamo

News - Redazione Milano 29.1.24
Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme - Roma sindaco Gualtieri - Gay.it

Roma, il sindaco Gualtieri registra altri due atti di nascita formati all’estero di figlie di due mamme

News - Redazione 22.4.24
Roma, Gualtieri insiste e trascrive altri 3 certificati di nascita per 2 bambini e una bambina con 2 mamme - Roberto Gualtieri - Gay.it

Roma, Gualtieri insiste e trascrive altri 3 certificati di nascita per 2 bambini e una bambina con 2 mamme

News - Redazione 4.7.24
Elon Musk: "Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà". Per la gioia di Meloni e Salvini - Giorgia Meloni a Montecitorio con Elon Musk - Gay.it

Elon Musk: “Chiedo ai gay di avere figli per il proseguimento della civiltà”. Per la gioia di Meloni e Salvini

News - Redazione 25.3.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: "L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze". - papa per scelta - Gay.it

I Papà per Scelta celebrano i 7 anni di Unione: “L’amore può fare la differenza, ma non ha mai fatto differenze”.

Culture - Redazione 11.6.24