Rifiutato lo status di rifugiato politico a un uomo gay richiedente asilo, la motivazione: è gay ma non ha un ragazzo

Per i burocrati britannici, non puoi essere gay se non hai un ragazzo che lo dimostri.

rifugiato politico gay
2 min. di lettura

Otto volte. Per otto volte, la domanda di rifugiato politico era stata rifiutata dall’ufficio immigrazione del Regno Unito. Yew Fook Sam, 68 anni, non aveva più possibilità di rimanere nel Paese e sarebbe stato costretto  a tornare in Malesia, di cui era originario. Ma lì, aveva spiegato, sarebbe stato processato, arrestato e forse torturato. Ma gli ufficiali che dovevano concedere il visto non credevano che Sam fosse realmente omosessuale. Per una scusa a dir poco ridicola: non aveva un ragazzo.

Sam ha 68 anni. Tutti sappiamo quanto è complicato per un over50 trovare un fidanzato o almeno avere una relazione. Inoltre, Sam ha spiegato che non aveva bisogno di un partner. Alla fine, per ottenere lo status di rifugiato politico, è dovuto andare alla High Court, che gli ha concesso un permesso di soggiorno di 5 anni. Allo scadere, potrà richiedere un altro permesso, ma a tempo indeterminato.

L’ansia e la depressione di Sam per ottenere lo status di rifugiato politico

Sam, nella sua continua richiesta di un visto per rimanere nel Regno Unito, ha sperimentato l’ansia e la depressione per il ritorno in un paese dove non poteva essere sé stesso. Lì non avrebbe potuto vivere la sua vita liberamente. Rischiava inoltre di finire in carcere per anni, e rifiutato dalla società, in caso di arresto. Una vita fatta di segreti e ansie, insomma.

Ha dovuto iniziare una terapia per superare lo stato di depressione che la paura gli provocava. Parallelamente, collaborava con delle associazioni per aiutare altri richiedenti asilo come lui e LGBT, per le quali è diventato un attivista molto impegnato, e partecipa ogni anno al pride. Cerca di aiutare come può il paese che gli ha dato un posto dove stare e lo ha protetto, nonostante tutti i problemi e gli ostacoli burocratici che ha dovuto affrontare per ottenere lo status di rifugiato.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri - Specchio 8 - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Evans, Keoghan, Bailey e altri

Culture - Redazione 23.2.24
Mahmood Nei letti degli altri e l'amore gay

E fu così che Mahmood portò l’amore gay nel mainstream (e nei letti degli altri)

Musica - Mandalina Di Biase 19.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l'anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani? - Giorgia Meloni e Edi Rama - Gay.it

Giorgia Meloni dirotta in Albania 36.000 migranti l’anno. Che fine faranno le persone LGBTQIA+ in fuga dai paesi omobitransfobici africani?

News - Federico Boni 7.11.23