Salvini contro il Tribunale di Roma: “Padre e Madre sui documenti sono illegali? Non ho parole”

Da Palazzo Chigi, invece, fanno sapere che "la decisione sarà esaminata con particolare attenzione perché presenta evidenti problemi di esecuzione e mette a rischio il sistema di identificazione personale".

ascolta:
0:00
-
0:00
salvini
2 min. di lettura

Nella giornata di ieri il tribunale civile di Roma ha ribadito l’illegalità della norma voluta da Matteo Salvini nel 2019, quando da ministro dell’interno impose sulle carte d’identità dei minori la dicitura “padre e madre”. Dinanzi alla denuncia di due mamme, che si sono rifiutate di cedere all’obbligo ministeriale di far scrivere “mamma e papà” sui documenti della figlia, il tribunale ha precisato come “un documento che indichi una delle due donne come “padre” contiene una rappresentazione alterata, e perciò falsa, della realtà ed integra gli estremi materiali del reato di falso ideologico commesso dal pubblico ufficiale in atto pubblico”.

Un trionfo per le famiglie arcobaleno, che da 3 anni gridano allo scandalo per quella norma poi mai cancellata neanche dal Governo Conte II e dal Governo Draghi, con Matteo Salvini che ha finto stupore, e soprattutto di non capire quanto deciso dal giudice, criticandolo apertamente nella serata di ieri

Usare sulla carta d’identità le parole PADRE e MADRE (le parole più belle del mondo) secondo il Tribunale Civile di Roma sarebbe una violazione delle norme comunitarie e internazionali, da qui la decisione di sostituirle con la più neutra parola “genitore”. Illegali o discriminanti le parole MAMMA e PAPÀ? Non ho parole, ma davvero“, ha scritto il leader leghista, attuale ministro delle infrastrutture del governo Meloni. Evidentemente Salvini non coglie la follia giuridica e burocratica nel voler imporre ad una di due mamme la dicitura “papà” e ad uno di due papà l’etichetta “mamma”.

Da Palazzo Chigi, nel frattempo, fanno sapere che “l’ordinanza del Tribunale civile di Roma sulla qualifica di genitore nella carta di identità elettronica risale al 9 settembre 2022 e non è stata impugnata dal ministero dell’Interno. La decisione sarà esaminata dal governo con particolare attenzione perché presenta evidenti problemi di esecuzione e mette a rischio il sistema di identificazione personale“.

Un’evidente realtà che le associazioni LGBTQI+ denunciano da anni, dinanzi al menefreghismo della politica e agli sfottò della destra nazionale, che ha inventato di sana pianta la panzana di “genitore 1 e 2” per sminuire il dibattito, che mai ha contemplato alcuna numerazione. Prima che Salvini mettesse bocca sull’argomento, nel 2019, sui documenti c’era semplicemente scritto ‘genitore’, in modo del tutto neutro.

Il Tribunale di Roma ha dato torto a Salvini che, nel 2019 da ministro dell’interno, voleva cancellare a colpi di decreto le Famiglie Arcobaleno“, ha cinguettato Alessandro Zan. “Ancora una volta la destra fa provvedimenti illegali per ottenere facile consenso, colpendo i diritti di famiglie e dei loro figli”.

Eugenia Maria Roccella, ministra per la famiglia, la natalità e le pari opportunità, non ha ancora proferito parola sull’argomento. Giustamente felice, invece, Alessia Crocini, presidente di Famiglia Arcobaleno che ha così festeggiato la sentenza del tribunale civile di Roma.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Jonathan Bailey per @orlebarbrown

Jonathan Bailey, chi è l’attore gay sulla bocca di tuttə?

Culture - Luca Diana 22.6.24
Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
Fabio Marida Damato Chiara Ferragni Diletta Leotti Elodie

Chiara Ferragni e Fabio Maria Damato insieme al matrimonio tra Diletta Leotta e Loris Karius

Lifestyle - Mandalina Di Biase 23.6.24
Tormentoni Queer estate 2024

Estate 2024, quali sono i tormentoni queer? La playlist di Gay.it

Musica - Luca Diana 4.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24

Hai già letto
queste storie?

giovani-transgender-careggi-genitori-lettera-europa

La disperata lettera all’Europa di 259 genitori di adolescenti transgender per fermare l’attacco del Governo Meloni al Careggi di Firenze

News - Francesca Di Feo 9.2.24
albania-diritti-lgbtqia

Albania, tutte le promesse non mantenute dal governo in ambito di diritti LGBTQIA+

News - Francesca Di Feo 5.1.24
Aleksander Miszalski al cracovia pride

Polonia, il nuovo sindaco di Cracovia si unirà al Pride e isserà la bandiera rainbow sul Municipio

News - Francesca Di Feo 10.5.24
Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d'Appello: "Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica" - Famiglie Arcobaleno Sentenza Cassazione - Gay.it

Famiglie Arcobaleno dopo la sentenza della Corte d’Appello: “Ci vuole una legge, è palese discriminazione omofobica”

News - Federico Boni 6.2.24
meloni orban

35 ambasciate firmano una dichiarazione che condanna le leggi anti-LGBTQ ungheresi. Assente l’Italia

News - Redazione 21.6.24
Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?" - Nemo - Gay.it

Nemo replica a Vannacci: “Come può una gonna, un pezzo di stoffa, nauseare qualcuno?”

Musica - Redazione 4.6.24
Alleanza Verdi e Sinistra, exploit alle elezioni europee. Boom tra i giovani, eletti Ilaria Salis e Mimmo Lucano - Marilena Grassadonia Nicola Fratoianni e Mario Colamarino alla Pride Croisette di Roma - Gay.it

Alleanza Verdi e Sinistra, exploit alle elezioni europee. Boom tra i giovani, eletti Ilaria Salis e Mimmo Lucano

News - Federico Boni 10.6.24
Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia - Caitlyn Jenner - Gay.it

Caitlyn Jenner sostiene ancora Donald Trump e dispensa ancora transfobia

News - Redazione 19.3.24