Sam Smith, ricca donazione per la campagna australiana a favore del matrimonio egualitario

Sam Smith scende in campo per il matrimonio egualitario australiano.

Sam Smith, a breve di nuovo nei negozi con il 2° attesissimo album di inediti, ha messo mano al portafoglio per sostenere in modo diretto la campagna australiana sul matrimonio egualitario.

Da settimane il Paese è chiamato al voto per corrispondenza per dire sì o no alle nozze same-sex, con il Parlamento poi chiamato ad una decisione definitiva in materia. Sondaggi alla mano i favorevoli dovrebbero nettamente sconfiggere i contrari, ma la campagna prosegue e per riuscire a far breccia nell’elettorato c’è bisogno di sforzi continui, di denaro sonante.

Ed è qui che Smith, gay dichiarato, è intervenuto. Il cantante britannico, vincitore di 4 Grammy Awards e un Premio Oscar, ha infatti annunciato che donerà 1/3 dell’incasso totale del concerto che terrà il 16 gennaio prossimo all’Opera di Sydney. Ticket che partono dai 53.40 euro, con circa 2000 persone attese. La donazione, calcolatrice alla mano, dovrebbe quindi aggirarsi sui 33.400 euro, ovvero 30.000 sterline.

Janine Middleton, vice-presidente dell’associazione che sta portando avanti la battaglia per il matrimonio egualitario, ha voluto pubblicamente ringraziare il cantante:

Sam conosce le sfide che gli australiani LGBTI devono affrontare e la sua generosità ci aiuterà a raggiungere la giustizia e l’uguaglianza per tutti. Sam non avrebbe bisogno di farlo, non è australiano, ma sa cosa significhi vivere in una relazione che viene vista come ‘anormale’. Speriamo che il prima possibile l’uguaglianza di cui lui gode nel Regno Unito possa essere realtà anche qui in Australia‘.

TV

25 anni anni fa finiva Non è la Rai: ecco 10 momenti cult – video

Il 30 giugno del 1995 dallo Studio 1 del Centro Palatino a Roma andava in onda l'ultima puntata di Non è la Rai, ecco 10 momenti indimenticabili che hanno fatto la storia delle televisione italiana.

di Redazione