Sette coppie rifiutano l’adozione, la bimba down affidata a un papà single

La legge 184 del 1983 consente questa possibilità in rari casi, tra i quali quelli di bambini disabili.

Facebook Twitter Messenger Whatsapp

Una bambina affetta dalla sindrome di Down, in adozione perché abbandonata dalla mamma in ospedale appena nata, è stata ora affidata dai giudici a un papà single dopo ben sette rifiuti da parte di altrettante coppie di aspiranti genitori.

La storia, raccontata da Il Mattino, si è verificata a Napoli e la scelta, che ha pochi precedenti, è stata presa del Tribunale dei minori della città. Dopo il rifiuto delle famiglie in lista d’attesa per l’adozione, i giudici hanno infine preso in considerazione la richiesta, fatta svariato tempo prima, di un padre single, di potersi prendere cura di un bambino con disabilità.

La disponibilità dell’uomo è stata accolta, benché in Italia non sia consentita l’adozione a single: la legge 184 del 1983 consente questa possibilità in rari casi, tra i quali quelli di bambini disabili. Ora per la bambina e l’aspirante papà inizia un periodo di prova – il pre-affidamento –  trascorso il quale i giudici valuteranno la collocazione definitiva della bambina nella nuova famiglia.

Fonte: Corriere.it

Ti suggeriamo anche 

La Corte di Cassazione chiamata a decidere sulle adozioni per le coppie dello stesso sesso

Omofobia

Legge contro l’Omotransfobia, il bellissimo discorso di Laura Boldrini alla Camera – video

"Ognuno deve essere libero di amare chi desidera senza per questo cadere vittima di odio e discriminazioni", ha rimarcato l'ex presidente della Camera.

di Federico Boni